Mariah Carey

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Mariah Carey, 2008

Mariah Carey (1970 – vivente), cantante, attrice e produttrice discografica statunitense.

Citazioni di Mariah Carey[modifica]

  • [La cantante sulla sua infanzia] È stato difficile per me, trasferirsi di continuo, dover crescere da sola... I miei genitori divorziarono. Io mi sono sempre sentita in un certo senso diversa da tutti gli altri del vicinato. Ero una persona diversa dal punto di vista etnico, e a volte è stato problematico. In base al tuo aspetto tutti ti danno della 'ragazza bianca', ma io pensavo: 'No, io non sono così'.[1]
  • L'attore che amo di più, invece, Morgan Freeman. Sono molto contenta del fatto che abbia vinto l'Oscar: quando avevo 4 anni lo guardavo recitare in The Electric Company, programma tv per ragazzi.[2]

Citazioni su Mariah Carey[modifica]

  • Ai miei tempi davano della diva a Mariah Carey! La verità non dura! (Hitman)
  • Io amo Mariah Carey. La sua musica ha salvato le vite di tanti bambini del ghetto. Canzoni come "Vision of Love" ci hanno dato speranza, vorremmo poter cantare canzoni come questa cercando di raggiungere ogni nota come Mariah – il che è impossibile. Non penso che lei sappia l'importanza che ha avuto nella vita di Mary J. Blige. In quanto a incontrarla… è una persona meravigliosa, e non puoi fare altro che difenderla quando [i media] iniziano a ridicolizzarla. Non si merita questo.[3] (Mary J. Blige)
  • Mariah ha avuto da Dio un dono meraviglioso che non conosce colore, non conosce confini e non conosce limitazioni. Nella sua musica si possono sentire la passione e l'onestà.[4] (Patti LaBelle)

Parodie[modifica]

  • Ogni volta che vedo alla televisione quei poveri bambini che muoiono di fame in giro per il mondo, non posso non scoppiare a piangere. Voglio dire, vorrei essere anch'io così magra, ma senza le mosche, la morte e quel genere di cose.[5] (Un'imitatrice radiofonica nel 1996 sul sito "Cupcake". Questa citazione è stata erroneamente attribuita alla "vera" Mariah Carey dal magazine britannico VOX e in seguito dal giornale britannico The Independent.)

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]

Note[modifica]

  1. Nickson, Chris (1998). Mariah Carey revisited. New York: St. Martin's Griffin. ISBN 978-0-312-19512-0.
  2. Citato in Andrea Laffranchi, «Ero schiava dei manager, canto la rinascita», corriere.it, 1 aprile 2005.
  3. http://music.barnesandnoble.com/features/interview.asp?NID=996185&z=y
  4. http://www.mariahdaily.com/info/tours/taom/philadelphia/fanpics/tourbook/16.jpg
  5. http://www.snopes.com/quotes/carey.asp