Il diavolo veste Prada

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Il diavolo veste Prada

Immagine The devil wears prada logotipo.jpg.
Titolo originale

The Devil Wears Prada

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2006
Genere commedia
Regia David Frankel
Soggetto Lauren Weisberger (romanzo)
Sceneggiatura Aline Brosh McKenna
Produttore Wendy Finerman
Interpreti e personaggi

Il diavolo veste Prada, film statunitense del 2006 con Meryl Streep, regia di David Frankel.

Frasi[modifica]

  • Oh, ma certo, ho capito: tu pensi che questo non abbia nulla a che vedere con te. Tu apri il tuo armadio e scegli, non lo so, quel maglioncino azzurro infeltrito per esempio, perché vuoi gridare al mondo che ti prendi troppo sul serio per curarti di cosa ti metti addosso, ma quello che non sai è che quel maglioncino non è semplicemente azzurro, non è turchese, non è lapis, è effettivamente ceruleo, e sei anche allegramente inconsapevole del fatto che nel 2002 Oscar de la Renta ha realizzato una collezione di gonne cerulee e poi è stato Yves Saint Laurent se non sbaglio a proporre delle giacche militari color ceruleo. [...] E poi il ceruleo è rapidamente comparso nelle collezioni di otto diversi stilisti. Dopodiché è arrivato a poco a poco nei grandi magazzini e alla fine si è infiltrato in qualche tragico angolo casual, dove tu evidentemente l'hai pescato nel cesto delle occasioni, tuttavia quell'azzurro rappresenta milioni di dollari e innumerevoli posti di lavoro, e siamo al limite del comico quando penso che tu sia convinta di aver fatto una scelta fuori delle proposte della moda quindi, in effetti, indossi un golfino che è stato selezionato per te dalle persone qui presenti... in mezzo a una pila di roba. (Miranda)
  • Non capisco perché sia tanto difficile confermare un appuntamento. I dettagli sulla tua incompetenza non mi interessano. Di' a Simon che non intendo approvare la scelta della ragazza per il servizio brasiliano, gliel'ho chiesta pulita, atletica, sorridente, me l'hanno mandata sciatta, moscia e con la pancia. Rispondi sì per la festa di Michael Kors, l'autista mi accompagnerà alle nove e mezza e mi riprenderà alle nove e quarantacinque precise, poi chiama Natalie alla Glorious Foods e dille di no, per la quarantesima volta no, non voglio la dacquoise, voglio delle torte col ripieno di composta di rabarbaro. Chiama il mio ex marito e ricordagli la riunione stasera con gli insegnanti alla Dalton, poi chiama mio marito, digli che ci vediamo a cena in quel posto dove sono andata con Massimo. (Miranda)
  • Io assumo sempre lo stesso tipo di ragazza: alla moda, magra ovviamente... e che venera la rivista, ma capita poi che si rivelino spesso, non lo so, deludenti e... stupide. Perciò con te, con quel curriculum notevole e il grande discorso sulla tua cosiddetta etica del lavoro ho creduto che tu potessi essere diversa, mi sono detta, provaci, corri il rischio, assumi la ragazza sveglia e grassa. Avevo una speranza, mio Dio, io vivo di speranze. Comunque alla fine mi hai deluso più tu di... di tutte le altre ragazze galline. (Miranda)
  • Andy, siamo seri, non stai facendo il massimo. Tu ti stai lamentando. Che cosa vuoi che ti dica, eh? Vuoi che ti dica:"Poverina, Miranda ti ha preso di mira, poverina, povera Andy"? Mmh? Sveglia, quarantadue! Lei non fa che il suo mestiere. Non lo sai che lavori nel posto che ha pubblicato alcuni tra i più grandi artisti del secolo? Lagerfeld, de la Renta... e quello che hanno fatto, quello che hanno creato, è stato più creativo dell'arte stessa. Perché tu ci vivi dentro la tua vita. Be', tu no, ovviamente, ma alcune persone sì. Tu credi che questa sia semplicemente una rivista. Questa non è semplicemente una rivista... questo è un luminoso faro di speranza per... n-non lo so... diciamo un ragazzino che cresce a Rhode Island con sei fratelli che fa finta di andare a calcio mentre invece va a scuola di cucito e legge Runway sotto le coperte di notte con una torcia! Tu non sai quanti personaggi leggendari siano passati in questi corridoi e, quel che è peggio, non ti interessa; perché tante persone si ammazzerebbero per lavorare qui e invece tu ci onori della tua presenza. E ti chiedi anche perché lei non ti dia un bacio sulla fronte e non ti metta la lode quando le consegni i compiti alla fine della giornata? Svegliati, tesoro. (Nigel)
  • Scarpe Jimmy Choo, Manolo Blahnik, Nancy Gonzales la adoro! Ok Narciso Rodriguez questo ci piace tanto, ah si! Potrebbe starti, potrebbe. (Nigel)
  • Ok, ora Chanel, hai un disperato bisogno di Chanel. (Nigel)
  • Fammi sapere quando la tua vita va completamente all'aria, vuol dire che è l'ora della promozione. (Nigel)
  • È tutto. (Miranda)
  • Il punto è che dobbiamo seriamente pensare a dove piazzare Donatella perché non parla praticamente più con nessuno. (Miranda)
  • Oh, non essere ridicola, Andrea! Tutti vogliono questa vita. Tutti vogliono essere noi. (Miranda).
  • [Riferito alla proposta di un servizio fotografico in stile floreale] "Floreale"? In primavera? Avanguardia pura. (Miranda).

Dialoghi[modifica]

  • Andrea: Salve, ho un appuntamento con Emily Charlton.
    Emily: Andrea Sachs? Stupendo! Alle risorse umane hanno davvero un curioso senso dell'umorismo.
  • Nigel: Minestra di mais... Scelta interessante. Lo sai, vero, che la cellulite è uno degli ingredienti principali della minestra di mais?
    Andrea: E così qui le ragazze non mangiano niente?
    Nigel: Non più, da quando la taglia quaranta è diventata la nuova trentotto e la trentotto la trentasei.
    Andrea: Io porto la quarantadue.
    Nigel: Che è la nuova cinquantasei.
    Andrea: [macchiandosi] Hmm! Cavolo!.
    Nigel: Oh, che t'importa... sicuramente sarai piena di maglioncini misto acrilico nell'armadio dove hai preso quello.
    Andrea: Ok, trovi orrendi i miei vestiti... l'ho capito. Ma vedi, io non rimarrò per sempre nel campo della moda, perciò non vedo il motivo per cui devo cambiare tutto di me solo perché lavoro qui.
    Nigel: Sì, hai ragione. In fondo questa industria multimiliardaria gira intorno a questo... Alla bellezza interiore!
  • Andy: Mi odia, Nigel.
    Nigel: Ed è un mio problema perché? Ah. aspetta, no, non è un mio problema!
  • Andy: Nigel, Nigel, Nigel...
    Nigel: Noo! Non so che cosa pretendi da me. Non c'è nulla in questo guardaroba in cui entri una 42, te lo posso garantire!
  • Andy: Un poncho?.
    Nigel: Ora tu prendi quello che ti do e te lo fai piacere.

Altri progetti[modifica]