Le dodici fatiche di Asterix

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Le dodici fatiche di Asterix

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Les douze travaux d'Astérix
Paese Francia
Anno 1976
Genere animazione, commedia
Regia Pierre Watrin
Sceneggiatura Pierre Tchernia
Doppiatori italiani

Le dodici fatiche di Asterix, film francese d'animazione del 1976, regia di René Goscinny, Albert Uderzo e Pierre Watrin.

  • Questi tipi faranno del latino una lingua morta se Giulio Cesare continua ad obbligarci a batterci con loro. (Centurione)
  • Arruolatevi... Arruolatevi, dicevano! (Soldato romano)
  • Bruto! Smettila di giocare con quel coltello, finirai per ferire qualcuno! (Giulio Cesare)
  • Caius Pupus: Ecco Merinos, arriva da Maratona. Ha battuto tutti quanti ai giochi d'Olimpia. È più rapido d'un cavallo, ed è ancora più rapido del vento quanto soffia nella tempesta. Uno di voi dovrà batterlo nella corsa.
    Obelix: Vacci tu Asterix, tu sei più rapido di me, più rapido del cavallo che soffia nella tempesta.
  • Per Osiride e per Api, guardami. Guardami bene! Tu ora sei un cinghiale, un cinghiale, un cinghiale! (Iris, il mago Egizio)
  • Avete mica visto passare il cuoco, per caso? Mi ha lasciato a metà, subito dopo gli antipasti! (Obelix) [dopo aver svuotato la dispensa di Mannechenpix, il cuoco dei giganti]
  • Bah, capirai. L'abito non fa il druido! (Obelix)
  • Ah, ma non mi piacciono i coccodrilli; li ho assaggiati una volta, sono... sono... stoppacciosi! (Obelix)
  • Bestiacce stoppacciose! (Obelix) [rivolto ai coccodrilli]
  • Ah, voi volete immatricolare una galera! No, no, no, vi hanno male informato, voi dovete andare alla capitaneria del porto. (usciere della Casa Che Rende Folli)

Altri progetti[modifica]