Madre Teresa di Calcutta

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Madre Teresa)
Medaglia del Premio Nobel
Premio Nobel
Per la pace (1979)
Madre Teresa di Calcutta

Madre Teresa di Calcutta, al secolo Agnes Gonxha Bejaxhiu (1910 – 1997), missionaria e suora cattolica albanese.

Citazioni di Madre Teresa di Calcutta[modifica]

  • Bambina mia, fatti sempre guidare dalla Madonna, che è la tua vera madre. Cerca di farti sempre tenere per mano da Lei, come io faccio con te adesso![1]
  • Ciascun uomo ha pienezza di bene come pienezza di male in sé.[2]
  • Debbo pregare, debbo pensarci: non so se è cosa buona portare i malati di AIDS in un luogo di grande turismo. E se fossero rifiutati? Soffrirebbero due volte.[3]
  • Dietro ogni linea di arrivo c'è una linea di partenza.
    Insisti anche se tutti aspettano che tu desista...
    Fai in modo che invece di compassione ti portino rispetto.
    Quando non puoi più correre, cammina veloce;
    quando non puoi più camminare veloce, cammina;
    quando non puoi più camminare, usa il bastone;
    però non trattenerti mai.[4]
  • [Guardando il monte Argentario] Come è bello questo luogo! In un luogo così bello, anche voi dovete preoccuparvi di avere anime belle![3]
  • Figlio mio, senza Dio siamo troppo poveri per aiutare i poveri! Ricordati io sono soltanto una povera donna che prega.[3]
  • Fu ai piedi della Madonna di Letnice, un Santuario vicino a Skopje, che ascoltai la chiamata divina. Lo ricordo bene: accadde la sera del giorno dell'Assunta. Pregavo e cantavo, ricolma di gioia interiore, quando sentii la voce di Dio che mi invitava ad essere tutta sua, consacrandomi a Lui e al servizio del prossimo.[1]
  • Ho cominciato ad amare le mie tenebre perché credo che siano una parte, una piccola parte delle tenebre di Gesù e della sua pena sulla terra.[5]
  • Ho scelto di prendere il nome di Teresa, ma non quello della grande Teresa d'Avila, ho scelto il nome della piccola Teresa: Teresa di Lisieux.[6]
  • Il dolore è un dono di Dio per te. Non devi sciupare questo dono ma renderlo fruttuoso. La mia preghiera per te è che tu non disperda il lavoro del Signore.[5]
  • Il più grande distruttore di pace nel mondo è l'aborto. Se una madre può uccidere il proprio figlio nella culla del suo grembo, chi potrà fermare me e te dall'ucciderci reciprocamente?[3]
  • Il Signore non potrebbe fare nulla per qualcuno che fosse pieno di sé.[5]
  • Io lo guardo, lui mi guarda. Ecco la preghiera perfetta.[2]
  • Io sono come una piccola matita nelle Sue mani, nient'altro.
    È Lui che pensa. È Lui che scrive.
    La matita non ha nulla a che fare con tutto questo.
    La matita deve solo poter essere usata.[2]
  • L'orgoglio annienta ogni cosa.[2]
  • L'umiltà è l'inizio della santità.[2]
  • La gente che scrive su di me, ne sa sul mio conto più di quanto ne sappia io stessa.[1]
  • La Madonna dovette svuotarsi prima di essere piena di grazia. Dovette dichiarare di essere schiava del Signore prima che Dio potesse riempirla. Così anche noi dobbiamo essere vuoti di ogni superbia, di ogni gelosia, di ogni egoismo, prima che Dio possa riempirci.[2]
  • La sincerità non è altro che umiltà e tu acquisti l'umiltà solo accettando umiliazioni.[2]
  • Molti parlano dei poveri, ma pochi parlano con i poveri.[5]
  • Monsignore Périer mi dice sempre che scrivere lettere è il mio modo di scontare il purgatorio.[5]
  • Nel nostro servizio non contano i risultati, ma quanto amore mettiamo in ciò che facciamo.[7]
  • Nessuno imparò così bene l'umiltà come Maria. Essere schiavi significa essere utilizzati da tutti con gioia.[2]
  • Non ha importanza la forma della chiamata. È una cosa tra Dio e me. Ciò che è importante è che Dio chiama ciascuno in modo differente. Noi non abbiamo alcun merito. L'importante è rispondere con gioia alla chiamata.[5]
  • Non possiamo parlare finché non ascoltiamo. Quando avremo il cuore colmo, la bocca parlerà, la mente penserà.[8]
  • Non sapremo mai quanto bene può fare un semplice sorriso.[5]
  • Non vi sia alcuna gloria nel vostro successo ma attribuite tutto a Dio con il più profondo senso di gratitudine.[2]
  • Resterò di continuo assente dal Paradiso, per accendere la luce a quelli che vivono nell'oscurità sulla terra.[5]
  • Se non conoscete nel profondo del cuore che Gesù ha sete di voi, non potete cominciare a conoscere ciò che egli vuole essere per voi, e ciò che egli vuole voi siate per lui.[5]
  • Sento che oggigiorno il più grande distruttore di pace è l'aborto, perché è una guerra diretta, una diretta uccisione, un diretto omicidio per mano della madre stessa. [...] Perché se una madre può uccidere il suo proprio figlio, non c'è più niente che impedisce a me di uccidere te, e a te di uccidere me.[9]
  • Se fossi costretta a scegliere tra Galileo e l'Inquisizione, sceglierei l'Inquisizione.[10]
  • Se siete umili nulla vi toccherà, né lodi né ignominie.[2]
  • Tutte le migliaia di poveri che sono morti da noi, alla fine hanno avuto la gioia di un biglietto per San Pietro.[5]

Il cammino semplice[modifica]

  • Maria, Madre di Gesù,
    dammi il tuo cuore,
    tanto bello, tanto puro, tanto immacolato,
    tanto pieno d'amore e d'umiltà,
    cosicché io possa ricevere Gesù nel Pane della Vita,
    amarLo come tu L'hai amato
    e servirLo sotto le spoglie del più Povero dei Poveri.
    [11] (p. XX)
  • Il nostro lavoro è quello di incoraggiare cristiani e non cristiani a fare opere d'amore. E ogni opera d'amore, fatta con tutto il cuore, porta sempre la gente più vicino a Dio. (p. XXI)
  • Il frutto del silenzio è la preghiera
    Il frutto della preghiera è la fede
    Il frutto della fede è l'amore
    Il frutto dell'amore è il servizio
    Il frutto del servizio è la pace.
    [12] (p. XXIX)
  • Se ti attendi qualche forma di ricompensa, non è amore: l'amore vero è amare senza condizioni e senza aspettative.
    Se ve ne è bisogno, Dio ti guiderà, come ci ha guidato a servire i malati di aids. Noi non giudichiamo queste persone, non domandiamo loro che cosa è successo loro o in che modo si sono ammalati: ci limitiamo a vedere il loro bisogno, e a prenderci cura di loro. Penso che, attraverso l'aids, Dio ci stia dicendo qualcosa, dandoci un'opportunità per mostrare il nostro amore. Le persone affette da aids hanno risvegliato l'amore più tenero in altri che magari lo avevano relegato al di fuori della propria vita, dimenticandolo. (pp. 44-45)
  • Cerca di non giudicare gli altri. Se giudichi gli altri, non stai dando nessun amore. (p. 48)
  • Dobbiamo crescere nell'amore, e per farlo dobbiamo continuare ad amare e amare e a dare e dare finché non ci fa male – come ha fatto Gesù. Fare cose ordinarie con straordinario amore: piccole cose, come assistere i malati e i senzatetto, chi è solo o non è stato desiderato, lavare e pulire per loro. (p. 51)
  • La parola d'ordine dei primi cristiani era «gioia», e dunque continuiamo a servire il Signore con gioia. (p. 56)
  • La gioia è amore, la gioia è preghiera, la gioia è forza. Dio ama chi dà con gioia; se tu dai con gioia, dai sempre di più. Un cuore allegro è il risultato di un cuore ardente d'amore.
    Le opere d'amore sono sempre opere di gioia. Non abbiamo bisogno di cercare la felicità: se possediamo l'amore per gli altri, ci verrà data. È il dono di Dio. (p. 57)
  • Per noi, servire è un privilegio e quello che cerchiamo di dare è un servizio vero, offerto con tutto il cuore.
    Ci rendiamo conto che quello che facciamo è solo una goccia nell'oceano, ma l'oceano senza quella goccia sarebbe più piccolo. (p. 63)
  • Molti pensano, specie in Occidente, che il denaro renda felici. Io penso invece sia più difficile essere felice se sei ricco, perché ti è più difficile vedere Dio: hai troppe altre cose a cui pensare. Se tuttavia Dio ti ha dato il dono della ricchezza, allora usala per i Suoi scopi: aiutare gli altri, aiutare i poveri, creare posti di lavoro, dare lavoro agli altri. Non sprecare la tua ricchezza [...]. (p. 114)
  • L'uomo è irragionevole, illogico, egocentrico
    non importa, amalo
    Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici
    non importa, fa' il bene
    Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici
    non importa, realizzali
    Il bene che fai verrà domani dimenticato
    non importa, fa' il bene
    L'onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile
    non importa, sii franco e onesto
    Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo
    non importa, costruisci
    Se aiuti la gente, se ne risentirà
    non importa, aiutala
    Da' al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci
    non importa, da' il meglio di te
    [13] (p. 120)

Sii la mia luce[modifica]

  • Aggrappatevi al rosario come l'edera si attacca all'albero, perché senza la Vergine non possiamo reggerci in piedi.
  • Avere sempre la forza di essere sempre la luce della loro [dei poveri] vita e di condurli tutti a Te!
  • Bisogna svuotarsi di tutto per lasciarLo entrare, per fare ciò che Egli vuole. Questa è la cosa più bella di Dio. Essere onnipotente, eppure non fare costrizione verso nessuno.
  • Che mondo terribile è questo, senza l'amore di Cristo.
  • Gesù è Dio: pertanto il Suo amore, la Sua sete sono infiniti.
  • L'India brucia come l'Inferno, ma le sue anime sono belle e preziose perché il sangue di Cristo le ha irrorate.
  • La nostra opera per le anime è grande, ma senza penitenza e molto sacrificio sarà impossibile.
  • Mio Dio dammi il coraggio adesso, in questo momento, di perseverare nel seguire la tua chiamata.
  • Non potrei invidiare nessuno, nemmeno coloro che godono di una qualche felicità apparentemente perfetta agli occhi del mondo, perché io assaporo una felicità completa, anche quando soffro qualcosa per il mio amato sposo.
  • Per me è così chiaro: tutto delle Missionarie della Carità esiste solo per saziare la sete di Gesù.
  • Preghi per me affinché in questa oscurità io non accenda la mia luce, né riempia questo vuoto con me stessa. Io voglio con tutta la mia volontà solo Gesù.
  • Quanto è doloroso vivere senza Dio.
  • Rimaniamo sempre con Maria Nostra Madre sul Calvario accanto a Gesù crocifisso con il calice dei nostri quattro voti e colmato con l'amore del sacrificio di sé, di puro amore, sempre sollevato vicino al Suo Cuore sofferente, cosicché Egli si compiaccia di accettare il nostro amore.
  • Se l'incertezza rimane è il momento di inginocchiarsi. In quella preghiera, Dio non può ingannarci perché essa viene dal di dentro.
  • Se solo un piccolo bimbo infelice sarà reso felice dall'amore di Gesù non sarà valsa la pena di dare tutto per questo?
  • Sono solo un suo [di Gesù] strumento: perché interessarsi tanto a me quando l'opera è tutta Sua?
  • Una volta che Dio è dentro di te, è per tutta la vita, e non c'è alcun dubbio. Si possono avere incertezze, è vero. Ma quella particolare non tornerà più.

Vivi davvero![modifica]

  • C'è la gioia di essere sano e giusto, ma c'è soprattutto l'immensa gioia di servire.
  • È necessaria l'infelicità per capire la gioia, il dubbio per capire la verità... la morte per comprendere la vita. Perciò affronta e abbraccia la tristezza quando viene.
  • È questo il destino di noi donne, per questo siamo state create: per essere il cuore del focolare, per essere il cuore nella madre Chiesa.
  • Gesù vieni nel mio cuore
    prega con me, prega in me
    perché io impari da te
    a pregare.
  • Gli esseri umani possono scegliere; è l'unica cosa che Dio non ci toglie: la volontà, la forza di volere, io voglio andare in paradiso e con la grazia di Dio riuscirò ad andarvi.
  • Il più grande dono che Dio ti può fare è darti la forza di accettare qualsiasi cosa Egli ti mandi e la volontà di restituirgli qualsiasi cosa Egli ti chieda.
  • L'aiutare a riflettere sulla vita rientra nella missione della Chiesa, che gode nel vedere gli adolescenti sbocciare come fiori al sole, primizia del frutto abbondante che verrà.
  • L'amore comincia a casa: prima viene la famiglia, poi il tuo paese o la tua città.
  • L'amore è l'unica risposta alla solitudine.
  • La gioia autentica, invece, nasce dalla sana consapevolezza di aver fatto tutto ciò che era nelle nostre facoltà.
  • La tua vita non è un gioco... ma è in gioco la tua vita!
  • Le piccole cose della vita di ogni giorno sono le vere gocce d'amore che mantengono accesa la tua vita di fede con una fiamma molto viva.
  • Non cercare la gioia nei beni di consumo, perché questo ti costerà caro.
  • Non preoccuparti di sapere i problemi del mondo, limitati a rispondere alle esigenze della gente.
  • Prometti a te stesso di parlare di bontà, bellezza, amore a ogni persona che incontri; di far sentire a tutti i tuoi amici che c'è qualcosa di grande in loro; di guardare al lato bello di ogni cosa e di lottare perché il tuo ottimismo diventi realtà.
  • Sii pieno di gioia, tutto sommato.
  • Successo o insuccesso non hanno nessun senso agli occhi di Dio, purché tu faccia quello che lui ti chiede e come te lo chiede.
  • Tu, quando diffondi l'amore del Signore, sei la buona novella di Dio.

[Madre Teresa di Calcutta, Vivi davvero! Da madre Teresa parole di saggezza, a cura di L. Guglielmoni, F. Negri, Paoline, 2003]

Citazioni su Madre Teresa di Calcutta[modifica]

  • Di conformazione minuta, ma di fede salda quanto la roccia, a Madre Teresa di Calcutta fu affidata la missione di proclamare l'amore assetato di Gesù per l'umanità, specialmente per i più poveri tra i poveri. "Dio ama ancora il mondo e manda me e te affinché siamo il suo amore e la sua compassione verso i poveri". Era un'anima piena della luce di Cristo, infiammata di amore per Lui e con un solo, ardente desiderio: "saziare la Sua sete di amore e per le anime". (dal profilo per la celebrazione per la beatificazione, 19 ottobre 2003)
  • Il servizio evangelico ai più poveri dei poveri compiuto da Madre Teresa ha dato al mondo una stimolante lezione di compassione e di amore autentico nei confronti del nostro prossimo che è nel bisogno. Questa carità e questo sacrificio di sé, è una sfida per il mondo, un mondo ormai troppo avvezzo all'egoismo e all'edonismo, avido di denaro, di prestigio e di potere. (Papa Giovanni Paolo II)
  • I santi — pensiamo ad esempio alla beata Teresa di Calcutta — hanno attinto la loro capacità di amare il prossimo, in modo sempre nuovo, dal loro incontro col Signore eucaristico e, reciprocamente questo incontro ha acquisito il suo realismo e la sua profondità proprio nel loro servizio agli altri. (Papa Benedetto XVI)
  • La bellezza e la grandezza di Madre Teresa stavano nella sua semplicità. Il mio cuore in quel momento mi disse: se tutto questo lo fa lei, lo posso fare anch'io, perché in lei vedevo la normalità, la semplicità disarmata di una donna cristiana. (Ernesto Olivero)
  • Madre Teresa non ha soltanto preso dai ricchi per dare ai poveri: cosciente del suo carisma ha cercato con tutte le sue forze di riportare i poveri al centro dell'attenzione in una stagione in cui, falliti i sogni di rivoluzione, troppe persone (governanti, politici, imprenditori, comunicatori, consumatori) cercano di nascondere a sé a agli altri la povertà. (Paolo Giuntella)
  • Vorrei campare per vedere anche la beatificazione di Madre Teresa di Calcutta: a differenza di Padre Pio ho avuto il piacere di conoscerla in vita. (Giulio Andreotti)

Christopher Hitchens[modifica]

  • Nel suo modo di maneggiare il "vil metallo", come nei suoi rapporti con il potere, Madre Teresa governa un regno che appartiene, eccome, a questo mondo.
  • Ha confuso di proposito la presunta distinzione tra sacro e profano, per non parlare della linea che separa il sublime dal ridicolo.
  • Ero arrivato alla conclusione che Madre Teresa di Calcutta fosse non tanto un'amica dei poveri quanto un'amica della povertà. Lodava la povertà, la malattia e la sofferenza come doni dall'alto, e diceva alle persone di accettare questi doni con gioia. Era adamantinamente contraria alla sola politica che abbia mai alleviato la povertà in tutte le nazioni – e cioè dare potere alle donne ed estendere il loro controllo sulla propria fertilità.

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Maria di Lorenzo, Servire i più poveri con il cuore di Maria, in Madre di Dio, 10 ottobre 2003.
  2. a b c d e f g h i j Citato in Gloria Germani, Teresa di Calcutta, una mistica tra Oriente e Occidente. Il suo pensiero in rapporto all'India e a Gandhi, Paoline, 2003.
  3. a b c d Citato in Mario Bertini, Sulle strade di madre Teresa, Paoline, 1999.
  4. Citato in Anna Villarini, ‎Giovanni Allegro, Prevenire i tumori mangiando con gusto, Sperling & Kupfer, Milano, 2010, p. 141. ISBN 978-88-200-4681-1
  5. a b c d e f g h i j Citato in Franca Zambonini, Madre Teresa: la mistica degli ultimi, Paoline, 2003.
  6. Citato in Piera Paltro, Madre Teresa: una grande storia d'amore, Paoline, 2002.
  7. Citato da Ermes Ronchi in Le ragioni della speranza, Rai Uno, 2 ottobre 2010.
  8. Citato in Sandro Montanari, Alle prese con la famiglia. Esperienze e riflessioni sui nodi centrali della vita, Paoline, 2006.
  9. Da Nobel lectures, Peace 1971-1980, 11 dicembre 1979.
  10. Citato in Christopher Hitchens, La posizione della missionaria: Teoria e pratica di Madre Teresa, Minimum fax, 2003. ISBN 8875210098
  11. Nel libro, prima di questo brano, è indicato che si tratta di "una delle preghiere spesso recitate da Madre Teresa e dalle Missionarie della Carità".
  12. Nel libro, prima di questo brano (riportato anche a pagina 1) è spiegato: "Un ammiratore di Madre Teresa, un uomo d'affari indiano, una volta fece stampare per lei cinque righe su cartoncini gialli. Lei li chiama i suoi «biglietti da visita», e li distribuisce alla gente perché esprimono con chiarezza la direzione del suo lavoro, il suo cammino semplice".
  13. Nel libro, al termine di questo brano, è indicato fra parentesi tonde: "Da una scritta sul muro a Shishu Bhavan, la Casa dei bambini di Calcutta".

Bibliografia[modifica]

  • Madre Teresa con Lucinda Vardey, Il cammino semplice, traduzione di Stefano Castelli e Bruno Osimo, Mondadori, 1995. ISBN 88-04-40659-3
  • Madre Teresa di Calcutta, Sii la mia luce, traduzione di Giorgia Capelli, Annalisa Crea, Paolantonio Livorati, Valeria Pazzi, a cura di Brian Kolodiejchuk, Rizzoli, 2008.

Altri progetti[modifica]