Jaroslav Hašek

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jaroslav Hašek

Jaroslav Hašek (1883 – 1923), scrittore, umorista e giornalista ceco.

Il buon soldato Sc'vèik[modifica]

Incipit[modifica]

Come ebbe luogo
l'intervento del buon soldato Sc'vèik
nella guerra mondiale


"Sicché ci hanno ammazzato Ferdinando," disse la fantesca al signor Sc'vèik, che avendo lasciato da qualche anno il servizio nell'esercito per essere stato dichiarato idiota dalla commissione medica militare, ora viveva vendendo degli orribili cani, ibridi mostri pei quali compilava delle fittizie genealogie.
Come se questa occupazione non bastasse, era affetto da reumatismi, e proprio in quel momento si stava frizionando i ginocchi con l'unguento di opodeldok.
"Quale Ferdinando, signora Müller?" domandò Sc'vèik senza cessare di massaggiarsi i ginocchi. "Io conosco due Ferdinandi: il primo è commesso dal droghiere Prušy, e una volta si bevve per isbaglio una bottiglia di lozione per capelli; e poi conosco anche Ferdinando Kòkoška, che raccoglie lo sterco di cane. Per tutti e due non sarebbe un gran male."

Explicit[modifica]

Il sottotenente Dub, urtato dalle cocenti allusioni di poco prima, picchiettava un dito sul tavolo e tutt'a un tratto, di punto in bianco, s'era rivolto al capitano Sàgner:
"Col sottoprefetto dicevamo sempre: 'Il patriottismo, la fedeltà al dovere e l'abnegazione sono le vere armi in una guerra.' Queste parole mi vengono in mente specialmente adesso che le nostre truppe stanno per attraversare il confine da un giorno all'altro."

Bibliografia[modifica]

  • Jaroslav Hašek, Il buon soldato Sc'vèik (Osudy dobrého vojàka Švejka), traduzione di Renato Poggioli e Bruno Meriggi, Universale Economica Feltrinelli, 2003. ISBN 8807810484

Altri progetti[modifica]