Marco Pantani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Marco Pantani

Marco Pantani (1970 – 2004), ciclista su strada italiano.

Citazioni di Marco Pantani[modifica]

  • Avrei voluto essere battuto dagli avversari, invece ancora una volta mi ha sconfitto la sfortuna [Dopo il ritiro, causa caduta, al Giro d'Italia 1997] (citato in Pier Bergonzi, Claudio Gregori, Pantani, calvario senza fine, da La Gazzetta dello Sport, 25 maggio 1997)
  • [Parlando della fidanzata Christina] È una persona fredda, che mi giudica, scappa quando ho bisogno, e io, con il carattere duro che mi ritrovo, continuo a sfidarla.[1]
  • Credo che c'è qualcosa di strano, sono ripartito dopo dei grossi incidenti ma moralmente credo che questa volta... abbiamo toccato il fondo. (Madonna di Campiglio, 1999[1])
  • Quando scatto cerco di distruggere psicologicamente i miei avversari che non sanno mai fin dove posso arrivare.[1]
  • Aspetto con tanta verità sono stato umiliato per nulla e per 4 anni sono in tutti i tribunali, ho solo perso la mia voglia di essere come tanti altri sportivi ma il ciclismo ha pagato e molti ragazzi hanno perso la speranza della giustizia e io mi sto ferendo con la deposizione di una verità sul mio documento perché il mondo si renda conto che se tutti i miei colleghi hanno subito umiliazioni in camera, con telecamere nascoste per cercare di rovinare molti rapporti fra famiglie. E dopo come fai a non farti male. Io non so come ma mi fermo, in casi di sfogo, come questi, mi piacerebbe che io so di avere sbagliato con droghe ma solo quando la mia vita sportiva soprattutto privata è stata violata ho perso molto e sono in questo paese con la voglia di dire che asta la vittoria è un grande scopo per uno sportivo ma il più difficile è di avere dato il cuore per uno sport con incidenti e infortuni e sempre sono ripartito, ma cosa resta se tanta tristezza e rabbia per le violenze che la giustizia a te ti è caduta in credere, ma la mia storia spero che sia di esempio per gli altri sport che le regole si devono avere ma uguali non esiste lavoro che per esercitare si deve dare il sangue e controlli di notte a famiglie di atleti io non mi sono sentito più sereno di non essere controllato in casa in albergo da telecamere e sono finito per farmi del male per non rinunciare a la intimità che la mia donna gli altri colleghi hanno perso, e molte storie di famiglie violentate ma andate a vedere cosa è un ciclista e quanti uomini vanno in mezzo a la torrida tristezza per cercare di ritornare con i miei sogni di uomo che si infrangono con droghe ma dopo la mia vita di sportivo e se un po di umanità farà capire e chiedere cosa ti fa sperare che con uno sbaglio vero, si capisce e si batte per chi ti sta dando il cuore questo documento è verità e la mia speranza è che un uomo vero o donna legga e si ponga in difesa di chi come si deve dire al mondo regole per sportivi, uguali e non falso mi sento ferito e tutti i ragazzi che mi credevano devono parlare. (Parole scritte da Pantani nel suo passaporto durante il suo ultimo viaggio ai caraibi)[1]

Citazioni su Marco Pantani[modifica]

  • Io sto vincendo questo tour, ma se ci fosse Pantani lo vincerebbe lui. (Lance Armstrong) [in occasione del Tour de France 1999]
  • Dalle Alpi francesi solcate da una tempesta, si leva solenne, al di là delle nuvole della fantasia, un dio dello sport: si chiama Marco, il nome forte di un evangelista. È andato lassù, in una bugiarda giornata di luglio, a predicare sulle montagne il mistero eterno dell'uomo ai confini della più spietata fatica. Eccolo, con i rivoli di forza vitale che gli restano addosso, nel suo ultimo gemito soave. È finita. Lo straordinario miscuglio di gioia e sofferenza che agita la sua anima produce una sorta di trasfigurazione nel volto di Pantani. C'è un senso profondamente drammatico nel suo trionfo. Ne ho viste tante in quasi mezzo secolo di sport, ma l'abbraccio di Marco con quel traguardo che gli sta davanti e che gli cambia la maglia e la vita, è un'immagine baciata dall'eternità. (Candido Cannavò)
  • Non c'è niente da fare... quando la strada si rizza sotto i pedali Pantani è il più forte. (Adriano De Zan)
  • Corri più veloce del vento | il vento non ti prenderà mai | corri ancora adesso lo sento | sta soffiando sopra gli anni tuoi. | Dammi la mano fammi sognare | dimmi se ancora avrai | al traguardo ad aspettarti | qualcuno oppure no. (Nomadi)

Note[modifica]

  1. a b c d Citato in Manuela Ronchi e Gianfranco Josti, Un uomo in fuga, Rizzoli Editore, 2004, ISBN 88-17-00367-0.

Altri progetti[modifica]