Mamma, ho perso l'aereo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Mamma, ho perso l'aereo

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

La riproduzione (non fedele) di una scena del film in esposizione al museo delle cere Madame Tussauds di Amsterdam.

Titolo originale

Home Alone

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1990
Genere commedia
Regia Chris Columbus
Sceneggiatura John Hughes
Produttore John Hughes
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mamma, ho perso l'aereo, film statunitense del 1990 con Macaulay Culkin, regia di Chris Columbus.

Tagline
Una commedia per la famiglia, senza la famiglia.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [A Kevin] Tu sei quello che i francesi chiamano "les incompétents". (Linnie McCallister)
  • Voglio vivere da solo! (Kevin McCallister)
  • Non si usa bussare, moccioso? (Buzz McCallister)
  • Mamma, anche Babbo Natale deve passare la dogana? (Brooke McCallister)
  • Fuller, vacci piano con la Pepsi, tesoro! (Zia Leslie)
  • Guarda cos'hai fatto, piccolo delinquente! (Zio Frank)
  • [A Kate, travestito da poliziotto] Non si preoccupi per la sua casa, è in buone mani! (Harry Lime)
  • Non voglio dormire con Fuller! Se beve qualcosa fa la pipì a letto! Mi piscerà addosso, lo so! (Kevin McCallister)
  • Vorrei che sparissero tutti! (Kevin McCallister)
  • [La sveglia non è suonata] Non ci siamo svegliati! (Peter e Kate McCallister, in coro)
  • Buon viaggio! Portatemi qualcosa dalla Francia! (Mitch Murphy)
  • Avremo dimenticato niente? (Kate McCallister)
  • C'è nessuno? Mamma? Papà? Mamma? Papà? Ma dove siete? Buzz? Buzz? Buzz? Megan? Ehi! Megan? Rod? Zio Frank? Zio Frank, è uno scherzo, vero? Megan? Lillie? È uno scherzo, vero? (Kevin McCallister)
  • Le macchine sono ancora qui! Quindi non sono partiti! (Kevin McCallister)
  • Ho fatto sparire la mia famiglia! (Kevin McCallister)
  • Kevin, ti darò in pasto alla mia tarantola! (Buzz McCallister)
  • Kevin, sei un disastro della Natura! (Jeff McCallister)
  • [Leggendo Playboy] Tutte quelle donne nude... che schifo! (Kevin McCallister)
  • [Fingendo di chiamare Buzz] Buzz, sto frugando fra le tue cose, mi senti? Vieni fuori e picchiami! (Kevin McCallister)
  • [Guardando la foto della fidanzata del fratello] Buzz, la tua ragazza! Che brutta! (Kevin McCallister)
  • [Fingendo di chiamare i genitori] Ehi, sto mangiando schifezze e guardo un film da grandi, venite a impedirmelo! (Kevin McCallister)
  • [Al telefono dell'aeroporto dopo essersene impossessata con la forza mentre una signora stava telefonando] Hello? Hello? Metta giù, richiamerà! (Kate McCallister)
  • No, è ridicolo. Solo i vigliacchi si nascondono sotto il letto, e io non sono un vigliacco... sono l'uomo di casa. (Kevin McCallister)
  • Ho fatto la doccia e mi sono passato il sapone dappertutto. Proprio dappertutto: davanti, didietro, fra le dita dei piedi, anche nell'ombelico! Tutte cose che non ho mai fatto volentieri. Mi sono lavato i capelli con uno shampoo per adulti e ho usato un balsamo che li fa risplendere. Non ho trovato lo spazzolino da denti, ma ne comprerò uno più tardi. A parte questo mi sento in forma. [Si mette il dopobarba che gli brucia il viso] Aaaaaah! (Kevin McCallister)
  • [Dopo aver rubato per sbaglio uno spazzolino da denti] Sono un criminale... (Kevin McCallister)
  • [A Kevin] Babbo Natale non porta doni al cimitero! (Marv Merchants)
  • Se è necessario mi piazzerò sulla pista e chiederò un passaggio! (Kate McCallister)
  • Anche [a costo] di vendermi l'anima al diavolo in persona io arriverò a casa da mio figlio! (Kate McCallister)
  • Per la miseria! Non hanno più ritegno! Fare la multa a Babbo Natale la sera della vigilia! E alla befana che faranno, le sequestrano la scopa? (Uomo travestito da Babbo Natale)
How low! Giving Kriss Kringle a parking ticket on Christmas Eve! What's next, rabies shots for the Easter Bunny?
  • Questa è la mia casa, devo difenderla! (Kevin McCallister)
  • Benedici questo piatto di maccheroni al formaggio cotti al microonde e benedici quelli che me li hanno venduti. Amen. (Kevin McCallister) [Preghiere dai film]
  • Hai paura, Marv? Hai paura? Coraggio, scavalca! (Harry Lime)
  • [A Marv e Harry] Bella mossa quella di lasciare i rubinetti aperti! Così ora sappiamo quali sono le case che avete visitato. (Poliziotto)
  • È già molto che non hai dato fuoco alla casa. (Buzz McCallister)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Kevin McCallister: Mamma, lo zio Frank non mi fa vedere il film alla TV! Però agli altri sì... perché a me no?
    Kate McCallister: Kevin, sono al telefono! [All'interlocutore] Quando tornate? Ah, così presto?
    Kevin McCallister: Non è nemmeno vietato ai minori! Per me quello è scemo!
    Kate McCallister: [Mentre sta parlando al telefono] Kevin, se lo zio Frank ha detto di no... deve essere proprio brutto!
  • Kevin McCallister: Io non la so fare una valigia, Jeff. Non l'ho mai fatta in tutta la mia vita!
    Jeff McCallister: Zuccone!
    Kevin McCallister: È quello che ha detto Megan!
    Megan McCallister: Cosa ho detto io?
    Jeff McCallister: Che è uno zuccone!
    Megan McCallister: Certo, stava piagnucolando per la valigia! Che dovevo fare, stringergli la mano e dirgli "congratulazioni, sei un idiota!"?
  • Kevin McCallister: Sai che ci devo mettere? [Nella valigia]
    Jeff McCallister: Te l'ha gia detto Buzz, faccia da culo! Un vaso da notte!
  • [Kevin, Buzz e Rod guardano dalla finestra il vecchio Marley spargere il sale sui marciapiedi]
    Buzz McCallister: Non avete mai sentito parlare dell'assassino della pala di South Bend?
    Rod McCallister: No.
    Buzz McCallister: È lui. Nel 1958 ha ucciso tutta la famiglia e la metà dei suoi vicini di casa con una pala da neve. Da allora si nasconde nel nostro quartiere.
    Rod McCallister: Ma se è l'assassino della pala perché non lo arrestano?
    Buzz McCallister: Non hanno prove sufficienti. Non hanno mai trovato i corpi. Tutti qui intorno sanno che è stato lui. Adesso è solo questione di tempo: ucciderà ancora.
    Rod McCallister: Cosa fa adesso?
    Buzz McCallister: Va su e giù per le strade tutta la notte a spargere sale sui marciapiedi.
    Rod McCallister: Forse sta solo cercando di redimersi.
    Buzz McCallister: Non è così. Vedi quel bidone pieno di sale? È lì che mette le sue vittime. Il sale intacca i cadaveri e li trasforma in mummie.
  • Kevin McCallister: Nessuno me ne ha ordinata una solo al formaggio?
    Buzz McCallister: Certo che c'era. Ma se proprio la vuoi vuol dire che qualcuno dovrà vomitarla perché non ce n'è più!
  • Kate McCallister: Di' "Buonanotte" Kevin!
    Kevin McCallister: Buonanotte Kevin!
  • Kevin McCallister: Mi odiano tutti in questa famiglia!
    Kate McCallister: Allora chiedi a Babbo Natale un'altra famiglia.
    Kevin McCallister: Io non la voglio un'altra famiglia! Non voglio nessuna famiglia! Le famiglie rompono!
    Kate McCallister: Resta lassù. Non voglio vederti per il resto della serata.
    Kevin McCallister: E io non voglio più vederti per tutto il resto di tutta la mia vita, anzi, non voglio vedere proprio nessuno!
    Kate McCallister: Spero che non parli sul serio. Sarebbe molto triste per te se ti svegliassi domattina e non avessi uan famiglia.
    Kevin McCallister: No, nient'affatto.
    Kate McCallister: Allora ridillo. Potrebbe avverarsi.
    Kevin McCallister: Spero di non rivedere più nessuno di voi!
  • Frank: Non riusciremo assolutamente a prendere quell'aereo! Parte tra quarantacinque minuti!
    Peter: Non essere così pessimista!
    Frank: Non sono pessimista... sono realista!
  • [Kevin guarda un film di gangster alla tv[1]]
    Gangster Johnny: Chi è?
    Gangster Cobra: Sono io: Cobra. Ho portato la roba.
    Gangster Johnny: Lasciala davanti alla porta e levati dalle scatole!
    Gangster Cobra: D'accordo, Johnny. Ma i miei soldi?
    Gangster Johnny: Quali soldi?
    Gangster Cobra: A.C. ha detto che avevi un po' di grana per me.
    Gangster Johnny: Ah sì? E quanto dovrei darti?
    Gangster Cobra: A.C. ha detto il 10%.
    Gangster Johnny: Peccato che A.C. non comandi più niente qui.
    Gangster Cobra: Gli voglio parlare.
    Gangster Johnny: Adesso è di sopra. Gli parlo io quando scende. Ehi, intanto vorrei farti una proposta, Cobra. Ti do il tempo di contare fino a dieci per far sparire la tua brutta faccia gialla dalla mia proprietà prima che ti riempia le budella di piombo!
    Gangster Cobra: Va bene, Johnny. Scusami. Me ne vado.
    Gangster Johnny: Uno, due... dieci! [Ridendo maleficamente spara col mitra uccidendo Cobra] Tieni il resto, lurido bastardo!
  • [Sull'aereo per Parigi]
    Kate McCallister: Ho una terribile sensazione.
    Peter McCallister: Che sensazione?
    Kate McCallister: Di non aver fatto qualcosa...
    Peter McCallister: No, ti senti così perchè siamo partiti in fretta e furia. Non abbiamo trascurato niente, credimi.
    Kate McCallister: Ho spento il gas?
    Peter McCallister: No. L'ho fatto io.
    Kate McCallister: Hai chiuso tutto?
    Peter McCallister: Sì.
    Kate McCallister: Hai chiuso il garage?
    Peter McCallister: Hai ragione. Ho dimenticato di chiudere il garage, è vero.
    Kate McCallister: No... Non è questo.
    Peter McCallister: Cos'altro abbiamo dimenticato...?
    Kate McCallister: Kevin!
  • Kate McCallister: Com'è potuto succedere? L'abbiamo dimenticato!
    Peter McCallister: Non l'abbiamo dimenticato. Abbiamo solo contato male.
    Kate McCallister: Che razza di madre sono?!
    Frank: Se ti può far sentire meglio, io ho dimenticato gli occhiali.
  • [Al telefono]
    Poliziotta Rose: Sì, distretto di polizia.
    Kate McCallister: Ah, senta, sto chiamando da Parigi. Uno dei miei figli è rimasto solo in casa. Il nostro telefono è guasto, perciò vorrei che qualcuno andasse a casa nostra a dirgli che stiamo tornando a prenderlo.
    Poliziotta Rose: Ok, le passo l'emergenza crisi familiari.
    Kate McCallister: No! Ma questa non è una crisi familiare!
    Poliziotta Rose: Aspetti! [Bussando all'ufficio adiacente] Larry, le vuoi parlare tu? C'è una signora che mi sembra un po' suonata.
    Sergente Larry Balzak: Che linea, Rose?
    Poliziotta Rose: Mh, la 2.
    Sergente Larry Balzak: Emergenza crisi familiari. Sergente Balzak.
    Kate McCallister: Senta, sto chiamando da Parigi. Il mio bambino è a casa da solo.
    Sergente Larry Balzak: È rimasto coinvolto in un alterco con un ubriaco e/o con un malato di mente e/o con un membro della famiglia?
    Kate McCallister: No!
    Sergente Larry Balzak: È rimasto coinvolto in un incidente casuale domestico?
    Kate McCallister: Non lo so. Non credo... Spero di no!
    Sergente Larry Balzak: [Mentre si sta strafogando di ciambelle] Il bambino ha ingerito qualche veleno e/o qualche oggetto che può essergli rimasto in gola?
    Kate McCallister: No! È semplicemente solo in casa e vorrei che qualcuno andasse lì a vedere se sta bene! Insomma, a dargli un'occhiata!
    Sergente Larry Balzak: Lei vuole che andiamo a casa sua solo per dargli un'occhiata?
    Kate McCallister: Sì!
    Sergente Larry Balzak: Allora le passo il distretto di polizia.
    Kate McCallister: Ma sono stati loro a passarmi lei!
    Sergente Larry Balzak: Rose, la suonata sulla 2!
    Poliziotta Rose: Passamela.
    Sergente Larry Balzak: Aspetti in linea.
  • Segreteria telefonica della famiglia Murphy: Salve, qui la famiglia Murphy. Lasciate un messaggio dopo il segnale acustico.
    Messaggio di Peter McCallister: Chuck, sono ancora Peter McCallister e siamo sempre a Parigi, a casa di mio fratello. Ti do il numero di qui, ok? Il prefisso del dipartimento è 33, quello della città è 14 e il numero è 69-48-76-34. Hai scritto? Quando torni a casa, se torni a casa, chiamami per favore qui a Parigi.
  • Harry Lime: L'hai rifatto, è così? Hai lasciato i rubinetti aperti. Tu sei picchiato! Perché lo fai? Ti avevo detto di smettere!
    Marv Merchants: Harry, è il nostro biglietto da visita!
    Harry Lime: Biglietto da visita!
    Marv Merchants: Tutti i grandi lasciano la loro firma. Noi siamo i banditi del rubinetto!
  • Megan McCallister: È tutto assurdo.
    Buzz McCallister: Cosa?
    Megan McCallister: Noi a Parigi in questo appartamento, Kevin a casa e la mamma all'areoporto.
    Buzz McCallister: Allora?
    Megan McCallister: Tu non sei preoccupato per Kevin?
    Buzz McCallister: Perché dovrei esserlo? Quello fa sempre il cretino e vedrai che questo gli servirà di lezione!
    Megan McCallister: Ma è così piccolo... Secondo te è un po' picchiato?
    Buzz McCallister: Quel delinquente per un paio di giorni se la spasserà come un matto!
    Megan McCallister: Non ti preoccupa che possa succedergli qualcosa?
    Buzz McCallister: No! Per tre ragioni: A - non sono così fortunato; B - abbiamo i rivelatori di fumo e C - abitiamo nella starda più barbosa degli Stati Uniti d'America dove non succede e non succederà mai niente di lontanamente pericoloso! Punto.
  • Gangster Johnny: [In tv] Chi è?
    Fattorino: Little Nero, signore, ho portato la pizza!
    Gangster Johnny: [In tv] Lasciala davanti la porta e levati dalle scatole!
    Fattorino: Ok. E... per i soldi?
    Gangster Johnny: [In tv] Quali soldi?
    Fattorino: Quelli che mi deve per la pizza, signore!
    Gangster Johnny: [In tv] Ah sì? E quanto dovrei darti?
    Pizzaiolo: Ehm, sono 11 e 80, signore.
    [Senza farsi vedere Kevin lascia 12 dollari fuori dalla porta tramite la gattaiola]
    Gangster Johnny: [In tv] Tieni il resto, lurido bastardo!
    Fattorino: Spilorcio!
    Gangster Johnny: [In tv] Ehi, ti do il tempo di contare fino a dieci per far sparire la tua brutta faccia gialla dalla mia proprietà prima che ti riempia le budella di piombo... uno, due e dieci! [In tv il gangster Johnny comincia a sparare e il fattorino della pizza scappa via spaventato][1]
    Kevin McCallister: Ah, una bella pizza al formaggio tutta per me!
  • Commessa Supermercato: Ma tu sei venuto qui da solo?
    Kevin McCallister: Signora, ho 8 anni, secondo lei posso essere venutoda solo ?! Andiamo, che sciocchezze!
    Commessa Supermercato: Dov'è tua madre?
    Kevin McCallister: È fuori in macchina.
    Commessa Supermercato: E tuo padre?
    Kevin McCallister: Al lavoro.
    Commessa Supermercato: E i tuoi fratelli?
    Kevin McCallister: Sono figlio unico.
    Commessa Supermercato: Dove abiti?
    Kevin McCallister: Eh... non posso dirglielo!
    Commessa Supermercato: Perché no?
    Kevin McCallister: Perché è una estranea!
  • Caldaia: [Nella fantasia di Kevin] Ahahah! Kevin!
    Kevin McCallister: Chiudi il becco!
  • Harry Lime: Va' a dare un'occhiata!
    [Lunga pausa]
    Marv Merchants: Adesso?!?!
    Harry Lime: [Dopo una breve pausa, pensando di essere preso in giro] No, domani, cretino... Adesso!
  • Gus Polinski: Permetta che mi presenti, siignora? Gus Polinski. Molto lieto. [Gate e Gus Polinski si stringono la mano] Il re della polca del Midwest! Eh? Ehm... I Kenosha Kickers. [Il resto del gruppo la saluta, ma lei non ha idea di cosa stia parlando] No? Ah, non fa niente. Pensavo mi avesse riconosciuto. Comunque... Ehm, sa, io ho avuto un certo successo qualche anno fa, perché io sono quello di "Polca polca polca polca polca polca!" No, eh?
    Kate McCallister: [Perplessa] No...
    Gus Polinski: E Twin Legs Polka? Yamahoozie Polka? Kiss Me Polka?
    Kate McCallister: Ehm...
    Gus Polinski: Polca Twist, eh?
    Kate McCallister: Sarebbero canzoni...?
    Gus Polinski: Sì, ehm... Sì, ecco, nostri grandi successi. Almeno agli inizi degli anni '70. Sì, ne abbiamo vendute ben 623 copie per l'esattezza!
  • Marv Merchants: Sì, i bambini hanno paura del buio!
    Harry Lime: Anche tu hai paura del buio, Marv! Non dire di no.
  • Kevin McCallister: Tanto lo so che non sei il vero Babbo Natale.
    Uomo travestito da Babbo Natale: Che cosa te lo fa pensare? Sai curioso di saperelo. [Intanto si mette in ordine la barba finta]
    Kevin McCallister: Sono grande abbastanza per conoscere la vita.
    Uomo travestito da Babbo Natale: Giusto.
    Kevin McCallister: Ma so anche che tu lavori per lui. E vorrei che gli dessi un messaggio.
    Uomo travestito da Babbo Natale: Spara!
    Kevin McCallister: Io sono Kevin McCallister, 671 Lincoln Boulevard. Vuoi il numero di telefono?
    Uomo travestito da Babbo Natale: No, non fa niente.
    Kevin McCallister: Ok. È estremamente importante. Vuoi dirgli per favore che quest'anno invece dei regali rivoglio solo indietro la mia famiglia? Niente giocattoli, ma soltanto Peter, Kate, Buzz, Megan, Linnie e Jeff. E mia zia e i miei cugini. E se ha tempo anche mio zio Frank. D'accordo?
    Uomo travestito da Babbo Natale: Va bene. Vedrò cosa posso fare.
  • Vecchio Marvin: Salutami pure quado mi vedi, non devi avere paura. Dicono un sacco di cose su di me, ma non è vero niente. Ok? Sei stato buono quest'anno?
    Kevin McCallister: Credo di sì.
    Vecchio Marvin: Puoi giurarlo?
    Kevin McCallister: Naaa.
    Vecchio Marvin: Io mi sentivo triste. Questo è il posto giusto se sei scontento di te.
    Kevin McCallister: Davvero?
    Vecchio Marvin: Credo di sì.
    Kevin McCallister: Tu sei scontento di te?
    Vecchio Marvin: No.
    Kevin McCallister: Io sono stato cattivo ultimamente. Ho detto cose che non dovevo dire. Non sono stato per niente buono quest'anno. Per questo sono un po' triste. Perché a me la mia famiglia mi piace anche se certe volte dico il contrario. Certe volte mi sembra persino di odiarli. Lo puoi capire?
    Vecchio Marvin: Credo di sì. Con la tua famiglia hai dei rapporti un po' complicati.
    Kevin McCallister: Soprattutto con mio fratello più grande.
    Vecchio Marvin: Dentro di te tu li ami sempre, ma ti dimentichi che li ami e qualche volta vi ferite a vicenda e non soo perché sei piccolo.
  • Vecchio Marvin: Tanti anni fa, prima che voi vi trasferiste qui ho litigato con mio figlio.
    Kevin McCallister: Quanti anni ha?
    Vecchio Marvin: Oh, è grande ormai. Una parola tira l'altra e gli dissi che non ci tenevo più a vederlo. Lui disse lo stesso e da allora non ci siamo più parlati.
    Kevin McCallister: Se ti manca perché non gli telefoni?
    Vecchio Marvin: Temo che se lo faccio lui non voglia parlarmi.
    Kevin McCallister: Come fai a saperlo?
    Vecchio Marvin: Be', non lo so, ma ho paura che succeda.
    Kevin McCallister: Non ti offendere, ma non sei un po' vecchio per avere paura?
    Vecchio Marvin: Si può essere un po' vecchi per molte cose, ma mai troppo per avere paura.
    Kevin McCallister: Sì, è vero. Io ho sempre avuto paura del nostro seminterrato: è buio, c'è roba strana, c'è uno strano odore e tutte cose strane. Erano anni che mi perseguitava.
    Vecchio Marvin: I seminterrati sono così.
    Kevin McCallister: E poi mi sono costretto a scenderci per fare il bucato e ho scoperto che non è così brutto. Mi ero preoccupato senza ragione perché quando ho acceso la luce non era questo granché.
    Vecchio Marvin: Che vorresti dire?
    Kevin McCallister: Cosa voglio dire? Che dovresti chiamare tuo figlio.
    Vecchio Marvin: E se non mi vuole parlare?
    Kevin McCallister: Almeno lo saprai. Così potrai smettere di pensarci e non dovrai avere più paura. Anche se sono stato cattivo io vorrei parlare con il mio papà, specialmente adesso che è Natale.
  • Harry: Prima diamo un'occhiata, possiamo sempre tornare per il furgone.
    Marv: Sì... Allora, come vuoi entrare?
    Harry: Dalla porta di servizio. Ci aprirà lui [Kevin], non si sa mai.
    Marv: Già! È un bambino, e i bambini sono stupidi!
  • Harry Lime: Buon Natale signorino... lo sappiamo che sei lì e anche che sei solo.
    Marv Merchants: Sù, da bravo ragazzino, apri! C'è Babbo Natale... e il suo folletto!
  • Harry Lime: Marv!
    Marv Merchants: Harry?
    Harry Lime: Perché ti sei tolto le scarpe?!
    Marv Merchants: E tu perché ti sei vestito da gallina?!
  • Harry Lime: Faremo esattamente quello che ha fatto a noi! Gli brucio la testa come lui ha fatto a me!
    Marv Merchants: Io gli rompo la faccia con una sbarra di ferro!
    Harry Lime: Poi forse gli sbatto in faccia un barattolo di vernice!
    Marv Merchants: E io gli pianto un chiodo in un piede!
    Harry Lime: Ma prima di tutto gli strapperò a morsi questi ditini! Uno alla volta!
  • Kate McCallister: Sono una cattiva madre... Sono una cattiva madre...
    Gus Polinski:Ma non è vero. Non deve sentirsi in colpa. Sono cose che succedono sempre. Succedono a tutti, gliel'assicuro.
    Kate McCallister: No...
    Gus Polinski: Vuol sapere qualcosa sui cattivi genitori? Be', guardi noi. Insomma, noi siamo in giro quarantotto, quarantanove settimane l'anno. E chi le vede le nostre famiglie? Ehm, Joe, laggiù. Lo vede? Be', lui ha quasi dimenticato i nomi dei suoi figli. E Ziggy, quello che guida, non l'ha nemmeno mai visto suo figlio. Eddy... Spero che nessuno scriva mai la sua biografia. Eh...
    Kate McCallister: Ma lei è mai andato in vacanza dimenticando suo figlio a casa?
    Gus Polinski: Ehm... [Ci pensa un po' su] No.
    Kate McCallister: Ecco!
    Gus Polinski: Ma una volta ne ho lasciato uno alle pompe funebri. Eh, sì, fu terribile. Vede, ero ditrutto, annientato, capisce? Mia moglie era morta e ... e noi lasciammo il bambino per tutto il giorno nella camera ardente. Tutto il giorno, capiesce? Solo quando tornammo a casa la sera ce ne siamo accorti. E lui era là, era stato tutto il giorno da solo con la madre morta.
    Kate McCallister: [Turbata] Oh!
    Gus Polinski: Eh... Ah, ma si riprese, sa? Sì, dopo sei settimane. Certo, si riprese. Ricominciò a parlare... Ora sta benissimo! Sa, i bambini superano tutto, si riprendono!
  • Kate McCallister: Qualcuno corra al drugstore. Non abbiamo nemmeno il latte.
    Kevin McCallister: Io ho fatto la spesa ieri.
    Jeff McCallister: Tu hai fatto la spesa?!
    Kevin McCallister: Ho preso un po' di latte, uova e anche un ammorbidente.
    Kate McCallister: Cosa?!
    Peter McCallister: Stai scherzando?! Chi se lo aspettava! Che cos'altro hai fatto mentre eravamo via?
    Kevin McCallister: Oh, niente di speciale...
    Buzz McCallister: Sa fare la spesa?! Non sa nemmeno allacciarsi le scarpe ed è andato a fare la spesa! Non è il Kevin che conoscevo!

Explicit[modifica]

Kevin, che cosa hai combinato in camera mia?! (Buzz McCallister)

Note[modifica]

  1. a b Film fittizio intitolato Angels with Filthy Souls realizzato appositamente per queste scene.

Altri progetti[modifica]

Mamma, ho perso l'aereo
Mamma, ho perso l'aereo · Mamma, ho riperso l'aereo - Mi sono smarrito a New York · Mamma ho preso il morbillo · Mamma ho allagato la casa