Loretto Rafanelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Loretto Rafanelli (1948 – vivente), poeta, scrittore, saggista ed editore italiano.

Il silenzio dei nomi[modifica]

  • Diremo delle aie d'incenso, | delle giacche nere logorate, | del pane dei lamenti nei fazzoletti | orlati, delle urla nelle vie | della quaresima la messa, | dei fiumi spente ali lontane.
  • I nomi nel silenzio di neve, nell'eterno tempo dei cipressi. | E nel volto della fanciulla la scia | del mare, come una rosa mattutina | che gli infermi nelle corsie | stringono in pugno, in un pianto | lieve come il saluto.
  • Distese vedrai le trecce elettriche | della nave verso Nassau e il sole | che scende pallido sul mare, | le madri serrate | ai pali di un incanto, nei porti lontani | e magici costruiti dal vento.
  • Torino
    Era inverno freddo quando Meroni morì con la benda | granata che gli fasciava la fronte, | mentre Ferrini era l'eroe coraggioso | dei ragazzi nel campetto vicino al fiume.

[Loretto Rafanelli, Il silenzio dei nomi, Poesia, n. 151, giugno 2001]