L'olandese volante (opera)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

L'olandese volante (o Il vascello fantasma), opera drammatica (musica e testo) di Richard Wagner.

Incipit[modifica]

Luogo dell'azione: La costa norvegese.

I marinai: (lavorando)
Hojhe! Hallojo!
Hojhe! Hallojo! Ho He!
Ho! He! Ja! Hallojo!
Ho! Johe! Hallohe! Hallohe!
Daland: (scendendo dalla roccia)
Nessun dubbio! sette miglia lontano
ci spinse la tempesta dal porto sicuro.
Così, vicino alla meta, lungo viaggio, mi era ancora riservato il brutto tiro!
Timoniere: (da bordo, chiamando entro il cavo delle mani)
Ehi! Capitano!
Daland: Da voi a bordo come si sta?
Timoniere: Bene, capitano! Abbiamo fondo sicuro!
Daland: È Sandwike! Riconosco perfettamente l'insenatura.
Maledizione! Già vedevo sulla riva la mia casa,
Senta, la mia bambina, già credevo d'abbracciare...
ed ecco sbuca fuori un vento dalla tana del diavolo!
Chi conta sul vento conta sulla compassione di Satana!
(avviandosi a bordo)
A che pro? Pazienza! La tempesta si va calmando;
quando ha infuriato in tal modo, non dura a lungo...
(a bordo)
Ehi, ragazzi! Avete vegliato a lungo,
dunque, a riposo! Non ho apprensioni!
(i marinai scendono nella stiva)
Be' timoniere, farai pure la guardia per me?
Pericolo non ce n'è; però è bene, che tu monti di guardia.

Bibliografia[modifica]

  • Richard Wagner, L'olandese volante (Der Fliegende Holländer) musica di Richard Wagner, traduzione di Guido Manacorda, G. C. Sansoni Editore, Firenze 1974.

Altri progetti[modifica]