Luisa Ranieri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Luisa Ranieri (1973 – vivente), attrice e conduttrice televisiva italiana.

  • [Laura Chiatti] Sta crescendo come attrice ha una bella voce, mi piace quando canta. Quando sermoneggia mi fa sorridere. Sembra che tocchi temi desueti, antichi. E invece prendono.[1]
Dall'intervista di Emilia Costantini, Sognando la Mangano, sofisticata e femminile anche dentro una risaia, Corriere della sera, 24 settembre 2008
  • A volte sono stata paragonata a Sophia Loren. Sono arrivati a propormi il remake di "Ieri, oggi e domani", ma ho rifiutato, perché mi sembrava un progetto forzato: con la Loren, pur ammirandola tantissimo, non c' entro niente, mi sento completamente diversa
  • [Riso amaro] È un capolavoro. E il personaggio è carico di femminilità. Piantata in mezzo alla risaia, come la statua di una dèa, rispetto alle altre donne che la circondano, comunica una forza, una grinta, ma soprattutto l'orgoglio di essere femmina.
  • [L'interpretazione di Teresa] La sua prostituta in uno degli episodi dell'"Oro di Napoli" [regia di Vittorio De Sica, del 1954] è straordinaria: credo che lì abbia toccato il vertice assoluto dell' interpretazione. Anche in quel caso è una donna piena di dignità ed è struggente il modo in cui esprime lo smarrimento, lo stupore, la paura, quando capisce di essere stata sposata da un uomo che non la ama e che, portandola all'altare, vuole solo espiare una colpa. Confesso che, ripensando alla scena in cui scopre la verità, mi vengono i brividi.
  • Quelli erano anni davvero magici per il cinema italiano. Ora è tutto un altro paio di maniche: non esistono più l'entusiasmo e il glamour che circondavano i personaggi. La Mangano e la Loren, poi, erano vere dive: entrambe mogli di produttori e, secondo la leggenda, anche rivali. Ma non credo, però, che tra loro potesse esserci vera competizione: erano così differenti...
Dall'intervista di Emilia Costantini, Tra Loren e Mangano, Corriere.it, 8 febbraio 2009
  • Adoro la Loren nella sua carnalità, la sensualità che emana da verace femmina del popolo: una dimensione che è stata esaltata nei personaggi di commedia all'italiana, perché i suoi film americani mi sembrano meno interessanti, un po' di cassetta. La trovo invece meno convincente quando incarna la donna "borghese".
  • [Silvana Mangano] È la mia attrice preferita. Mi piace il suo sguardo intelligente e malinconico, mi affascina quella sua umanità densa, dolente. E mi è sempre piaciuta la sua scelta di ruoli. Ammetto che seguire una carriera come la sua...
  • [Silvana Mangano] È più convincente nelle parti drammatiche, meno tagliata per la comicità: i suoi occhi tristi, dove si intravede un mare in tempesta, contrastano con gli accenti comici di personaggi come la prostituta Costantina nel film La grande guerra. Insomma, la Loren ha una personalità solare, come se dicesse alla gente "sono bella, guardatemi!"; la Mangano aveva una personalità intimista, delicata e al tempo stesso potente.
  • L'accostamento mi gratifica, ma mi fa sorridere. Non esiste una nuova Loren. Tra lei e me ci passa un'autostrada.

Note[modifica]

  1. Citata in Valerio Cappelli, «Nella toilette sketch noioso» , Corriere della sera, 27 novembre 2007.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]