Janet Evanovich

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Janet Evanovich

Janet Evanovich (1943 — vivente), scrittrice statunitense. Ha usato anche lo pseudonimo Steffie Hall.

Incipit di Due di troppo[modifica]

Sapevo che Ranger mi era accanto perché vedevo il suo orecchino che scintillava alla luce della luna. Tutto il resto di lui — la T-shirt, il giubbotto, i capelli imbrillantinati e la Glock nove millimetri — era nero come la notte. Persino il colore della sua pelle sembrava essersi scurito di un paio di toni. Ricardo Carlos Manoso, il camaleonte cubano-americano.
Io, da parte mia, occhi azzurri e pelle chiara, ero il prodotto di un'unione italo-ungherese e il mio camuffamento per un'attività notturna clandestina non era nemmeno lontanamente all'altezza del suo.

Bibliografia[modifica]

  • Janet Evanovich, Due di troppo, traduzione di Stefano Massaron, TEA, 2009. ISBN 9788850218363

Altri progetti[modifica]