Josip Broz Tito

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Josip Broz Tito (1892 – 1980), politico jugoslavo.

  • La pace durerà cent'anni, ma dobbiamo esser pronti a entrare in guerra domani. (citato in Rivoluzionario Emir Kusturica, Corriere della sera, 17 gennaio 2010)
  • Studiamo e prendiamo ad esempio il sistema Sovietico, ma stiamo sviluppando il socialismo nel nostro paese in forme in qualche modo differenti. (dalla lettera a Stalin e Molotov, 1948[1])
  • [A Stalin] Smettila di mandare persone ad uccidermi. Ne abbiamo già catturati cinque, di cui uno con una bomba e uno con un fucile. Se non la smetti di mandarmi sicari, ne manderò io uno a Mosca, e non avrò bisogno di mandarne un secondo.[2]

Citazioni su Josip Broz Tito[modifica]

  • Se ripenso a Tito, cui si deve uno degli slogan più squallidi – "La pace durerà cent'anni, ma dobbiamo esser pronti a entrare in guerra domani" –, mi viene da identificarlo con il protagonista di quel racconto di Cechov che, a forza di pensare a cose ordinarie in modo ordinario, finisce per non esistere più. (Emir Kusturica)

Note[modifica]

  1. Letter to Comrades J. V. Stalin and V. M. Molotov, Apr 13 1948; Quoted in TIME, Aug 23, 1948
  2. Messaggio trovato fra gli effetti personali di Stalin; citato in Robert Service, "Stalin: A Biography" (Cambridge, Mass.: Harvard University Press, 2005), p. 592.

Altri progetti[modifica]