Harriet Beecher Stowe

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Harriet Beecher Stowe

Harriet Elizabeth Beecher Stowe (1811 – 1896), scrittrice statunitense.

La capanna dello zio Tom[modifica]

Incipit[modifica]

Era una giornata freddissima del mese di febbraio, e nella città di P..., nel Kentucky ad ora già avanzata due gentlemen, seduti col bicchiere in mano in una ricca sala da pranzo, liberi dall'incomoda presenza dei servi, discorrevano con molto calore sopra un argomento di alta importanza.
Abbiamo detto due gentlemen, ma per modo di dire; perché uno di essi, attentamente osservato, a tutto rigore non appariva tale.

[Harriet Beecher Stowe, La capanna dello zio Tom, Salani, Firenze, 1930.]

Citazioni[modifica]

  • Ah, come sono vere le grandi, le eterne parole: "Non potrà conservarsi libera nessuna nazione in cui la libertà è un privilegio e non un principio"! (dalla Prefazione dell'autrice alla prima edizione europea, Andover, 21 settembre 1852; 1988)
  • Ma che bisogno c'è di ripetere la storia, narrata troppo spesso, tutti i giorni narrata! di cuori infranti e spezzati, dei deboli affranti e torturati a profitto e vantaggio del forte? Non c'è bisogno di dirla: viene ripetuta ogni giorno anche all'orecchio di Uno che ode, anche se tace da tanto tempo! (cap. XII; 2001, p. 150)
  • Le bastonate e i maltrattamenti sono come il laudano: è necessario raddoppiare la dose col declinare della sensibilità. (cap. XX; 2001, p. 285)
  • Ah, non lo compiangete! Una vita e una morte come le sue non devono destare pietà. La gloria celeste non si raggiunge con le ricchezze e col potere, ma con l'abnegazione, la sofferenza e l'amore. Felici coloro che Egli elegge a compagni, per portare con pazienza la loro croce dietro a Lui! Per essi è scritto: «Beati quelli che piangono, perché saranno consolati». (cap. XLI; 2001, p. 469)

Citazioni su Harriet Beecher Stowe[modifica]

  • La piccola signora che ha causato questa grande guerra. (attribuita ad Abramo Lincoln)

Bibliografia[modifica]

  • Harriet Beecher Stowe, La capanna dello zio Tom, Salani, Firenze, 1930.
  • Harriet Beecher Stowe, La capanna dello zio Tom, Biblioteca Universale Rizzoli, Milano, 1988.
  • Harriet Beecher Stowe, La capanna dello zio Tom, traduzione di Beatrice Boffito, Fabbri Editori, Milano, 2001.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]