Natale Ginelli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Natale Ginelli (1920 – 1996), religioso e scrittore italiano.

La tua via[modifica]

Incipit[modifica]

È stato detto che tre sono i momenti capitali della nostra vita: il Battesimo che è vocazione alla vita eterna, la scelta dello stato che è vocazione ad una strada particolare la quale assicura la vita eterna, la morte che dovrebbe essere vocazione effettiva al cielo.
La prima per noi c'è stata, l'ultima dipende in massima parte dalla seconda. A dare ascolto ai Santi, dalla scelta dello stato dipende molto spesso la salute eterna.

Citazioni[modifica]

  • S. Alfonso paragona la vita a un orologio. La vocazione è il perno. Spostate il perno: l'orologio non funziona più. (p. 13)
  • La grandezza la si deve misurare nei confronti con Dio. Quanto più uno si avvicina a Dio tanto più s'innalza. (p. 14)
  • Un cuore che si pente di aver promesso a Gesù non conosce la portata dell'amore. (p. 18)
  • A furia di guardare viene voglia di provare e s'impara. (p. 39)
  • La Chiesa giudica con le idee di Dio! (p. 81)
  • È di fede che nelle anime soltanto Dio opera. (p. 89)
  • Noi uomini viviamo di imitazione, facciamo quello che vediamo compiere da altri. (p. 96-97)
  • Se la scienza ci porta tutta quella roba che è la guerra, viva l'ignoranza. (p. 207)
  • Quando si incomincia a far delle brecce nell'Ostia, difficilmente ci si arresta sulla via del male. (p. 237)
  • È stato scritto che «la vita è un grande pensiero fissato in giovinezza e tradotto in pratica». (p. 238)
  • I Santi hanno fortemente voluto perché appassionatamente amavano. (p. 242)
  • L'umiltà è il fondamento su cui poggia tutta la santità. (p. 254)
  • Non è solo l'intelligenza e la bravura che da Dio è stimata. S. Tommaso e il Curato D'Ars seggono insieme tra gli Angeli. (p. 392)

Bibliografia[modifica]

  • Natale Ginelli, La tua via, Edizioni Paoline, 1957.