Laurie Anderson

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Laurie Anderson

Laura Phillips (Laurie) Anderson (1947 – vivente), performance artist, violinista e scrittrice statunitense.

Citazioni[modifica]

  • [Riferimento al suo libro Night Life] Durante il 2005 sono stata in tournée per otto mesi con lo spettacolo "The End of the Moon". Ogni notte un teatro diverso, una diversa camera d' albergo. Notte dopo notte i miei sogni si sono fatti più selvaggi, più vividi, e sempre più spietati. Iniziai a disegnare i sogni rinunciando a ogni difesa. Tenevo la tavoletta da disegno del computer di fianco al letto e cercavo di catturarli nel loro stato più grezzo. (citato in Corriere della sera, 6 luglio 2007)
  • La musica, costruita sulle fondamenta dei ritmi elettronici, contiene molte delle forme melodiche che ho sperimentato anche su strumenti tradizionali come l' ehru e l' hurdy gurdy. Al centro c' è la mia voce semplice o alterata elettronicamente. (citato in Corriere della sera, 22 giugno 2007)
  • Non so quello che cerco, non metto limiti né frontiere alla mia creatività. Come il lavoro alla Nasa: mi ha offerto spunti e ha placato, per quanto possibile, la mia curiosità. Mi sono resa conto che gli artisti e gli scienziati sono uguali. Non si sa mai esattamente quello che fanno, però la bellezza è alla base delle loro creazioni e delle loro scoperte. Anche se l' utilizzo che se ne fa non segue sempre questo parametro. Basti pensare ad Albert Einstein: rifiutò tante teorie perché non erano " belle". Poi scoprì la relatività e arrivò l'atomica. (citato in Corriere della sera, 8 maggio 2005)

The End of the Moon[modifica]

  • Devo partire dalla scienza o dalla bellezza?
  • Dopo gli aerei dell'11 settembre, i newyorkesi per strada hanno spesso lo sguardo rivolto al cielo.
  • La vita è arte di cattiva qualità.
  • Il cosmo... non avevo mai capito che stavo vivendo all'interno di un enorme orologio.

Citazioni su Laurie Anderson[modifica]

  • Ci sono foto a cui sono più legato perché colgono bene il rapporto personale che si è stabilito con il soggetto. Trovo molto intimo il ritratto di Lou Reed e Laurie Anderson, fatto in macchina, di notte, sfruttando la luce dei loro cellulari. (Guido Harari)
  • Ho per lei la stima che si deve avere per una grandissima artista multimediale, ma Lou è un'altra cosa. Lui con la sua musica ha cambiato il mondo, non so se mi spiego. Peccato che a casa mia non possa sentire i suoi dischi: non sono capace di usare lo stereo. (Fernanda Pivano)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]