Marco Vichi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Marco Vichi (1957 — vivente), scrittore italiano.

Incipit di Morte a Firenze[modifica]

Firenze, ottobre 1966

Nel dormiveglia allungò una mano per cercare il corpo caldo di Elvira, ma trovò solo il ruvido lenzuolo di lino e si ricordò che lei se n'era andata. Si sdraiò sulla schiena e si mise a fissare il buio. Un'altra donna era entrata nella sua vita e ne era uscita in fretta, come un proiettile che trapassa la carne. Forse la donna che faceva per lui sarebbe nata fra cento anni, oppure era già nata, vissuta e morta. In ogni caso non l'avrebbe mai conosciuta.

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]