La banda degli onesti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

La banda degli onesti

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale La banda degli onesti
Paese Italia
Anno 1956
Genere commedia
Regia Camillo Mastrocinque
Sceneggiatura Age & Scarpelli
Attori
Doppiatori italiani

La banda degli onesti, film italiano del 1956 con Totò e Peppino De Filippo. Regia di Camillo Mastrocinque.

Frasi[modifica]

  • E ci credo, viene dal Policlinico dello Stato. (Antonio)
  • Diamo un calcio alla fortuna... [dando dei calci al vuoto] Teh! Fortuna teh! (Antonio)
  • Ma che siamo pazzi, così ci lascio le mie impronte "vegetali" (Antonio)
  • Quelle sono macchine, non sono uomini che ragionano. (Antonio)
  • Nel dolore un orbo è avvantaggiato, piange con un occhio solo. (Antonio)
  • O sei roso dai morsi della coscienza o da quelli della fame. (Antonio)
  • Questa è la famosa "Bordini e Stocchetti" di Torino. (Antonio)
  • Gli offriamo un caffè? Con molto zucchero? (Antonio)
  • I nordici prendono il caffè lungo, noi sudici lo prendiamo corto. (Antonio)
  • Portieri si nasce, non si diventa. (Antonio)
  • Con un tedesco di guardia non passa chicche e sia. (Antonio)
  • Mi piace un soprabito scoperto dagli americani, il cocomero, quello che si aggancia con i calamari. (Antonio)

Dialoghi[modifica]

  • Cardone: Mi raccomando, fatevi dare una banconota da 10.000 lire, bella grande.
    Antonio: Sì, me la faccio dare a due piazze, la banconota da 10.000 lire è misura standard.
  • [Antonio ha con sé un pacco con i soldi falsi dentro]
    Figlio di Antonio: Papà, cos'hai in mano?
    Antonio: No... niente... come si chiama... aaah... carta igienica... papier igienique, l'ho vinta alla lotteria.
  • Cardone: No, no e poi no! Io la notte voglio dormire tranquillo, non voglio essere roso dai morsi della coscienza.
    Lo Turco: Allora volete essere roso dai morsi della fame?
  • Lo Turco: Io vado a Montecarlo.
    Antonio: Ah!
    Lo Turco: Li c'è il casinò.
    Antonio: Ma, che bisogno c'è di arrivare a Montecarlo, se il casino lo teniamo già qua.
  • Antonio: Tre [sigari] toscani! [ostentando un biglietto da 10.000 lire]
    Tabaccaio: Mi rincresce, i toscani li ho finiti.
    Antonio: Be', allora mi dia... una saponetta!
  • Antonio: M'aveta chiamate?
    Cardone: No.
    Lo Turco: No.
    Antonio: Non me chiamata.

Altri progetti[modifica]