Ikkyū Sōjun

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Ikkyū Sōjun

Ikkyū Sōjun nome originale 一休宗純 (1394 − 1481), monaco buddista, calligrafo e poeta giapponese.

Citazioni su Ikkyu Sojun[modifica]

  • Ikkyu, il maestro Zen, era molto intelligente anche da bambino. Il suo insegnante aveva una preziosa tazza da tè, un oggetto antico e raro. Sfortunatamente Ikkyu ruppe questa tazza e ne fu molto imbarazzato. Sentendo i passi dell'insegnante, nascose i cocci della tazza dietro la schiena. Quando comparve il maestro, Ikkyu gli domandò: "Perché la gente deve morire?". "Questo è naturale" spiegò il vecchio. "Ogni cosa deve morire e deve vivere per il tempo che le è destinato." Ikkyu, mostrando la tazza rotta, disse: "Per la tua tazza era venuto il tempo di morire". (da 101 storie Zen)
  • Subito prima che Ninakawa morisse, gli fece visita il maestro di Zen Ikkyu. "Devo farti da guida?" domandò Ikkyu. Ninakawa rispose: "Sono venuto qui da solo e da solo me ne vado. Che aiuto potresti darmi?" Ikkyu rispose: "Se credi veramente che vieni e che vai, questo è il tuo errore. Lascia che ti mostri il sentiero dove non si viene e non si va". Con queste parole Ikkyu aveva rivelato il sentiero con tanta chiarezza che Ninakawa sorrise e spirò. (da 101 storie Zen)

Bibliografia[modifica]

  • AA.VV., 101 storie Zen, Adelphi 1973. A cura di Nyogen Senzaki e Paul Reps. ISBN 8845901602

Altri progetti[modifica]