Marceline Desbordes-Valmore

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Marceline Desbordes-Valmore

Marceline Desbordes-Valmore (1786 – 1859), poetessa francese.

Liriche d'amore[modifica]

  • Un giorno quella voce sua tenera e velata | sotto cipressi giovani forse mi chiamerà: | più felice di lui, in fondo alla vallata, | allora io saprò che mi rimpiangerà. (da Elegia)
Peute-être un jour voix tendre et voilée | M'appellera sous de jeunes cyprès: | Cachée alors au fond de la vallée, | Plus heureuse que lui, j'entendrai ses regrets. (da Elégie)
  • Ostinarsi sui beni perduti | è come andar con l'onda che ripiega. (da La memoria)
Se reprendre à des biens perdus, | C'est marcher au flot qui recule. (da La mémoire)

Citazioni su Marceline Desbordes-Valmore[modifica]

  • Innanzitutto Marceline Desbordes-Valmore era del Nord e non del Mezzogiorno, sfumatura importante più di quanto si pensi. Del Nord crudo, del Nord nostrano (il Mezzogiorno, sempre arso, è sempre meglio, ma questo meglio potrebbe senza dubbio essere il nemico del vero bene), – e questo ci piacque, a noi del Nord ugualmente crudi, – infine! (Paul Verlaine)

Bibliografia[modifica]

  • Marceline Desbordes-Valmore, Liriche d'amore, a cura e traduzione di Maria Luisa Spaziani, Ignazio Maria Gallino Editore, 2005.

Altri progetti[modifica]