L'allenatore nel pallone

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

L'allenatore nel pallone

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale L'allenatore nel pallone
Paese Italia
Anno 1984
Genere commedia, comico
Regia Sergino Martino
Sceneggiatura Lino Banfi, Romolo Guerrini, Sergio Martino, Franco Verucci
Attori

L'allenatore nel pallone, film del 1984 con Lino Banfi, regia di Sergio Martino.

Frasi[modifica]

  • Sarò muto come un pesce... che si è operato alle corde vocheli. (Canà)
  • Tutti gli intrallazzi si fanno a Torino. (Canà)
  • Oronzo Canà, si lo so, la iena del tavoliere. Grandissimo mediano di rottura. Bravo! (Bergonzoni)
  • Abbiamo la iena e la volpe. La iena e the fox. Bravissimo! (Bergonzoni)
  • Ma che denaro liquido che quello fattura settecentocinquantamila lire l'anno. Un pastificio che si chiama Mosciarelli, chi se la compra la pasta, è pure scotta! Sa che hanno mandato un carico nel Biafra e ce lo hanno mandato indietro la pasta? (Canà parlando dello sponsor, il pastificio Mosciarelli)
  • La donzelletta vien dalla campagna... e la chiappa si bagna. (Bergonzoni)
  • Io ho scoperto che tu non sei né figlio d'emigrante, né figlio di preta pura, tu sei proprio figlio di puttena... Neto! (Canà)
  • Ma quante mammelle aveva la mamma di questo Giginho? Che c'aveva la centrale del lecce? (gioco di parole con leche, spagnolo, e leite, portoghese, per latte) (Canà)
  • C'è 4-5-1 o 4-4-2, io invece uso una cosa diversa: il 5-5-5. (Canà)
  • Mentre i cinque della difesa vanno avanti, i cinque attaccanti retrocedono e così viceversa. Allora la gente pensa: «Ma quelli che c'hanno cinque giocatori in più?» Invece no, perché mentre i cinque vanno avanti, gli altri cinque vanno indietro, e durante questa confusione generale le squadre avversario si diranno: «Ah! Ah! Che cosa sta succedendo?». E non ci capiscono niente. (Canà)
  • Brasil la nostalgia du Brasil. Brasil sta lì, l'Italia aqui. Arì. Arì. Aristoteles adesso adesso dorme aqui. Arì. Arì. Sognà. Sognà. E speriamo che domenica vuoi segnà! Magar. Magar. Cicos, cicos, Canos, Canos... (Canà canta la ninna nanna)
  • Obrigado, mister! (Aristoteles)
  • La Longobarda è Aristoteles, e Aristoteles è la Longobarda. (Canà al processo del lunedì)
  • Se Zico ha giocato con i guanti, il mio Aristoteles giocherà col cappotto! (Canà)
  • Sorridi! (Canà rivolto a Crisantemi mentre entra in campo)
  • Grass, pelato, brut... Che schifo. Culatun! (Il Capotreno dopo aver visto Canà supplicare Aristoteles di non partire)
  • Mi chiamano "L'insaziabile"... (Bergonzoni)
  • Arbitro sei un cornutaccio! (Canà)
  • Domenica un solo grido ci deve unire: vincere e vinceremo! (Canà dalla finestra di casa ai tifosi esultanti dopo la vittoria con la Lazio)
  • Perdere! e perderemo! (Comm. Borlotti a Canà nella scena immediatamente seguente)
  • Castegner! E Rummenigge sta sempre a segner! (Canà all'annuncio dell'acquisto di Rummenigge)
  • Ma lo sa che noi attraverso le cessioni di Falchetti e Mengoni riusciamo ad avere la metà di Giordano? Da girare all'Udinese per un quarto di Zico e tre quarti di Edinho. (Comm. Borlotti)
  • Sono riuscito ad avere i tre quarti di Gentile e i sette ottavi di Collovati, più la metà di Mike Bongiorno. In conclusione, noi abbiamo ottenuto la comproprietà di Maradona in cambio di Falchetti e Mengoni. (Comm. Borlotti)

Dialoghi[modifica]

  • Mara Canà: Mi fai schifo! Non hai nessuna sensibilità. Guarda il Barone come sta in panchina. Guardalo, lui sì che non perde il suo self control. Anche dopo il gol non esprime emozioni. Mentre te quando stai in panchina sembri un tarantolato!
    Oronzo Canà: Terrona ignorante. Tarantolato. Io dovrei avere il premio per il self control dopo diciott'anni che ti sopporto, maledetta disgrazieta! Grazie: self control, c'ha tutto quello che vuole il Barone Nils Liedholm: Il vigneto, l'oliveto, i vini DOC, i vini DIC e pure i soldi. Sempre. Panchina lunga...
  • Aldo Biscardi: Può rivelarci chi sarà il nuovo allenatore?
    Borlotti: Io sono un impulsivo un istintivo, sono abituato a fare di testa mia. E colgo l'occasione che siamo qui in televisione, che tutti gli sportivi ci vedono, per comunicare la mia decisione anche all'interessato, il nome di cui è Oronzo Canà.
  • Borlotti: Indovini chi le ho preso? Ma...
    Canà: Ma...
    Borlotti: Mara...
    Canà: Mara... c'è mia moglie Mara? Dov'è? Mara...
    Borlotti: Marado...
    Canà: Marado...
    Borlotti: Maradona!
    Canà: Marado... Maradonna Benedetta dell'Incoroneta!
  • Canà: Senti, qual è la cugina di Éder?
    Giginho: La terza della direita è la prima di Éder.
    Canà: La terza della derecia e la prima di... ma è la terza o la prima?
    Giginho: La prima che è la cugina, la segunda.
    Canà: Ah la secunda è la cugina e la prima...
    Bergonzoni: La prima vuol dire la cugina ed è dietro la quinta.
    Canà: Ah, quindi questa non c'è. Emm... È dietro la quinta adesso.
    Bergonzoni: Ma che dietro la quinta non c'è. Dietro la quinta là.
    Canà: Ah, la quinta...
    Bergonzoni: Prima c'è quella con su una bella quarta e subito dopo c'è la sesta.
    Giginho: La prima, che è la cugina, è la sesta.
    Canà: Cioè la prima è la sesta, e la quinta che dice lui dov'è?
    Bergonzoni: Insomma, mia zia è la prima? No, perché è mia zia, sennò sarebbe cugina, porta una bella quinta, ma è la prima. Mia cugina è la sesta.
    Canà: Senti a me di tua zia non me ne frega niente! Io voglio sapere questa cazzo di cugina di Éder dove cavolo sta?!
    Bergonzoni: Son tutte belle. Hanno tutte dei bei numeri.
  • Dottor Socrates: Vaffanculo a te, mammeta...
    Canà: ... e Socrates!
  • Canà: Sicché lui adesso sta a Firenze a parlare con Picchio De Sisti ed io son venuto qua in Brasile dove tutti vengono o per le donne o per i giocatori... io son venuto farmi fare l'appendicite. Hai capito com'è?! [Canà sputa in faccia a Bergonzoni] Io a uno lo devo sputare in faccia sennò con chi mi sfoga? Anzi, scusa... [Canà sputa verso l'alto due volte] So' più soddisfatto adesso.
    Bergonzoni: Senti, ma perché hai fatto così?
    Canà: Mi sono sputato in faccia da solo. Uno che a quarantott'anni viene a Rio a farsi fa l'appendicite, vuoi che non si sputi in faccia da solo?
  • Canà: Io che tipo di zona uso? Che uso io? La? La bi..?
    Allenatore in seconda: La biro...
    Canà: La... la biro. Quindi io uso la biro, il signor De Sisti usa il pennarello vero? Trapattoni invece usa la penna stilografica, senza inchiostro dentro, perché invece dell'inchiostro ci sputa dentro all'occhio direttamente del suo allenatore in seconda. Ma che-che-che chevolo c'entra. Io sto parlando della bizona!
  • Ceretti: E... che tattica adopererete? Adotterete anche voi la zona?
    Canà: No, io adotto un altro tipo di tattica: la BIZONA.
    Ceretti: E che cosa sarebbe la bizona, è forse la zona per tornare in serie B?
    Canà: La bi non significa B... bi-zona sta per bis-zona cioè due volte zona, come se io a lei dicessi bistrò, che non significa bistrot francese, ma due volte stronzo. Arrivederci.
    Ceretti: Africano e maleducato...
  • Canà: Lasciatela la palla!
    Allenatore in seconda: Ma mister, guardi che la palla ce l'hanno gli avversari.
    Canà: E apposta io sto gridando: «Lasciatela quella palla»; così quelli sentono così e lasciano... è una guerra psicologica la nostra!
  • Allenatore in seconda: Cambia Cavallo!
    Canà: Che l'erba cresce.
  • Graziani: Mister, questi cinque gol l'hanno un po' dimagrita?
    Canà: Non ti preoccupare che tra una decina d'anni ti vedo anche a te al posto mio. Già i capelli li stai perdendo.
  • Mara Canà: Ah ma che divertenti queste scritte paint post modern. E poi vanno di moda i murales. Sara felice il nostro architetto. Neh.
    Canà: Ah devi vedere come sarà felice il nostro amministratore, neh. Tutti i danni li pago io, neh!
  • Crisantemi: Con la Samp la vedo molto male oggi, eh?.
    Canà: Certo che tu metti proprio molta allegria addosso alla gente... già c'hai questa faccia con questo pallore fisso, ti chiami Crisantemi, ti ho comprato i primi di novembre, per cortesia cerca di non gufare continuamente. Se no ti faccio rimanere nel loculo tutta... ehm, nella panchina tutta la vita. (fa le corna e getta del sale)
    Crisantemi: Ma che è?
    Canà: Niente, piove.
  • Crisantemi: Ha visto Wilkins che gol?
    Canà: Io ho visto che tu ti devi stare zitto, perché a forza di grattarmi mi stai facendo venire l'orchite. Porca miseria!
  • Bergonzoni (rivolto a Mara Canà): Onore alla bellezza. Lei ha mai partecipato a qualche concorso?
    Canà: Sì, alle Poste e Telecomunicazioni, ma non l'hanno presa perché non era raccomandata.
  • Bergonzoni (parlando della suocera di Canà): È mezzo soprano?
    Canà No, tutta scema.
  • Ceretti: Canà. Canà. Come pensa di uscire dal tunnel della crisi?
    Canà: Nessuna crisi, domenica risorgeremo, lo scriva a caratteri grossi e lo vada a scrivere al giornale per cortesia. Che cagachezzo che è questo!
  • [Canà entra in campo e, a causa della nebbia, Platini gli sbatte contro]
    Canà: Oh, Monsieur Platini.
    Platini: Qu'est qu'il y a?
    Canà: Excuse moi monsieur Platini, je souis Oronzo Canà, l'allenateur della Longobardà. Allor, je... je... la nebbià, je n'ai vu rien et jesejuju...
    Platini: ...merde!
    Crisantemi: Che ha detto Platini?
    Canà: Ha detto mee... metti un altro in panchina, no monsieur Crisantemì che c'ha la face de cimetière, tu comprends?
  • Maffei: Ecco, in conclusione Canà?
    Canà: In conclusione... picchio De Sisti.
    Maffei: Picchio De Sisti si è espresso in modo molto favorevole nei confronti della sua squadra.
    Canà: No questa volta è lei che non ha afferreto. Io picchio De Sisti e lo dichiaro a tutta Italia. Io picchio De Sisti e gli spezzo pure la noce del capocollo! Chiaro?
    Maffei: Canà sempre imprevedibile.
  • Crisantemi: Mister mi preparo?
    Canà: No, no, che è già un funerale la partita.
  • [Il presidente convoca Canà prima dell'ultima partita di campionato, decisiva per la salvezza]
    Presidente Borlotti: Perdere e perderemo!
    Canà: Non ho afferreto, scusi.
    Borlotti: Lei ha capito benissimo. Perdere e perderemo!
    Canà: Ma scusi, ma perché? Dobbiamo vincere.
    Borlotti: Si è mai chiesto perché io ho scelto proprio lei per allenare la Longobarda? Per le sue doti? Buca tasi. Bocca taci. Canà, mi guardi negli occhi e apra le orecchie: io lo ho ingaggiato perché avevo bisogno di qualcuno che mi rimandasse subito la squadra in serie B. Ma lo sa quanto mi costa una squadra in serie A?
    Canà: Certo che lei è bravo presidente. Lei non lo sa la pugnalata che mi sta dando in questo momento.
    Borlotti: Canà, io le voglio bene, ma domenica dobbiamo assolutamente perdere e lei me lo deve giurare.
    Canà: Questo mai!
    Borlotti: E io la caccio via subito! Se invece lei seguirà le mie indicazioni, ecco qui il contratto per la prossima stagione, con ingaggio raddoppiato, già firmato da me.
    Canà: E che cosa dovrei fare io?
    Borlotti: In primis togliere di squadra Aristoteles, che è quello che ci può fare vincere.
    Canà: E in secundis?
    Borlotti: Ci ho già pensato io... E no, questo glielo darò domenica sera dopo la partita. Canà la vedo strano, come si sente?
    Canà: Come uno che ha mangiato una tonnellata e mezza di merda. Pesante da digerire, sa?
  • [Speroni sbaglia di proposito un gol a porta vuota]
    Aristoteles: Ma mister ha visto? Perché non dice: «filho de puta»?
    Canà: Lo so io a chi dovrei dire filho de puta. Lo so io a chi lo dovrei dire!
  • [Canà viene sollevato in aria dai tifosi in festa dopo la salvezza]
    Canà: M'avete preso per un coglione.
    Tifosi: Ma no, sei un eroe!
    Canà: Ahhh! Mi avete preso per un coglione.
    Tifosi: Ma no, sei un eroe!
    Canà: Mi avete preso per un coglione, sotto la meno, mi fa male!
  • Borlotti: Lei è un disoccupato, lo sa?
    Canà: E lei è un cornuto, lo sa?

Altri progetti[modifica]

L'allenatore nel pallone
L'allenatore nel pallone · L'allenatore nel pallone 2