Nek

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Nek in concerto a Assago

Nek, all'anagarafe Filippo Neviani (1972 – vivente), cantante italiano.

  • Un uomo non è grande perché mai cade. Un uomo è grande perché ogni volta che cade trova il coraggio di rialzarsi.  Se sai qual è la fonte di questa citazione, inseriscila, grazie. citazione necessaria

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Nek[modifica]

Etichetta: Fonit Cetra, 1992

  • Amico mio ma perché esiste ancora chi | pensa che non la guerra | si riesca a risolvere tutto oh si | oppure si possa spezzare, fermare, cambiare, sbloccare, disfare | come fosse una cosa normale. (da Amico mio, n.° 1)
  • Che ogni razza, ogni città, trovi la strada | che faccia andare avanti e indietro mai | perché ogni dissenso, ogni conflitto qualunque discordia | è il seguito di un disegno politico | basta tracciare confini sul mondo | amico mio. (da Amico mio, n.° 1)
  • Il vento della vita raccoglierà, ancora le mie parole | e ti racconterò tutto su di me, si di me, di me | domani la mia strada continuerà, solo | senza illusioni | pensavo che durasse un'eternità con lei, per lei. (da Sogni miei, n.° 2)
  • E pian piano il tempo passò con la sua scia | così portammo i Police a farmi compagnia. | Decisi basta con le country songs | e con tutto il resto doveva esser l'inizio. | Per me l'inizio di un futuro che | o meglio in cui creder ancora sempre più forte di prima | Reggae rock Reggae rock Reggae rock | io lo sentivo Reggae rock. (da Raggae rock, n.° 5)
  • Un uomo nasce e sa già | che la sua vita corre | sol con la forza dei sogni può allontanarsi dal mondo | quando un uomo si sente solo | va a cercare chissà cosa e chi | un uomo può esser tutto o niente anche per chi gli sta vicino. (da Uomini fragili, n.° 6)
  • Manager ma ci credi tu | al tuo tempo speso così | manager tu non rischi più | nel sistema fatto così | smuoviti non hai tempo sai | per giocare e fare l'eroe | manager non stressarti più | vuoi finirla di bere caffé. (da Manager, n.°

In te[modifica]

Etichetta: Fonit Cetra, 1993, prodotto da Dino Melotti e William Baravelli

  • Un ragazzo solo è come un vetro | lo trapassa la gente neanche ci fa caso | certe donne muovono il didietro | non vedono niente di là dal naso. (da Uomo con te, n.° 1)
  • Un ragazzo solo è un aquilone | se si stacca dal filo lo portano i venti | un ragazzo solo è una canzone | che uno compone ma l'ascoltano in tanti. (da Uomo con te, n.° 1)
  • Un ragazzo solo è una canzone che uno compone, ma l' ascoltano in tanti. (da Uomo Con Te, n.° 1)
  • Quelle croci uncinate su un foglio | o le scritte in nero contro gli ebrei | o aggredirmi perché voglio un figlio | varie facce della stupidità che c'è. (da Il muro di Berlino c'è, n.° 2)
  • Il muro di Berlino c'è | muro è una schiena contro te | muro è un cassetto di rasoi | non c'è un ti amo nel mio spray. (da Il muro di Berlino c'è, n.° 2)
  • Risalirò col suo peso sul petto | come una carpa il fiume | mi spalmerò sulla faccia il rossetto | per farlo ridere | per lui poi comprerò | sacchetti di pop corn | potrà spargerli in macchina | per lui non fumerò | a quattro zampe andrò | e lo aiuterò a crescere. (da In te, n.° 3)
  • Lui vive in te | si culla in te | con i tuoi battiti | è in te | lui nuota in te | gioca chissà è lui il figlio | che non vuoi. (da In te, n.° 3)
  • Ricorda che | una parte di me è con te | sarà un grande legame invisibile | che a vicenda ci ricorderà. (da Jane, n.° 5)
  • Figli di che figli di chi | non massacrateci così | abbiamo bisogno di momenti felici | di star con gli amici | di incontrarci tra noi | figli di che figli di chi | noi figli di un padre non più qui | figli dei muri, dei silenzi più duri | però il nostro futuro lo faremo da noi. (da Figli di chi, n.° 7)

Calore umano[modifica]

Etichetta: Fonit Cetra, 1994

  • Il calore umano | è un calore buono | può fare di un ragazzo un uomo | ed ora so che cos'è | calore umano | come un ultrasuono | che ti penetra anche se tu non vuoi | spezza le paure | l'egoismo che è in noi. (da Calore umano, n.° 1)
  • Il calore umano | come un autotreno | che il suo carico d'amore disperde in città | il calore umano | viene da lontano | con gli occhi grandi di un bambino | nato in Africa va | calore umano | calore sano | quando abbiamo un solo ombrello noi due | forte forte uniamo | le mie spalle e le tue. (da Calore umano, n.° 1)
  • Voglia di te su e giù nel tuo quartiere | mi faranno sobbalzare | le saracinesche del bar | voglia di te coi seni a punta | voglia di te che non fai mai la santa come tante amiche che hai | Voglia di te, si voglia di te. (da Voglia di te, n.° 2)
  • Un conto è parlarne con le amiche tue | ma a fare l'amore si è soltanto in due | poi l'esperienza c'è o non c'è... | La prima volta può deludere | dicevi "Fa piano" ed io pensavo a me | mi chiedi persino se sei frigida | volevi soltanto andassi via da te. (da Cuori in tempesta, n.° 3)
  • Guardiamo bene sul calendario | non ci sei rimasta vedrai | semplici ritardi, ed un labbro mordi | se mi va bene non lo faccio o più | Dai, dai, dai cuori in tempesta siamo noi | ti riaccompagno a casa vuoi | e già mi manchi sai o sì... | Chiamami, ci chiuderemo in camera | le bocche sul telefono | ci rideremo su noi due. (da Cuori in tempesta, n.° 3)
  • Vanno via ragazze della 5°B | secchione o senza venerdì | ma ormai quasi donne | e diari non ne scrivi più | e non lo saprò mai | se il nome che segnavi tu | era il suo o forse il mio.... (da Ragazze della 5°B, n.° 4)
  • Tredici anni, trecent'anni credi | non è l'età | e l'amore ancora c'è | è un gigante dentro te | che può farti sentire importante | l'amore c'è | dal giurassico sta qui | muove le stelle verso te | per amore tu sei nell'universo | non ha voce ma griderà | come un segno di pace | è qua. (da L'amore c'è, n.° 5)
  • Capiterà | prima o poi | una ragazza che | qualcosa ha di te | io ci uscirò | e l'ascolterò | chiedendomi questa chi è | Però vorrei ci fosse amore | o tenerezza tra di noi. (da Però vorrei ci fosse amore, n.° 6)
  • Dormi dove volano | alti sopra gli alberi | tanti Peter Pan | prendono le rondini | per cavalli a dondolo | forse li vedrai | saltano sui grilli tra le stelle | giocano a cucù | tirano le code delle gru. (da Paese turchese, n.° 7)
  • Non è vero quel che vedi in TV | al paese che è turchese hai diritto tu. (da Paese turchese, n.° 7)
  • Quando sarò lontano | guarda il cielo e pensa che | è il cielo che guardo anch'io | racchiudilo dentro di te | prima di addormentarmi | prima di averti mandato un bacio | io ti respirerò nell'aria | in questa notte chiara e troppo calda. (da Quando sarò lontano, n.° 9)
  • Io sto a pezzi senza di te | non so a chi parlare | ho tante amiche però | gli dico sempre no. (da Quando sarò lontano, n.° 9)
  • Quando con l'indice | i tuoi capelli tolgo via | c'è poesia. (da Quando sarò lontano, n.° 9)
  • Ti vedrò nel rosso cielo | di un tramonto che si spegne | ricorderò di possedere | questo amore grande più del mare | coi suoi profondi abissi da esplorare. (da Quando sarò lontano, n.° 9)
  • Angeli nel ghetto | anime da gatto | abbiamo il diritto | di amarci un po' | io ti voglio addosso | come un mare mosso | con gli anfibi camminiamo noi | in un tempo che non passa mai | liberi. (da Angeli nel ghetto, n.° 10)

Lei, gli amici e tutto il resto[modifica]

Etichetta: Don't Worry, 1997, prodotto da Rolando D'Angeli

  • Se vuoi ci amiamo adesso, oh no | però non è lo stesso | ora so | c'è ancora il suo riflesso | tra me e te | mi dispiace ma non posso | Laura c'è | se vuoi ci amiamo adesso, oh no | mi casca il mondo addosso e | ora so | c'è ancora il suo riflesso | tra me te | mi dispiace ma non posso | Laura c'è, Laura c'è. (da Laura non c'è, n.° 1)
  • A pensarci bene il bello di te | è che viaggi sempre sulle mie frequenze | sei grande | ed in certe cose sei come me | non t'accontenti di essere | una fra tante | sei grande | ed ho molto rispetto per ogni tua idea | non la voglio cambiare per pazzesca che sia | non ti stresso per farti più simile a me | ..che se fossi diversa non saresti più te. (da Sei grande, n.° 2)
  • Per cominciare io ti amo | parola che non ti riuscivo a dire | che scemo | di te non posso fare a meno | se per te amore è soltanto un suono | per me è di più. (da Restiamo qui, n.° 3)
  • Per paura di non essere nessuno | ti fai strada nella vita come puoi | e non sempre trovi chi ti da una mano | ci provi ma non sai | se un giorno ce la fai. (da Vivere senza te, n.° 4)
  • Vivere senza te potrei sparire non è uno scherzo | se non ci fossi te ora sarei | diverso | e se nelle vene mie vai già su e giù | adesso anche le idee le hai prese tu. (da Vivere senza te, n.° 4)
  • Tu vicina e così distante | il cuore ti batte ma | per chi batte | non ne so niente | chissà, chissà | Fantasie che l'insonnia da | magari adesso un altro sta con te | se potessi li ucciderei | tutti i sogni tuoi | piano piano vorrei svegliarti | per rassicurarmi e per parlare un po' | e invece no | forse ho paura di capire con chi stai. (da Tu sei, tu sai, n.° 5)
  • Tu sei tu sai | nel sogno da chi vai | tu sei tu sai | stai svegliandoti ormai | mi sorprendo i tuoi occhi | quasi chiusi poi accesi | spalancati in me | dici sorridendo: "Sognavo di te!". (da Tu sei, tu sai, n.° 5)
  • Apro le braccia e poi stringo più che mai | perché sei quello che non ho avuto mai | nessuno può | darmi ciò che sai dare tu | davvero | e se mi sento giù | tu mi riporti su | tu vivi dentro me | e mi fai vivere. (da Sei, n.° 6)
  • Fammi un po' compagnia | dai baciami adesso | io no so cosa sia | sto sul depresso | è una noia bestiale | che mi prende se solo non ci sei | è una cosa normale | o succede solo a me?. (da Dimmi cos'è, n.° 7)
  • Non andartene via | dai baciami adesso | dimmi che conto io per te | dimmelo spesso | e questa noia bestiale | come un vecchio animale cade già | e questa noia che sale | la tua mano toglierà | Dimmi dimmi dimmi cos'è | cos'è che c'è | Dimmi dimmi dimmi cos'è | che c'è tra noi | Dimmi dimmi dimmi che ho | se non ti ho. (da Dimmi cos'è, n.° 7)
  • E ti ha buttata giù nuovamente | sapere che tuo padre ha un'altra ormai | E ti ha ferita ma io non c'entro niente | mi chiedi di lasciarti in pace e vai | ma dove vai ora | sei sola | non fare così | è dura | se questa storia va in malora | tu scappi da chi. (da Vai sola, n.° 8)
  • Solo | consideratemi sparito per un po' | ho cancellato questo giorno e gli altri no | pensatemi che disegno | o semplicemente sogno. (da Solo, n.° 9)
  • E poi camminare scalzo | sui resti di un giorno perso | un morso di vita è andato via | solo | consideratemi sparito per un po' | ma non ci sto a guardare il mondo da un oblò | e voglio scendere per strada come sempre | cercare la gente. (da Solo, n.° 9)
  • Mezza luna poi svaccata su noi | si stava facendo i fatti suoi | e al centro della piazza tirammo la zip | e pisciammo sul mondo schiena a schiena così | quando ti lasciai barcollavi abbracciato ai tuoi guai | forse li mi sbagliai | e certo che non lo rifarei, gridavi: | E non mi dire che ho bevuto | il mondo intero mi ha fottuto | ma se mi lasci pure te | io valgo meno di uno sputo. (da E non mi dire che ho bevuto, n.° 10)
  • Ma non mi dire che hai bevuto | e che il mondo intero ti ha fottuto | adesso io non ci sto più | per questo stasera ti ho cercato | si ricomincia da domani | hai testa e mani anche tu | per decidere | per tirarti su. (da E non mi dire che ho bevuto, n.° 10)
  • Sotto un cielo che sa di plastica | ma la notte non è solo musica | qualche amico c'è che non ce la fa | droghe non ce né mi farò di te | dagli schiaffi del mondo salvami | voglio muovermi | la città non può finire in un bar | non può finire in un bar | Nati per vivere una volta sola | sopravvissuti noi del sabato | la pelle brucia perché | l'ho tatuata di te | così mi stai sempre addosso adesso. (da Nati epr vivere, n.° 11)
  • Vetri rotti qua e là | e l'ambulanza che va | oltre i rottami niente c'è | scendo dall'auto poi mi fermo a guardare | forse è un ragazzo come noi, come me e penso forte a te | Andare partire tornare | mi dici a vent'anni chi vuole morire | ma quando ci sei dentro non vai mai a pensare | che capiti a te. (da Andare, partire, tornare, n.° 12)
  • Andare partire tornare | già dormi ti poso un orecchio sul cuore | lo sento mentre batte e pian piano scompare | quest'ansia che ho | quest'ansia che ho | Ho in testa quella macchina | quel lampeggiare | ci penso e non so | se questa notte | dormirò. (da Andare, partire, tornare, n.° 12)
  • Si lo so | non sempre tutto è come vuoi | e calci in bocca prendi e dai | ma alla fine tu sei quello che fai | e non dire di dare ma dai tu | anche quando non ce n'è più | per qualcuno è già importante | oh noi, tra quelle cose che non vediamo mai | decine di mani arrese | tese verso noi | C'è di più, di più | di un giorno da spento | c'è di più, di più | di un tempo violento. (da Di più, n.° 13)
  • E per noi | è così | ti parliamo anche se tu | non sei qui | dimmi un po' che stella sei | e ti cercherò nei giorni bui | Fianco a fianco | siamo già | rivivendo la tua età | e uno schianto dentro il blu | verso un mondo che non c'è quaggiù | non lasciare la mia mano ancora | tu. (da Fianco a fianco, n.° 14)

In due[modifica]

Etichetta: Don't Worry, 1998

  • Sai che amarti non è mai abbastanza | è che tu sei tutto quello che mi manca | e così | come una scheggia te | sei entrata dentro me. (da Se io non avessi te, n.° 1)
  • Sì ho sbagliato | ad alzar la voce lo so | tu sei l'unica | che mi accetta coi difetti che ho | Dovrei, vorrei | stringerti e trasmetterti i pensieri miei | ti calmerei | Di cercarti sai | non ho smesso mai | me accorgo solo adesso | e capisco che | tempo non ce n'è | perché sto rischiando te. (da Sto con te, n.° 2)
  • Giochi di sguardi ormai tra di noi | vuole baciarti ma tu non vuoi | nella monotonia mi ci schianto | ora mi alzo e con la scusa mi avvicino e poi... | noi due | nel mondo noi due | cercando io e te | nel tempo che c'è | ho te | in testa ho te | e basta con te | fin quando ce n'è. (da Noi due, n.° 3)
  • Che consigli vuoi da me | se poi fai quel che vuoi te | sai che mai | ti direi | "và da lei" | Se un regola c'è | non la chiedere a me | te ne devi fregare se lo vuoi | se l'umore va giù | se non ce la fai più | guarda che non esiste solo lei | devi muoverti un po' oh, oh, oh | c'è chi non dice no oh, oh, oh. (da Se una regola c'è, n.° 4)
  • E se t'ha lasciato addosso un male fisico | qua ci vuole solo un po' di senso pratico | Una strada non c'è mai | c'è soltanto quella che tu fai | troverai | una che | non dà guai guai eh. (da Se una regola c'è, n.° 4)
  • Ho in testa te perché sai esagerare | e non mi dai fastidio mai | con quegli occhiali | che guardi e non fai guardare | se ti va prendi quello che vuoi | Oh magnetizzi gli sguardi miei | oh è il potere che hai | oh se potessi ti sdoppierei | per avere due volte te. (da Ho in testa te, n.° 5)
  • Ho provato a bere | serve per staccare | ma il pensiero non affoga mai | ha imparato già a nuotare sai | Se cammino cerco | se sogno già ti perdo | quindi devo muovermi per te | Giusto o no sull'ombra ti camminerò | fino a che ombra non sarò | fino a convincerti che a te | io non rinuncio. (da Giusto o no, n.° 6)
  • È strano che di tutti quei progetti miei | non me ne frega niente ormai se non ci sei | Giusto o no sull'ombra ti camminerò | fino a che ombra non sarò | fino a convincerti che a te io non rinuncio | non so nemmeno cosa fai | o se qualcuno già ce l'hai | la notte fingo che ci sei | stringo il lenzuolo intorno a me | e non è gran che. (da Giusto o no, n.° 6)
  • Mi dico è meglio da solo | che stare male per lei | che da una vita mi lega a sé | con un sì, con un ma e con un se | E quel che credo è anche vero | ma io ce l'ho nella pelle ormai | non so pensare a me senza lei | meglio un ma, meglio un se di un suo mai | Va bene così | va bene com'è | finché dici sì prendo quello che c'è. (da Con un ma e con un se, n.° 7)
  • Avrei voglia di riscrivere il mio film | nella storia lei sì c'è | senza ma e senza se. (da Con un ma e con un se, n.° 7)
  • Perché a volte sai | basta uno sguardo | dice di più di un discorso che fai | ti toccherei ma non mi azzardo | Poi cosa succede non lo so | sposto la bottiglia solo un po' | cambiano colore gli occhi tuoi | e scoppiamo a ridere tra di noi | tu sei finalmente come sei. (da Basta uno sguardo, n.° 8)
  • Non è mai l'addio | che dà maggior dolore | è il dopo che ti può spezzare in due | i primi giorni | inventi cose da fare | e ti irrita qualsiasi novità. (da Se vuoi se puoi, n.° 9)
  • Se vuoi, se puoi | dimenticare noi | o sei forte o non te ne è fregato mai | se vuoi, se puoi | se ancora ce la fai | dove prendi le carezze che non hai | ma io l'avrei un'idea | finiamola che è una follia | se vuoi, se puoi | ricominciamo noi. (da Se vuoi se puoi, n.° 9)
  • Io dalla gente | mi aspetto molto sai | non chiedo niente | mi faccio i fatti miei | se poi la vita | mi dà un mal rovescio | io mi difendo | e dopo mi ricarico con te. (da C'è tutto un mondo, n.° 10)
  • Se vado a terra | poi mi rialzo sai | se mi offri una birra | non chiedo perché lo fai | puoi contestarmi | se non ti piacciono le mie idee | puoi non amarmi | ma smettere di parlarmi questo mai. (da C'è tutto un mondo, n.° 10)
  • Io non ti giudico | non sono io il tuo medico | tu da me non hai limiti | son qua se vuoi un riferimento | son qua nei giorni duri tuoi | sarò il ponte tuo col mondo | un battito che non ti lascia mai, mai| C'è tutto un mondo dentro me | che nessuno sa | è una scarica elettrica | e quando si amplifica | sto bene da sentirmi male. (da C'è tutto un mondo, n.° 10)
  • Ti voglio e poi ti rivoglio | ma resto goloso di te | ti voglio da quando mi sveglio | sei il pasto che voglio per me | fa presto perché non resisto | mi serve una dose di te | fa presto perché non esisto | è questo il rischio che c'è. (da Una dose di te, n.° 11)
  • Le vibrazioni di una donna, donna | è l'istinto che c'hai te | la sicurezza di chi è bella, che se parla | tiene tutti intorno a sé | io benedico chi ti ha sciolta, quella volta | che hai conosciuto me | perché sai adeguarti ai ritmi miei | per l'intesa che ora c'è tra noi | non hai complessi nel letto e non me ne crei | non me ne importa con chi l'hai imparato sai | so che così ci funziona alla grande. (da Le vibrazioni di una donna, n.° 12)
  • Ormai sei nei miei codici | navighi ad un passo da me | se vai oltre i miei limiti | ad istinto vengo da te | tutte le volte che ridi | quando mi sfidi | segui un progetto che non so | ma ormai sei nei miei sintomi | è l'informazione che ho. (da Nemmeno un secondo, n.° 13)
  • Anche se fossimo nati | su altri pianeti | io da te ci arriverei | costruirei dei nuovi satelliti | per comunicare tra noi | sai tu mi hai lasciato il segno | perché sei come sei | per questo non mi fermo | nemmeno un secondo. (da Nemmeno un secondo, n.° 13)

La vita è[modifica]

Etichetta: Don't Worry, 2000

  • Ho provato a non amarti | è impossibile per me | chiedi tempo per pensarci | ma perché | Ho provato a non cercarti | ma so sempre dove sei | e mi costa non chiamarti | e tu lo sai. (da Ci sei tu, n.° 1)
  • Ci sei tu e io m'illumino | mi agito quando non ci sei | ma tu non vedi niente | pensi ad altro ormai | Ci sei tu e io m'illumino | logico che ti rivorrei | se t'amo forse perdo | se non ti amo però non vinco mai. (da Ci sei tu, n.° 1)
  • Avevamo ballato e | le ho parlato un bel po' di me | che ho una storia complicata | lei mi ha detto pochissimo di sé | Io non so neanche dove sia | ma di lei so ogni geografia | la mano calda che mi tocca | e la sua bocca poggiata sulla mia | Non so chi è | né dove va | ma è questo il fascino che ha. (da Miami, n.° 2)
  • La vita è avere te | vederti assorta e scordarmi di me | guardarti sai mi calma già | quando alla fine qualche cosa non va | e capisco perché se ti vedo esisto | non c'è gusto senza di te | È chiaro adesso | ora riesco ad essere me stesso | nella vita tu sei il mio successo | io che con l'amore non ci avevo preso mai. (da La vita è, n.° 3)
  • La magia dell'alba su questa spiaggia | ed il cielo si fa di fuoco mio Dio te lo regalerei | senti un poco di freddo ma non passa il vento tra noi | Ed è un brevissimo istante | però è importante perché ci sei | Sai che c'è | ho tutto quando ho te | gli sguardi, l'allegria | la paura che vai via | un po' di gelosia che ti fa più mia. (da Il nostro giorno in più, n.° 4)
  • Mentre il sole viene su | questo è il nostro giorno in più | niente è garantito l'ho capito | se non ci sei tu | Ed il sole viene su | e questo è il mio momento in più | tutto sembra finto anche il tempo | ma sei vera tu | Chi lo sa se tutto ha una regia | se l'universo ha un progetto, un'armonia | se c'è scritto già che tu resti mia | solo mia. (da Il nostro giorno in più, n.° 4)
  • Sono pieno d'energia | ed il mondo è casa mia | voglio vivere perciò | ogni attimo che ho | va benissimo così | tutto il resto è solo lunedì. (da Pieno d'energia, n.° 5)
  • E tu sul treno che va lassù | mi abbracci e già sei sui miei | punti più deboli | E tu sul treno che va lassù | riapri una storia che | è chiusa ormai con te | poi ti rivesti | ...E forse è meglio così | ...ma si | Vorrei parlarti e mi accorgo che | un argomento non c'è | c'è il tuo profumo l'odore di fumo su me. (da Sul treno, n.° 6)
  • Abbiamo chiuso questa storia da un po' | e mi guardavo già intorno | quando t'ho vista con un altro però | s'è scatenato l'inferno | mi sono accorto che i sorrisi che fai | sono gli stessi che credevo miei | è stato proprio un colpo basso per me | provare cos'è la voglia di te | sento dentro sana gelosia | però più me la prendo e più ti sento mia | sentimento o strana malattia | ma vivo vivo vivo. (da Sana gelosia, n.° 7)
  • In questo tempo che ti frega se non hai un'idea | ma poi ti spezza in due se usi un po' di fantasia | in questi giorni che hanno sempre doppie verità | tu sai già che se cerchi risposte | mai nessuno le dà. (da Mi piace vivere, n.° 8)
  • In questo mondo in confusione che non gira più | che se non alzi un po' la voce non esisti tu | non è difficile trovar chi pensa come me | e comunque si mettan le cose | vado avanti perché | mi piace vivere vivere | fare e decidere | anche di testa mia. (da Mi piace vivere, n.° 8)
  • Mi piace vivere vivere | sono convinto che | se sbagli non ne fai | non sei vivo mai | Non voglio stare qui che sembro una fotografia | con i ricordi messi in fila a farmi compagnia | se perdo tempo ad aspettare non concludo e so | che qualcuno più svelto mi toglie | anche quello che ho. (da Mi piace vivere, n.° 8)
  • Meglio esserci sai | anche avere dei guai | ma giocarsi la pelle mai | Capisco che ti senti a terra | ma questa qua è la tua guerra | non cercare un pretesto, io resto | ma tu non ti fai. (da Meglio esserci, n.° 9)
  • Non mi dire che perdo tempo | ti dico soltanto che non puoi bleffare con me | se vuoi picchiarmi io mi difendo | non voglio star qui e vederti così | Meglio esserci sai | anche avere dei guai | ma giocarsi la pelle mai | se ogni uomo ha la sua guerra | per ogni uomo c'è una spalla. (da Meglio esserci, n.° 9)
  • Credo alla gente che è intorno a me | anche se c'è chi pensa solo a sé | credo che il mondo lo facciamo noi | che non vogliamo falsi eroi | perché dovrei sbagliare io | se c'è chi pensa a modo mio. (da Credo, n.° 10)
  • Credo che quando arriva un giorno no | qualcosa perdo e qualcos'altro avrò | che oltre una strada che non faccio mai | forse c'è quello che vorrei | sarà sbagliato non lo so | mi va di crederci però. (da Credo, n.° 10)
  • Quindi non aspetto quello che accadrà | la realtà non è mai nel giorno che verrà | prendo io le cose che mi servono | nessuno c'è che lo farà per me | Sarà ma son convinto che | c'è chi la pensa come me | Se a tutto questo ci credo credo | è per dare un senso ad ogni mio momento. (da Credo, n.° 10)
  • Io non so che farei per saperti più sicura | io per te metterei mille lune nella sera | per guidare meglio i passi tuoi | tra i rischi che non vedi e che non sai | Vorrei un missile speciale | per poterlo caricare | e lanciar nell'universo | tutto quello che detesto | Basta leggere un giornale | ogni giorno è sempre uguale | se il più debole non ce la fa | c'è chi gli passa sopra e se ne va. (da Missile speciale, n.° 11)
  • Io vorrei che per te non venisse mai quel giorno | quando tu chiami e non c'è mai nessuno intono | quando cresce il vuoto intorno a te | e nemmeno tu lo sai perché | Vorrei un missile speciale | per poterlo caricare | e lanciar nell'universo | tutto quello che detesto | Chi c'ha invidia se hai successo | e non sta in pace con se stesso | e non pensa di tirarsi su | ma sta bene solo quando crolli tu. (da Missile speciale, n.° 11)
  • E vuoi un'ultima occasione | ti senti vuoto ed inutile | hai nella testa un discorso ma sai | che poi alla fine le dirai | Tu mi dai quel che io non ho | cambierò per non perderti | senza te è impossibile | lasciami stare con te. (da Tu mi dai, n.° 12)
  • Con la terra sotto di me | e l'Africa è una macchia | come una lingua in una bocca | che non la fanno neanche parlare | c'è una mano tesa che chiede se può lavorare | Con la terra sotto di me | un tipo in un maglione | al bar della stazione | si sta mangiando le unghie perché | aspetta l'uomo senza faccia | lo aspettano le sue braccia | spingerà quell'ago a fondo nel cuore | per vedere se morire è come viaggiare | o se fa più male. (da Con la terra sotto di me, n.° 13)
  • Con la terra sotto di me | i lampi degli spari | che ammazzano i pensieri | di chi va in guerra senza un perché | ma è spedito là da certi vecchi | per difenderne gli interessi | però quando un ragazzo muore e va giù | ne parlano un secondo in tv | e poi niente di più | E qui la radio trasmette un programma di musica | e io non trovo risposte nessuno ce le ha | e fare finta di niente risposte non dà. (da Con la terra sotto di me, n.° 13)

Le cose da difendere[modifica]

Etichetta: Don't Worry, 2002, prodotto da Rolando D'Angeli

  • Sono tutte qui | tra i miei brividi | tutte insieme a te | le cose da difendere | Sono tutte qui | e la prima rimani tu | altre non ce n'è | sotto il segno del mio vivere. (da Le cose da difendere, n.° 1)
  • Sei solo tu | nei giorni miei | sempre più dentro me | Sei solo tu | e dimmi che | tutto il resto non conta | ora non conta | tutto il resto sei solo tu. (da Sei solo tu, n.° 2)
  • Prima o poi dovrò imparare a non amare più così | e ridare terra e mare ai miei nervi fragili... | prima o poi | Asciugherò le mie ferite con il fuoco di un falò | e mi sentirò felice della vita che farò... | prima o poi | Non qui, non purtroppo con te. (da Parliamo al singolare, n.° 3)
  • Non vedi che ormai | c'è un brivido che | si muove all'unisono esatto con te | non vedi che tu | sei dentro di me in modo stabile | perché prima di te | nessuna mai | ancora mi ha fatto l'effetto che fai | è un richiamo più forte di me | il più forte che c'è | Ma non lo senti che ormai | dipendo da te | dalla tua bocca che chiede di me | perché tu non sei ne sarai abitudine mai. (da Quando non ci sei, n.° 4)
  • Cento candele per l'atmosfera | mille riflessi negli occhi tuoi | sopra ogni muscolo della schiena e su di noi | Il vento caldo di questa sera | porta il profumo dolce di un'orchidea | Il movimento che già ci lega | è una marea | ci fa salire in alto | così più in alto che tu puoi | mentre muovi i tuoi fianchi sui miei. (da Fatti amare, n.° 5)
  • Io sento che ci sei | che mi dai | la vibrazione | che è giusta ormai | sento che tu vai | oltre il limite che c'è | incatenata a me | Così ti guardo e ti confesso adesso | che siamo noi | la vera prova che | un paradiso c'è. (da Fatti amare, n.° 5)
  • Senza respiro cerco te | senza respiro e sento che | non c'è un colpevole lo sai | né un innocente solo | e ancora per un attimo | tra noi lo stesso battito | quell'impressione che di nuovo sia | ancora una volta | Quando eravamo cielo e terra | e tu di me la mia metà | in ogni dubbio e in ogni verità, in ogni sguardo | quando avevamo la stessa pelle | la stessa luce nel corpo e nell'anima. (da Cielo e terra, n.° 6)
  • Vorrei non vederti mai soffrire | e voglio poter dire che la vita è bella | ma non è abbastanza lunga per chi | ama come me | Amo e non ne posso fare a meno | quindi tu sei tutto quello che io chiedo | e del mondo fuori non mi importa | e non esiste più | Spero solo di non farmi male | a forza di sognare, a forza di sognare | ma spero tanto in ogni tuo sorriso | in ogni tuo respiro insomma | tutto di te. (da Tutto di te, n.° 7)
  • Io non ho più voglia di parlare | le parole a volte fanno solo del rumore | preferisco fare ore ed ore insieme a te | a te con le tue mani | a te che ti abbandoni | dentro a questo abbraccio pieno di emozione | a tutto quello che già è | e che sarà | a tutto di te | tutto di te | tutto di te | insomma tutto di te... solo di te. (da Tutto di te, n.° 7)
  • Ti ho vista ieri sera | che camminavi in fretta | avrei voluto darti una carezza e poi | in questa primavera | che il sole ancora aspetta | non son riuscito a dirti | nemmeno come stai | Ma quante volte ormai la voglia di | chiamarti sai | e risentire la tua voce | per poi convincermi che è inutile così | annegare nuovamente | tra i miei brividi. (da Labirinto, n.° 8)
  • In ogni labirinto | un'uscita sola c'è | ma ora, ancora e come sempre | nessuno sa dov'è | Hei, tu dimmi se | un modo c'è | per ritornare io e te | oppure se | è meglio che | lasciamo perdere. (da Labirinto, n.° 8)
  • È vero che | non ho radici | non è una mia necessità | e seguo solo quel respiro | che mi trasporta un po' più in la | Così rifiuto il conformismo | e faccio quello che mi va | qualcuno dice che è egoismo | e qualcun altro libertà | È la mia natura | quello che io sono e che sarò | è la mia natura | e per nessuno mai la cambierò. (da La mia natura, n.° 9)
  • Di conseguenza sarò | tutto l'amore che ho | senza pensarci su | tu fanne solo quello che ne hai voglia di più | perché ci credo e ti do | tutto l'amore che ho | che non trovavo più | tu fanne quello che ne hai voglia | fanne pietra oppure foglia tu. (da Di conseguenza, n.° 10)
  • Non so dirti quanto io ti voglio | non so scriverlo sopra un foglio | confessarti questo mio bisogno | per orgoglio per orgoglio | non so dire quanto tu mi manchi | non so dire che tu non mi stanchi | confessarti quanto io ti voglio | per orgoglio per orgoglio. (da Di conseguenza, n.° 10)

The best of Nek – L'anno zero[modifica]

Etichetta: Warner, 2003

  • Se non ti vuoi fidare, almeno ascoltami | di rimanermi ostile, non serve a te ne a me | non voglio interrogarti, rinfacciarti quel che fai | io piuttosto sto cercando, chi eravamo noi | almeno stavolta, almeno ascolta. (da Almeno stavolta, n.° 1)
  • Almeno stavolta | col coraggio di guardarci in faccia | ridammi l'effetto di un battito nel petto | sono qui, questa notte, dietro un sì, che non parte... | Almeno stavolta, con la voglia di guardarci in faccia | sperando che un'ora, ti dia voglia di ridarti ancora | e cosi non so come, griderai il mio nome. (da Almeno stavolta, n.° 1)
  • Stanco di me | stanco di tutto | stanco di questi giorni | che si piegano su me | stanco di chi mi scalda il letto | di causa effetto | di slealtà e di banalità. | Mi stendo di sonnifero tra un po' | almeno dormirò. (da L'anno zero, n.° 2)
  • Io ti vorrò | anche se sbagli | e se la tua diversità | a te mi legherà | una fottuta guerra non verrà | soltanto qualche schiaffo alla realtà | se l'anno zero andrà... | E l'anno zero andrà... | Ed una nuova luce squarcerà | un cielo che nessuno ha visto mai, mai, mai | E l'anno zero andrà... | E l'anno zero andrà... | E l'anno zero andrà... | ...ma l'anno zero va!. (da L'anno zero, n.° 2)

Una parte di me[modifica]

Etichetta: Warner, 2005, prodotto da Nek, Alfredo Cerruti e Dado Parisini

  • Dammi la mano andiamo via | dai tuoi perché | Sali sul treno e siediti | qui un posto c'è | Sul finestrino danno il film di un altro anno che va | Prenderemo quello che verrà | lo faremo soli | ora tutto parlerà di noi | Sui binari di questa realtà | ce ne andiamo, vieni | tu non raccontarlo mai. (da Contromano, n.° 1)
  • Io non ti chiedo niente | il tuo saluto indifferente mi basta | ma tu non puoi più farmi | male da starci male | non vali più di questa luna spenta | ricorda che dicevi a me | Lascia che io sia | il tuo brivido più grande | non andare via | accorciamo le distanze | nelle lunghe attese tra di noi | io non ho confuso mai | braccia sconosciute con le tue. (da Lascia che io sia..., n.° 2)
  • Quando il buio scende io mi siedo qui | libero la mente che va via e così | guardo l'universo sento il suo fruscio | sembra un manifesto dove sono anch'io | Si distende su me una calma che va | Oltre le cose oltre le attese | oltre me oltre noi | le mie difese | Oltre le cose le mani chiuse | su di me quando c'è | l'inquietudine. (da L'inquietudine, n.° 3)
  • L'alba mi dipinge dice ancora si | e le mie speranze le ritrovo qui | Oltre le cose le lunghe attese | oltre me oltre noi | oltre l'immenso | e quando ti penso in te mi anniento | sento che spazzi via | l'inquietudine. (da L'inquietudine, n.° 3)
  • Se tu non scegli mai ma permetti che qualcun altro ti scelga | quanto vali non sai | Se poi ti fermi li | non pretendere una vita che valga | prendi quello che puoi | Se lealtà fedeltà sono belle parole | usale tu | parla molto però chi non sa cosa dire. (da Notte bastarda, n.° 4)
  • Se poi ti chiudi in te chi ti spiegherà il colore dell'alba | e il profumo che ha | Verità dignità sono solo parole | usale tu | sono quelle alle volte che fanno più male | E se ti chiederai che sapore ha una notte bastarda | la inventiamo se vuoi | così ti accorgerai che la notte è come un sole che scalda | che entra dentro di noi. (da Notte bastarda, n.° 4)
  • I miei giorni spesi con te | non c'è stata un'ora inutile | sono tutti vivi dentro me | stanotte | E tu sei più bella che mai | come un'onda sull'oceano | se potessi chiederei mille secoli di te | di noi | Abbracciami e stringimi | ai giorni tuoi | In questo tempo assurdo che c'è | la sola cosa vera mia sei te. (da Abbracciami, n.° 5)
  • Grazie per questo rumore di passi intorno a me | per queste nuove certezze per quel che fai per come sei | Darei di più di tutto quel che ho | per abbracciarti ancora un altro po' | ti vorrei stringere il respiro su di me su di me | Darei di più di tutto quel che ho | per tutto il bello che nemmeno so | di te. (da Darei di più di tutto quel che ho, n.° 6)
  • Grazie per le cose piccole | che mi circondano finché sei qui | Mi bastano indizi fragili | che mi ricordano che tu ci sei | Grazie se quando ti voglio e non parlo tu lo sai già | Grazie per quel tuo profumo che avvolge e che di buono sa | Darei di più di tutto quel che ho | per abbracciarti ancora un altro po' | perché stringendoti sul petto sono te e tu sei me | Fa che il silenzio non ci trovi mai | che io ti senta quando non ci sei | che alzando gli occhi ogni momento trovi te. (da Darei di più di tutto quel che ho, n.° 6)
  • Di quello che sei di quello che fai | se non parlo mai è perché ti rispetto | invece tu no | tu critichi sempre quel che faccio | sia che parlo o taccio | Quello che voglio da te | è il caldo e la sete e un letto disfatto dai si | va bene così. (da Va bene così, n.° 7)
  • C'è una parte di me che ti segue anche se | non ci sei non mi vuoi | c'è una parte di me che fa parte di te | ci convivo da un po' oramai | Da quando ci evitiamo chi siamo | non lo so | Sto in mezzo a un uragano riparo | non ho più. (da Una parte di me, n.° 8)
  • Nel silenzio che c'è quella parte di me | se ne va dietro te | io rimango così con quell'altra metà | e il rumore che fa non lo sai | Mi mancano i ritardi gli sguardi | spenti ormai | Dimmi quante volte se per troppe volte | ho preteso da te più di quello che do | le occasioni perse le diverse scelte | e la certezza che tu mi capissi di più | ... adesso che ti perdo mi accorgo cosa sei. (da Una parte di me, n.° 8)
  • Intorno a te la strada va si fa di lato la città | le case basse che diradano e l'aria cambia ormai | fuggire adesso è la tua idea in mezzo a un cielo che va via | però il dolore quando acceleri corre più di te | ad ogni curva ad ogni età è sempre lì che aspetta già | sceglie le persone fragili le più forti mai. (da Non vale un addio, n.° 9)
  • Il tuo dolore resta lì ti fruga l'anima e così | decidi di fermarti un attimo per ragionarci un po' | lui mette in fila i giorni bui le tue sconfitte i fallimenti tuoi | ma ti ribelli e per difenderti hai solo te. (da Non vale un addio, n.° 9)
  • E così nei pensieri tuoi | il resto non conta ormai | la notte se vuoi è un sogno o un'idea | non è altro che una breve galleria | tra il passato e tutto quello che farai | sai che l'alba torna sempre al posto suo | e la vita è ritrovarsi amico mio. (da Non vale un addio, n.° 9)
  • Io che salgo a piedi lungo questo pendio | che non ricordo l'indirizzo di Dio | ed ho riempito di parole il silenzio | per cogliere il senso di un abbandono | Io che ho preso treni per sentirne il rullio | per ragionare su un futuro che spio | anche se il viaggio mi ha prestato altre mani | sei tu che rimani. (da Io sono qui, n.° 10)
  • Io tra i mulinelli di un inutile addio | come una Chiesa sconsacrata che ormai | non ha risposte ma bestemmie tra i denti | e notti perdenti ti voglio quindi | Io scendo dal treno che fa un viaggio non mio | e il cigolare dei rumori è un fruscio | quella stazione puoi chiamarla perdono | per quel che può un uomo | Stringo piano le tue mani come fossero gabbiani | capaci di andare via da un'idea senza più prigioni | Se ti curvi sul mio corpo tesa nel respiro grosso | se credi negli attimi tu sei già dentro il mio percorso. (da Io sono qui, n.° 10)
  • Corre il giorno come un telegramma | vedi | le ore perse sono una condanna | credi | e ogni tua protesta fermerò | con la mia bocca | Il passato non è niente solo un furto al mio presente | e quindi rilassati stringimi libera la mente | Io sono qui con te | Io sono qui per te | E resto qui se vuoi | Perché tu qui ci sei. (da Io sono qui, n.° 10)

Nella stanza 26[modifica]

Etichetta: Warner, 2006, prodotto da Nek, Alfredo Cerruti, Dado Parisini e Massimo Varini

  • E come un'illusione dopo fiumi di rancore | tu sei dentro quella vita che vorrei | Splendida visione in un deserto di dolore | ho già i brividi se penso che ci sei | Parlarti ancora mentre il mondo affiora | dirti che non sei sola e lo sai | La tua pelle ora, tutto il resto vola.... (da Notte di febbraio, n.° 1)
  • Vai, oggi voglio restare solo ore | sei così, prima mi fai del male poi del bene | E sarà il motivo per cui val la pena di amare | e sarà il motivo per cui val la pena soffrire | serve a vivere. (da Cri, n.° 2)
  • C'è sempre un motivo per cui val la pena di amare | e di conseguenza varrà anche la pena soffrire | ci fa vivere | Cri lo sai, mi lasci qualcosa di più | sai capire | Cri lo sai, è scritto che mi resterai | dentro al cuore | ma tu, sei così | e tu, fai così | anche a chi t'ama, Cri. (da Cri, n.° 2)
  • Sai in questa vita tutto sembra breve | anche i nostri momenti spesi insieme | Dai camminiamo un po' è tardi si lo so | ma non lo facciamo mai | Sei la voce che nessuno sa ascoltare | la luce del lampione in questo viale | soffusa eppure c'è... ma resta qui con me | sediamoci se vuoi. (da Instabile, n.° 3)
  • E dimmi come stai e nei tuoi giorni cosa fai | parlare è facile sotto questa finta luna | Ed io ti ascolterò e se cadrai ti prenderò | sei meno fragile dentro questa notte scura | Mostrati e vedrai che nel tuo cielo volerai | apri le ali e poi con un salto vola | E dimmi come stai e nei tuoi giorni cosa fai | parlare è facile sotto questa finta luna | Ed io ti guarderò e se vorrai ti seguirò | se sarai instabile | tu non aver paura | tu non aver paura. (da Instabile, n.° 3)
  • Eravamo noi nel blu di un bagno in mare | c'era un sogno e poi, poi tu senza parlare | e adesso non respiro che il fumo di questo caffè | ci provo ma non sei più tu e vedo tutto andare giù | E vedi non c'è più tempo per cambiare te | io lo so tu riderai se un giorno mi incontrerai. (da Fumo, n.° 4)
  • Spesso capita se insegui quel che vuoi | che non apprezzi quel che hai | per esempio io vivo la mia libertà | ma qualcuno muore per difenderla | Il tuo viso che si appoggia sopra il mio | è normale che ci sia nei giorni miei | ma se non ci fosse io quali giorni avrei. (da Attimi, n.° 5)
  • Spesso capita cercando non so che | che si perda quello che già c'è | e ora voglio solamente quel che ho | me ne accorgo quando ti allontani un po' | io me ne accorgo quando t'allontani un po'. (da Attimi, n.° 5)
  • E fino a che ci sei i miei occhi su di te | che ti cercano nel lasciarti andare piano | sono attimi da fermare quando vuoi | per rubare al tempo attimi di noi. (da Attimi, n.° 5)
  • Quell'insegna al neon | dice si poi no | è l'incerto stato d'animo che hai | non ce la fai | Ma dagli uomini | che ti abbracciano | e ti rubano dagli occhi l'allegria | non puoi andar via | non puoi andar via | Se le lacrime | ti aiutassero | butteresti via il dolore che ora c'è | è dentro di te | Nella stanza 26. (da Nella stanza 26, n.° 6)
  • L'uomo che non vuoi | l'uomo che non sai | sta bussando alla tua porta già da un po' | ma non gli aprirai | Come rondini | imprendibili | vanno liberi da un corpo stanco ormai | i pensieri che hai | Nella stanza 26 | tra quei fiori che non guardi mai | se ti affacci vedi il mare | ricominci a respirare | poi ti perdi nella sua armonia | e hai il coraggio di andar via | via da un mondo sporco che non vuoi | via da un bacio che non ha tenerezze | che non sa di carezze. (da Nella stanza 26, n.° 6)
  • E cammini lungo il mare | nel suo lento respirare | tu sei parte di quel tutto ormai | Nella stanza 26 | metti un fiore tra i capelli tuoi | mentre l'alba nuova ti viene incontro | nel profumo del vento. (da Nella stanza 26, n.° 6)
  • Sei un ramo dentro la corrente ormai | mi sbatti addosso e dopo te ne vai | da chi | Sei la dissonanza quando non ci sei | la stanza vuota che distruggerei | sei te | Se con me sei come sei | senza te io che faccia avrei | Se comincia così | se parti e sei qui | togliendo via i se | io m'innamoro di te. (da Sei, n.° 7)
  • Quando ti penso mi manca il tuo sorriso | ed il buon senso va in cenere | Poi ti disegno faccio a memoria il viso | ma non somiglia a te | Io voglio stare con te nel tempo che avrò | di tante gocce farò un oceano. (da Ancora un giorno di te, n.° 8)
  • Tu pensaci se vuoi | ma se amarti è solo una mia idea | la difenderò | Ancora un giorno di te | per dirti che mi salderò la tua pelle sull'anima | e questo vuoto che c'è lo riempirò | la sola cosa in cui credo non la perderò. (da Ancora un giorno di te, n.° 8)
  • Coi segni della vita addosso cambiamo realtà | ci nascondiamo in quel che adesso chiamiamo maturità | Eppure si vorrebbe riavvolgere la vita | e certe volte sento che la magia è finita | quando ascolto una canzone di qualche anno fa | o passano in televisione vecchie pubblicità | se ripenso a come sapevo anche aspettare | e adesso non c'è il tempo nemmeno di parlare | Poi a volte fermo il mondo, sì, e in quelle sere affondo. (da Serenità, n.° 9)
  • Ma una bella giornata s'è accesa da sé | un amico per strada: "ti ricordi di me?" | Parliamo e sullo sfondo colori che non vedo mai | e adesso guardo intorno ti cerco e so che arriverai | Dove vai, serenità? Fermati qua, non andartene dai | Chiudi le ali e chissà, se riuscirò a non perderti mai | C'eri tu serenità | Chiudi le ali e chissà, mi rivedrai | tu non mi perderai | non mi perderai. (da Serenità, n.° 9)
  • Sulle strade del mio vivere | non è stato sempre facile | ma dal dolore s'impara un po' di più | Quando il tempo non è docile | quando tutto sembra immobile | io non mi fermo | io non mi butto giù | Domani è un altro giorno | e il mondo | avrà un respiro che si avvolgerà su me. (da Contro le mie ombre, n.° 10)
  • Il mio contrario mi aiuta a crescere | a capire che si può perdere | ma l'importante è non darsi vinti mai | no, no.... (da Contro le mie ombre, n.° 10)
  • E così se cado mi rialzo sempre | e rimango qui | contro le mie ombre | Poi mi chiedo, e credo | che il cambiamento sia la fonte della mia energia | che il cambiamento sia la fonte della mia energia | che il cambiamento dia un senso a questa vita mia. (da Contro le mie ombre', n.° 10)

Un'altra direzione[modifica]

Etichetta: Warner, 2009, prodotto da Nek, Alfredo Cerruti, Dado Parisini

  • Nella vita faccio come dico io | ho cercato la mia sfida in un addio | consapevole ho lasciato la mia strada | conta solo che alla fine sono io. (da La musica che c'è)
  • Ostinatamente un giorno ho scelto te | anche quando all'apparenza eri contro di me | ho sognato che vivere di te fosse un modo per non escludermi | per parlare con la gente e raccontare di me, di me. (da La musica che c'è)
  • Ci sono momenti che mi aiuti a vivere e dai un senso al silenzio che è in me. (da La musica che c'è)
  • È un chiaro messaggio questo scambio silenzioso di energia | Non serve un linguaggio quando è il tocco a dare la poesia. (da Le mie mani)
  • C'è domani nelle mani | se ti danno un sogno in più | non ti chiedo se mi ami | con le mani me lo stai dicendo tu. (da Le mie mani)
  • Tu senza più confini | stella persa tra i miei cieli. (da La voglia che non vorrei)
  • Sei l'unica voglia che non vorrei | ti ho vista piangere su di me | ma sono il tuo passato ormai. (da La voglia che non vorrei)
  • Ho voglia di ricominciare, lasciare tuttu e andare cambiare giro e poi trovare un'altra direzione | ho voglia di emozioni nuove, la giusta dimensione per ritrovare un po' di ossigeno. (da Un'altra direzione)
  • ...e sono qui in bilico tra fermarmi o respirare | La vita, sì, è un attimo: tu prendilo se puoi... (da Un'altra direzione)

Citazioni su Nek[modifica]

  • Il giorno che – in quel di Sassuolo – nacque Nek, il Padreterno doveva essere in una buona predisposizione d'animo. Non si limitò a dotarlo di un aspetto fisico invidiabile, ma gli regalò un carattere luminoso che trasmette, al solo guardarlo, una tonnellata di energia positiva. (Antonello de Sanctis)
  • Nek è, senza ombra di dubbio, l'artista più completo, eclettico e straordinario con il quale io abbia mai lavorato perché unisce alla voce calda ed estesa una musicalità innata e una pregevole intensità interpretativa. (Antonello de Sanctis)
  • Fili è una persona schietta, con i piedi piantati negli umori della sua terra, è corretto, leale, simpatico... l'amico che vorrei frequentare se non ci separassero i troppi chilometri di distanza e gli impegni diversi. (Antonello de Sanctis)

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]