La piccola bottega degli orrori (film 1960)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

La piccola bottega degli orrori

Immagine Little Shop of Horrors Mushnick's interior.JPG.
Titolo originale

The Little Shop of Horrors

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1960
Genere commedia
Regia Roger Corman
Soggetto Charles B. Griffith
Sceneggiatura Charles B. Griffith
Produttore Roger Corman
Interpreti e personaggi

La piccola bottega degli orrori, film statunitense del 1960 con Jonathan Haze e Jack Nicholson, regia di Roger Corman.

Frasi[modifica]

  • State ascoltando radio menagramo, abbiamo trasmesso musica da camera... ardente. Il prossimo brano si intitola: "Da qui all'eternità". [Dalla radio in casa di Seymour.]
  • Portami il giornale della sera... lo sai c'è un concorso per la migliore autodiagnosi. Il primo vince un ricovero gratis! (Winifred Krelboyne)
  • È cresciuta di notte, come un herpes sul labbro. (Gravis Mushnik [Riferendosi alla pianta.])
  • Io ho fame! (Audrey Junior, la pianta carnivora)
  • Sono Wilbur Force. Il mio nome di battesimo è Wilbur, il mio cognome è Force... non ho altri nomi in mezzo. (Wilbur Force)
  • Il paziente arrivò da me con una grossa ferita all'addome, causata da un attizzatoio usato su di lui da sua moglie. Aveva perso parecchio sangue e c'era un principio di cancrena. Non pensavo avesse molte speranze, c'erano delle altre complicazioni: L'uomo soffriva di cancro, tubercolosi, lebbra e un pizzico d'influenza, così decisi di operare. (Wilbur Force) [Leggendo il giornale "PAIN", nella sala d'attesa del dentista e sogghignando]
  • Allora, nie'... niente anestesia, addormenta i sensi. (Wilbur Force)
  • Vuole i miei soldi? Se li prenda, se vuole posso uscire a rubarne altri, non c'è problema, lo faccio subito... (Gravis Mushnik)

Dialoghi[modifica]

  • Gravis Mushnik: Ah, ecco qua i suoi garofani... glieli incarto, aspetti..
    Burson Fouch: No, non fa niente... li mangio subito!
  • Gravis Mushnik: Spero tu abbia una scusa plausibile!
    Seymour Krelboyne No, ma se mi da' un minuto, ne trovo una...
  • Seymour Krelboyne: Cercava me, signor Mushnik?
    Gravis Mushnik: No, cercavo John Rockfeller. Volevo farmi regalare una splendida Rolls Royce!
  • Sergente Joe Fink: Come va, Frank? Come sta tua moglie?
    Detective Frank Stoolie: Non male, Joe.
    Sergente Joe Fink: Sono contento. E i bambini?
    Detective Frank Stoolie: Ne ho perso uno ieri.
    Sergente Joe Fink: Ah, mi dispiace. Com'è successo?
    Detective Frank Stoolie: Giocava coi fiammiferi.
    Sergente Joe Fink: Be', sono incidenti...
    Detective Frank Stoolie: Sì, lo so.
  • Winifred Krelboyne: Non bisogna fidarsi di una donna troppo in salute.
    Seymour Krelboyne: Ha avuto un brutto raffreddore, un paio di settimane fa!
    Winifred Krelboyne: Oh, un raffreddore, un misero raffreddore! Perché non ti trovi una vera donna, figlio mio, con qualcosa di decente... come una mononucleosi o i calcoli biliari...
    Seymour Krelboyne: Be', forse se le prenderà, prima o poi...
  • La pianta: Ho fame. Nutrimi!
    Gravis Mushnik: Non ho sentito...
    La pianta: NUTRIMI!
    Gravis Mushnik: Ho sentito! Allora, chi vuoi per cena stasera?
    La pianta: Tu sei abbastanza in carne...
    Gravis Mushnik: Ma cosa stai dicendo?! Sappi che non riceverai niente da Gravis Mushnik!
    La pianta: Te ne pentirai...

Altri progetti[modifica]