Golda Meir

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Golda Meir

Golda Meir, pseudonimo di Golda Mabovitz Meyrson (1898 – 1978), politico israeliano.

Citazioni di Golda Meir[modifica]

  • «Non esiste qualcosa come un popolo palestinese. Non è che siamo venuti, li abbiamo buttati fuori e abbiamo preso il loro paese. Essi non esistevano» (dichiarazione al The Sunday Times, 15 giugno 1969).
  • «Come possiamo restituire i territori occupati? Non c'è nessuno a cui restituirli» (8 marzo 1969).
  • «A tutti quelli che parlano in favore di riportare indietro i rifugiati arabi devo anche dirgli come pensa di prendersi questa responsabilità, se è interessato allo stato d'Israele. E bene che le cose vengano dette chiaramente e liberamente: noi non lasceremo che questo accada» (in un discorso alla Knesset, riportato su Ner, ottobre 1961.)
  • «Questo paese esiste come il compimento della promessa fatta da Dio stesso. Sarebbe ridicolo chiedere conto della sua legittimità». (Le Monde, 15 ottobre 1971)
  • «A me ha sempre fatto pena la gente che ha paura dei sentimenti, delle emozioni, e nasconde quello che prova e non sa piangere con tutto il cuore. Perché chi non sa piangere con tutto il cuore non sa nemmeno ridere a gola spiegata.». (Intervista con la Storia, Oriana Fallaci, Novembre 1972).

Citazioni attribuite a Golda Meir[modifica]

  • O arabi, noi vi potremmo un giorno perdonare per aver ucciso i nostri figli, ma non vi perdoneremo mai per averci costretto ad uccidere i vostri"[1]

Citazioni su Golda Meir[modifica]

  • A mio avviso, anche se non si è affatto d'accordo con lei, con la sua politica, la sua ideologia, non si può far a meno di rispettarla, ammirarla, anzi volerle bene. (Oriana Fallaci)
  • Certo la femminilità è un'opinione, però a me Golda sembrò una femmina in tutto e per tutto. Quel pudore dolce, ad esempio. Quell'ingenuità quasi incredibile e pensare che poteva essere così smaliziata e furba quando nuotava tra i vortici della politica. (Oriana Fallaci)

Note[modifica]

  1. Riferito da Fiamma Nirenstein su Radio radicale alle ore 6,30 del 21 gennaio 2009.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]