La terra trema

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

La terra trema

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Un fotogramma

Titolo originale La terra trema
Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1948
Genere Tragico
Regia Luchino Visconti
Sceneggiatura Luchino Visconti
Attori
Pescatori siciliani
Note
  • Musiche: Willy Ferrero
  • Fotografia: G.R. Aldo
  • Fotografo: Paul Ronald
  • Aiuti registi: Franco Rosi e Franco Zeffirelli
  • Montaggio: Mario Serandrei
  • Premio internazionale: IX mostra internazionale d'arte cinematografica 1948

La terra trema, film del 1948, regia di Luchino Visconti e ispirato a I Malavoglia di Giovanni Verga.

La terra trema[modifica]

Incipit[modifica]

Un film prodotto da Salvo D'Angelo per l'Universalia.
Esterno alba. Il paese
Inizio musica
1 C.L. Un carrello-panoramicca da sinistra a destra scopre le case del paese ancora immerse nel buio della notte. Dietro, il cielo è illuminato dalla fioca luce dell'alba.
In sovrimpressione i titoli di testa
La terra trema. Episodio del mare
Premio internazionale. IX mostra internazionale d'arte cinematografica 1948

Fine musica, che dissolve in rintocchi di campane ai quali si sovrappone un fischietto.
Interpretato da Pescatori siciliani
Il carrello-panoramica conclude su un gruppetto di uomini indistinguibili che escono da una porta illuminata.
[...] Il carrello-panoramica inverte il movimento, questa volta da destra a sinistra, e segue il gruppetto di uomini che entra in chiesa.
Commento musicale coordinato da L. Visconti e W. Ferrero
Diretto da Willy Ferrero
Assistente Maestro Micucci
Assistenza alla regia Franco Rosi, Franco Zeffirelli
Il carrello-panoramica si conclude sulla facciata della chiesa.
[...] Dissolvenza incrociata.
2. C.L. La facciata della chiesa. Dal gruppetto di uomini partono alcuni richiami incomprensibili.
Voce: Ramunnu! Ramunnu! Aiûtati, ch'à fattu iornu!
Altra voce: Larienzu! Ci virunu i varchi?
Voce: Sì, fora i foraggjiuni.
In sovrimpressione continuano i titoli di testa
[...] Soggetto e regia di Luchino Visconti
[...] Alla fine dei titoli di testa e durante il carrello avanti combinato alla panoramica, compare in sovrimpressione, dal basso verso l'alto, la seguente didascalia:
«I fatti rappresentati in questo film accadono in Italia e precisamente in Sicilia, nel paese di Acitrezza, che si trova sul mare Ionico a poca distanza da Catania.
La storia che il film ci racconta è la stessa che nel mondo si rinnova da anni in tutti quei paesi dove uomini sfruttano altri uomini.
Le case, le strade, le barche, il mare, sono quelle di Acitrezza.
Tutti gli attori del film sono stati scelti tra gli abitanti del paese: pescatori, ragazze, braccianti, muratori, grossisti di pesce.
Essi non conoscono lingua diversa dal siciliano per esprimere ribellioni, dolori, speranze.
La lingua italiana non è in Sicilia la lingua dei poveri. [...]»

Citazioni[modifica]

  • Se c'è la pesca si vive ad Acitrezza e dal nonno, al padre, ai nipoti è sempre stato così. (p. 23)
  • Nonno: [...] 'u pruvvebbiu anticu dici: forza di giùvani e sintimientu di vecchi! ([...] l'antico proverbio dice: forza di giovani e giudizio di vecchi! p. 33)
  • Commento: Il domani è sempre pieno di promesse e qualcuna prima o poi dovrebbe mantenerla, ma a Trezza i domani non sono molto diversi dai giorni prima o da quelli che verranno. (p. 37)
  • Nonno: Chissu è 'u mari ca nni resi Diu e cu chissu n'àmu a cuntintari. (Questo è il mare che Dio ci ha dato, e di questo ci dobbiamo contentare. p. 49)
  • 'Ntoni: ...Sti così l'àmu a spizzarri pi fforza! Cettu ca n'amminàzzunu! Cèccunu di pigghiàrini a paura! A ccui?...
    'Ntoni: ...A chiddi cchiù fissa di nuàutri ca 'ncuminciano a travagghiari suli, l'autri si pigghianu di curaggiu e 'nni vènunu appressu! E poi 'nni dicinu grazie! ( 'Ntoni sorride entusiasta della sua idea).
    ( 'Ntoni; Questa situazione la dobbiamo rompere per forza! Certo ci minacceranno! Cerccheranno di prenderci per paura. Ma a chi?
    'Ntoni: ...Ai più fessi di noi! Ma noi non dobbiamo metterci paura di loro. Non appena i primi di noi cominceranno a lavorare da soli, gli altri si faranno coraggio e ci verranno dietro! E poi ci diranno grazie! (p. 78)

Bibliografia[modifica]

  • Luchino Visconti, La terra trema, trascrizione di Enzo Ungari, con la collaborazione di Claudio Battistini e G. B. Cavallaro, Cappelli Editore, Bologna 1977.

Altri progetti[modifica]