Natiche

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Venere di Milo

Citazioni sulle natiche.

  • E beato colui che da sua posta | ha sempre qualc'un che gliele dia | e trova la materia ben disposta. (Francesco Berni)
  • È meglio il seno? È meglio il sedere? Perché discutere: in fondo le chiappe sono tette senza capezzoli. (Zuzzurro e Gaspare)
  • E tu nona porta più misteriosa ancora | Che t'apri tra due montagne di perle | Tu più misteriosa ancora delle altre | Poret dei sortilegi di cui non osi parlare affatto | Anche tu appartieni a me | Suprema porta (Guillaume Apollinaire)
  • Ed elli avea del cul fatto trombetta. (Dante Alighieri)
  • Fondoschiena, fine del sogno infantile d'essere saggio, | Natiche, trono adorato dell'impudicizia, | Natiche la cui bianchezza divinizza ancora la rotondità, | Trionfo della carne più di quello del volto. (Paul Verlaine)
  • I nostri deretani non sono i loro. Spesso | Ho visto gente sbottonata di là da qualche siepe | E, nei bagni impudichi in cui l'infanzia gioca, | Osservavo gli scorci e gli effetti dei culi. (Arthur Rimbaud)
  • Nelle mie calze viola il profumo di mela | il pantheon della bitta maestosa | un cul di cagna aperto | alla santità della via. (Georges Bataille)
  • Quella ragazza aveva un culo così bello che meritava di stare davanti. (César Baldaccini)
  • Un'altra parte del corpo umano ad alto gradimento di attrazione erotica sono le natiche, ovvero semisfere che singolarmente dicono poco ma in coppia formano un culo. (Giobbe Covatta)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]