Loquacità

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sulla loquacità.

Proverbi italiani[modifica]

  • A discorrer troppo si muore.
  • Bocca verbosa, bocca pericolosa.
  • Chi a troppi parla, a pochi dà consiglio.
  • Chi assai ciarla, spesso falla.
  • Chi ha molte parole, spesso si duole.
  • Chi non ha ingegno nella testa, l'ha di solito nella lingua.
  • Chi sa poco presto parla.
  • Chi troppo dice, niente fa.
  • Donna ciarliera parla di tutti, e tutti parlano di lei.
  • È ignorante chi sempre parla.
  • I matti cianciano volentieri.
  • Il ferro di cavallo che risuona, ha bisogno di un chiodo.
  • Il loquace fa due mali: alla propria bocca e alle orecchie altrui.
  • L'uomo loquace sente parlar volentieri sé stesso.
  • La cicala prima canta e poi schiatta.
  • La pentola vuota è quella che suona.
  • Le ciance spesso riescon lance.
  • Le teste di legno fan sempre chiasso.
  • Lingua bordella per sette favella.
  • Loquaci e bugiardi sono cugini.
  • Non lasciar entrare in casa un loquace, se vuoi serbar la pace.
  • Quando tacciono i loquaci, parlano i savi.
  • Ruota rotta sempre cigola.
  • Troppo grattar cuoce, e troppo parlar nuoce.
  • Una lingua lunga è segno d'una corta mano.
  • Una parola tira l'altra.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]