GoldenEye (film 1995)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

GoldenEye

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

GoldenEye

Lingua originale inglese
Paese Gran Bretagna, Stati Uniti d'America
Anno 1995
Genere spionaggio
Regia Martin Campbell
Soggetto basato su James Bond
Sceneggiatura Michael France, Kevin Wade,
Produttore Barbara Broccoli, Michael G. Wilson
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

GoldenEye, film angloamericano del 1995 con Pierce Brosnan e Isabela Scorupco, regia di Martin Campbell.

Frasi[modifica]

  • La considero un dinosauro misogino sessista, una reliquia della Guerra Fredda il cui puerile fascino, sprecato nel mio caso, ha invece colpito la giovane donna da me mandata a valutarla. (M)
  • Se lei pensa anche solo per un momento che io non abbia le palle per mandare un uomo a morire, il suo istinto le servirà a poco. Io non mi farò scrupolo di mandarla incontro alla morte, ma non sarà per un capriccio, o per il suo cavalleresco disinteresse per la vita. (M)
  • Lo sai James, sono sempre stato il migliore. (Trevelyan)

Dialoghi[modifica]

  • [Bond entra in un bagno dall'alto e c'è una persona che legge il giornale.]
    Bond: Avrei dovuto bussare. Le chiedo scusa.
    [Bond colpisce l' uomo con un pugno.]
  • Bond: Sono solo. [Parola d' ordine]
    Trevelyan: Non lo siamo tutti? [Risposta alla parola d' ordine] Sei in ritardo, 007.
    Bond: Sono andato al bagno.
    Trevelyan: C'è da salvare il mondo. Vieni?
    Bond: Dopo di te, 006.
  • Trevelyan: James, per l'Inghilterra.
    Bond: Per l' Inghilterra, Alec.
  • Bond: È troppo facile.
    Trevelyan: Metà della vita è fortuna James.
    Bond: E l'altra metà? [Suona l'allarme]
    Trevelyan: Destino. Regola il timer a sei minuti.
    Bond: Sei minuti, bene. [Arriva il colonnello Ourumov con i suoi uomini.]
    Colonnello Ourumov: Fuoco!
    Trevelyan: Il locale chiude, James, ultimo avviso.
    Bond: Il tempo di bere una birra.
    Colonnello Ourumov: Terroristi! Parla il colonnello Ouromov. Venite fuori con le mani sopra la testa.
    Bond: [Parla tra sè] Originale! [Parla ad Alec] Chiudi la porta, c'è corrente Alec! Alec! [Bond vede che il colonnello Ourumov ha catturato Trevelyan]
    Colonnello Ourumov: Venga fuori. Deponga le armi e cammini verso di me. Lentamente.
    Trevelyan: Completa la missione, James: falli saltare in aria!
    Colonnello Ourumov: Le concedo dieci secondi. [Bond cambia il tempo del timer e lo imposta a tre minuti.] Dieci... nove... otto... sette... sei... [Bond lascia le armi e si avvicina al colonnello Ourumov con le mani sopra la testa.] cinque... quattro... tre... due...
    Trevelyan: Per l' Inghilterra, James! [Il colonnello Ourumov gli spara. I soldati sparano a Bond.]
    Colonnello Ourumov: Non sparate, idioti! Colpirete i serbatoi del gas! [Parla a Bond.] Le offro un' ultima occasione: venga avanti con le mani sulla testa. [Bond prende un carrello con dei contenitori del gas e si ripara con quello per camminare. I soldati gli puntano le armi addosso.]
    Colonnello Ourumov: Fermi! [Un soldato gli spara e il colonnello Ourumov lo uccide.] Non può farcela. [Bond scappa.] Prendetelo! Sparate! Sparate! Cessate il fuoco! Fermi!
    [Bond corre verso un piccolo aereo che sta decollando, sale al volo e lotta con il pilota, Bond e il pilota cadono fuori dall' aereo. Bond prende una moto e corre verso l' aereo, l' aereo cade dall' altopiano, Bond lo segue con la moto e si lancia dall' altopiano, lo prende mentre cade e scappa. La base militare russa esplode.]
  • [Dopo che Q mostra a Bond la penna granata]
    Bond: Dicono che ne uccida più la penna che la spada.
    Q: E grazie a me quel detto è veritiero.
  • [Zukovsky sente l'arma di Bond sulla sua testa]
    Zukovsky: Walther PPK, 7.65 millimetri. Conosco solo tre uomini che la usano, e... e due di loro li ho già ammazzati.
    Bond: Sono fortunato.
    [Un altro uomo punta una pistola verso Bond]
    Zukovsky: Io credo di no.
  • Trevelyan: Salve, James.
    Bond: Alec?!
    Trevelyan: Tornato dall'aldilà, e non più stella anonima sulla lapide commemorativa del MI6. Che ti prende, James? Nessuna risposta secca? Non hai la battuta pronta?
    Bond: Perché?
    Trevelyan: Ehehehe! Divertente domanda, sopratutto se fatta da te. Tu ti sei mai chiesto perché abbiamo rovesciato tutti quei dittatori, fatto cadere i loro regimi per poi sentirci dire "ben fatto, bel lavoro ragazzi, però... ora sono cambiate le cose avete rischiato la vita per niente".
    Bond: Era il lavoro per cui eravamo stati scelti.
    Trevelyan: Ero sicuro che l'avresti detto. James Bond, il devoto cane da riporto di sua maestà, il difensore di un'improbabile fede. Oh, per favore James, metti via la pistola; è un insulto pensare che io non sia stato capace di anticipare ogni tua mossa.
    Bond: Sì.... io mi fidavo di te, Alec.
    Trevelyan: Fidarsi! Che stravaganza.
    Bond: Com'è potuto sfuggire al MI6 il fatto che i tuoi genitori erano Cosacchi di Linz?
    Trevelyan: Ancora una volta la tua fede è mal riposta: lo hanno sempre saputo. Siamo entrambi orfani, James, ma mentre i tuoi ebbero il lusso di morire in un incidente in montagna, i miei sopravvissero al tradimento inglese e alle vili esecuzioni staliniste, ma mio padre non si perdonò questa fortuna e fu travolto dai sensi di colpa. L'MI6 sottovalutò i miei ricordi di bambino e per una di quelle strane ironie della sorte il figlio andò a lavorare per lo stesso vile governo che aveva spinto il padre a uccidere se stesso e sua moglie.
    Bond: E da questo è nato Ianus: Giano bifronte, il Dio romano dalla doppia faccia.
    Trevelyan: Ma non è stato un Dio a darmi questo volto, sei stato tu, regolando i timer a 3 minuti anziché a 6.
    Bond: Che dovrei fare, essere desolato per te?
    Trevelyan: No, dovrai solo morire per me.
  • Xenia: La pistola non ti serve...
    Bond: Dipende da cosa intendi per sesso sicuro.
  • [Bond afferra Trevelyan salvandolo da una caduta nel vuoto]
    Trevelyan: Per l'Inghilterra, James?
    Bond: No, per me. [Bond lascia cadere Trevelyan]

Altri progetti[modifica]