Il sapore della vittoria

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Il sapore della vittoria

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Remember the Titans
Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 2000
Genere drammatico
Regia Boaz Yakin
Sceneggiatura Gregory Allen Howard
Produttore Jerry Bruckheimer
Interpreti e personaggi

Il sapore della vittoria, film statunitense del 2000, di Boaz Yakin con Denzel Washington.

Frasi[modifica]

  • Dobbiamo essere perfetti. A tutti i livelli del gioco. Chi manca un passaggio: un miglio di corsa, chi manca un bloccaggio: un miglio di corsa. Provate a perdere la palla e io vi prenderò a calci in quel posto, nero o bianco che sia, fino a rompermi il piede... e poi un miglio di corsa. Perfezione! (Coach Boone)
  • Trovati una posizione comoda lì per terra! È meglio per te! (Julius)
  • Se permette Lei... pretendeva di più da noi... pretendeva la perfezione. Io non dico che sono perfetto perché non lo sono e mai lo sarò come nessuno di noi, ma abbiamo vinto ogni partita che abbiamo giocato, fino ad oggi, questa squadra perciò è perfetta. Perfetta ha fatto il suo ingresso in campo stasera e se Lei non ha nulla in contrario Coach Boone, perfetta lo lascerà. (Julius)
  • Herman dovrebbe darmi una mano. Harry mi sta facendo nero stasera! (Coach Yoast)
  • Tra bianchi e neri, dice la gente, non può funzionare. Ma qui da noi facciamo in modo che funzioni. Abbiamo i nostri contrasti naturalmente, ma sempre, prima che si trasformino in odio, ci ricordiamo sempre dei Titans. (Sheryl Yoast)
  • [guardando il campo da gioco] Mhh.. Sì, ecco il mio santuario, eccolo qui. Fuori il vortice dei disordini e degli odi e qui, sempre tutto uguale: lotta, sopravvivenza, vittoria, sconfitta... È soltanto un gioco, ma io lo amo. (Coach Boone)
  • Nella mitologia greca i Titani erano superiori agli stessi dei. Dominavano l'universo con potere assoluto. Be', quel campo da football là fuori è il nostro universo. Dominiamolo da veri Titani. (Coach Boone)

Dialoghi[modifica]

  • Coach Boone: Abbassa quella mano. Sorridi?
    Petey: Sì...
    Coach Boone: Sì, signore!
    Petey: Sì, signore!
    Coach Boone: E perché sorridi?
    Petey: Perché... perché amo il football... il football è bello!
    Coach Boone: È bello signore...
    Petey: Signore...
    Coach Boone: È bello?
    Petey: Si!
    Coach Boone: Sicuro?
    Petey: Penso di...
    Coach Boone: Ah, pensi! Prima sorridi e poi pensi! Pensi sempre che il football sia bello?
    Petey: Ehm... Si!
    Coach Boone: Signore...
    Petey: Si! No! Signore... signore... era bello!
    Petey: Adesso non più vero? Vero?
    Petey: Adesso non più no no!
    Coach Boone: No... Non è più bello! Non è bello neanche un po'!
    Petey: Un pochin... no no no...
    Coach Boone: Forza deciditi, pensa! Visto che adesso pensi, pensa! È bello?
    Petey: No no, Signore!
    Coach Boone: No? Assolutamente no?
    Petey: Zero! Niente Signore!
    Coach Boone: Buongiorno a tutti, sono il coach Boone e sono qui per dirvi quanto sarà... bello giocare a football quest'anno
  • Ray: Vediamo... Come si chiama tuo padre? Aspetta! Ce l'hai un padre, vero?
    Petey: Si ce l'ho un padre... si chiama Eric.
    Ray: E che cosa fa? Aspetta! Ce l'ha un lavoro, vero?
  • Alan: [ascoltando e ballando una canzone country]: Eh! Questa... È stupenda! Neanche te lo dovrei chiedere ma... sentiamo: che ne pensi di questa?
    Blue: Lo sai che la tortura è stata proibita dall'ottavo emendamento?
  • Petey: [parlando del fatto che Raggio di Sole avesse baciato Gerry e insinuando che sia gay] Hey Raggio di Sole! Non che m'importi molto ma, visto che sono il tuo compagno di stanza... Non facevi sul serio con Bertier, vero? Volevi solo farlo incavolare non sei un...
    Raggio di Sole: Ma di che parli Petey?
    Petey: Non m'importa niente! Guarda... Ma se sei un... Io lo devo sapere ecco!
    Raggio di Sole: Se non t'importa... Qual è il problema?
    Petey: Lo devo sapere.
    Raggio di Sole: Che cosa?
    Petey: [ inizia ad alterarsi e si alza con aria minacciosa] Lo sai che cosa! Non farmi incavolare!
    Ragazzo: Il coach l'ha fatto stare troppo con la testa sotto il sole...
  • Nicky Boone: Che stai facendo?
    Sheryl Yoast: Solo qualche cesto... Vuoi giocare? [Le passa la palla]
    Nicky Boone: [evita la palla e mostra le mani] Mi sono appena messa lo smalto!
  • Ragazzo: Parli con la mia ragazza?
    Petey: Non vedo vacche qui intorno... Non riesco a capire il senso della tua domanda!
  • [visionando il video di una partita] Sheryl Yoast: Lo schema Veer sta andando meglio è vero, ma siamo ancora deboli a sinistra!
    Coach Boone: Non siamo deboli a sinistra, dobbiamo solo lavorare di più a sinistra, tutto qui...
    Sheryl Yoast: Non è questo il problema!
    Coach Boone: E qual è il problema?
    Sheryl Yoast: Non è questo è nelle letture sui lanci!
    Coach Boone: Ma che c'entra! Ė una corsa non un lancio! La Veer è una corsa non è un lancio!
    Carol Boone: Oh, sentite voi due adesso basta! Sheryl perché non vai a giocare con Nicky?
    Sheryl Yoast: Io odio giocare con le bambole!
    Nicky Boone: Non sto giocando, sto scegliendo gli accessori!
    Coach Boone: Si vai a scegliere gli accessori, non vuoi scegliere gli accessori insieme? [riceve uno sguardo minaccioso da parte della bambina]
  • Coach Boone: [incoraggiando Raggio di Sole] Si che sei in grado! Quando avevo quindici anni persi mia madre e mio padre nel giro di un mese, dodici tra fratelli e sorelle, io ero l'ultimo ma dovetti badare a tutti quanti! Neanche io ero in grado ma avevano bisogno di me. Stasera la squadra ha bisogno di te! [...]
    Coach Hines: Eravate dodici tra fratelli e sorelle?
    Coach Boone: Otto.
    Coach Hines: Già... dodici fa più effetto...
  • [Julius entra nella stanza d'ospedale dove si trova Gerry] Infermiera: Possono entrare solo i familiari.
    Gerry: Harris, di' un po', sei cieca? Non lo vedi che siamo come due gocce d'acqua? È mio fratello.
  • Gerry: Avevo paura di te Julius. Paura di quello che non conoscevo. Ora mi rendo conto che odiavo mio fratello.
    Julius: Sai che cosa facciamo? Quando... quando sarà finito tutto? Andremo ad abitare nello stesso quartiere, ci stai? E.. diventeremo vecchi e grassi. E ce ne infischieremo di chi è bianco e di chi è nero.
    Gerry: Lato sinistro.
    Julius: Lato forte.
  • Gerry: Permette una domanda, Sig. Campbell?
    Julius: Aha!
    Gerry: Qual è la sua arma segreta?
    Julius: Andiamo lo sai qual'è! Il potere nero!
    Gerry: Qual è la sua arma segreta??
    Julius: Ma che domande sono?! È il potere nero!
    Garry: Risposta esatta!
    Julius: Bene! Permette una domanda Sig. Bertier?
    Gerry: Certo!
    Julius: Quanto è forte lei?
    Gerry: Il più forte di tutti!
    Julius: Come?
    Gerry: Il più forte di tutti!
    Julius: Oooh forte quanto?
    Gerry: Più di tutti!
    Julius: Risposta esatta!
    Gerry: E voglio vincere!
    Julius: No io voglio vincere!
    Gerry: Voglio vincere!
    Julius: No io voglio vincere!
    Gerry: [rivolgendosi al resto della squadra] E voi volete vincere?
    Tutta la squadra: Si!
    Gerry: Non vi ho sentito! Volete vincere?
    Tutta la squadra: Si!
    Tutti: Uhaaaaaa!

Altri progetti[modifica]