Nip/Tuck

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Nip/Tuck

Serie TV

Questa voce non contiene l'immagine della fiction televisiva. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Nip/Tuck

Paese USA
Anno 2003-2011
Genere drammatico
Stagioni 6
Episodi 100
Ideatore Ryan Murphy
Interpreti e personaggi

Nip/Tuck, serie televisiva drammatica nata nel 2003.

  • Mi dica cosa non le piace di sé stesso. (Sean McNamara, in tutti gli episodi)
Tell me what you don't like about your self?

Stagione 1[modifica]

Episodio 2, Mandi/Randi[modifica]

  • Alle ragazze non importa se hai l'uccello di 5 cm, il culo peloso o le palle come mirtilli. Quello che vogliono è che tu sappia come si fa. (Christian Troy)
  • Mi spiace che tu mi abbia sorpreso mentre giocavo all'uomo sandwich, ma non prendiamoci in giro, io sono fatto così. E lo sarò sempre. (Christian Troy)

Episodio 3, Nanette Babcock[modifica]

  • La notte è il momento peggiore. È di notte che mi manca di più. (Sig.ra Grubman)

Episodio 4, Sophia Lopez[modifica]

  • È sorprendente quanto può portare lontano una bugia. (Sophia Lopez)
  • Un vero padre desidera che suo figlio diventi meglio di lui, e non la sua copia carbone. (Julia)
  • Bravo ragazzo, hai fregato la tua prima malattia venerea! (Christian Troy)

Episodio 5, Kurt Dempsey[modifica]

  • Vuoi davvero la saggezza di cogliere la differenza tra ciò che puoi e non puoi cambiare? [...] Tutto quanto scompare: amore, alberi, rocce, acciaio, plastica, uomini, donne, bambini; nessuno di noi ne esce vivo, puoi chiuderti in un gruppo e piangerti addosso giorno per giorno, oppure puoi essere riconoscente che il tuo corpo ogni volta che si strofina su un altro esploda, dandoti un piacere che ti fa dimenticare per un minuto che sei un mucchietto di ceneri ambulante. (Christian Troy)

Stagione 2[modifica]

Episodio 2, Mrs Grubman[modifica]

  • Sembra che la nostra Dea sia ruzzolata giù dall'Olimpo; che le è successo? (Liz Cruz)

Episodio 6, Bobbi Broderick[modifica]

  • Lei non è stata assunta perché nessuno acquisterebbe un jeans attillato da una casalinga frustata affetta dalla Sindrome Del Nido Vuoto! (Sean McNamara)
  • È difficile credere a ciò che vediamo, quando non vogliamo vederlo. (Ava Moore)

Episodio 7, Naomi Gaines[modifica]

  • Il problema è che non ti ho mai negato niente. – Sul serio mamma? Quando ho chiesto a te e Matt di non strillare mentre scop***ate l'altra notte, non mi hai accontentato; questo è negare. (Ava Moore e Adrian Moore)

Episodio 12, Julia McNamara[modifica]

  • Qualche volta purtroppo occorre finire pancia a terra per capire chi realmente siamo e che cosa realmente vogliamo; e non ci è dato rialzarci finché non tocchiamo il fondo. (Ava Moore)

Episodio 14, Trudy Nye[modifica]

  • Io puzzo di fi*a randagia, non sopporto le serate in casa e sogno di sco*armi ogni donna che vedo. (Christian Troy)

Episodio 15, Sean McNamara[modifica]

  • Dev'essere orribile sentirsi così deboli, senza controllo, eppure è così che trascorrono la vita moltissime persone schiave della tirannia della bellezza: contano le calorie, vanno in palestra, fanno peeling chimici al viso; io sto cercando di salvarle da tutto questo e tu stai distruggendo il mio lavoro. Mi chiamano "Il macellaio", ma io sono un'artista, sei tu il macellaio: 50 nasi tutti uguali, un migliaio di seni perfetti; sei tu il mostro, colui che toglie alla vita ciò che ha ancora di bello e reale. [...] La bellezza è una sventura per il mondo, ti impedisce di vedere chi sono i veri mostri. (Il macellaio)
  • Ho buttato la mia vita Christian. Sai che significa essere malata in un letto di ospedale e non avere mai nessuno che venga a trovarti? Non è che abbia tagliato dei ponti, è che... non li ho mai costruiti. Non voglio morire da sola. (Gina Russo)

Stagione 3[modifica]

Episodio 1, Momma Boone[modifica]

  • Spesso, negare i problemi è il solo modo per gestirli. (Sean McNamara)

Episodio 2, Kiki[modifica]

  • La bellezza attrae per preservare la specie. In termini evolutivi, signor Troy, tutti i maschi sono bastardi. (Dr.ssa Forside)
  • Un leopardo non perde mai le sue macchie. (Paziente)
  • Siamo tutte madri terribili; inizi l'avventura della maternità pensando che tuo figlio sarà una versione migliore di te stesso, e invece quel piccolo bastardo rivendica la proprietà di un cervello, ha un destino, sogni nel cassetto, speranze e desideri che non hanno nulla a che fare con il tuo DNA. (Grandma McNamara)

Episodio 3, Derek Alex e Gary[modifica]

  • Non chiedermi di cosa ho bisogno se sai che poi tanto non mi aiuti. (Matt McNamara)
  • Mi piacerebbe avere la forza di fare conquiste tra le universitarie ma, ho già il mio da fare a casa. – Ah, fidanzata? – No, con lei ce la faccio. È la fidanzata della mia fidanzata che mi esaurisce. (Christian Troy)
  • Cosa t'è successo?? – Oh be', vediamo: soltanto negli ultimi 2 mesi ho scoperto che il miglior amico di mio padre è il mio vero padre, il mio precedente padre ha rotto il c*lo a mia madre e l'ha cacciata di casa, i miei genitori hanno rovinato la mia relazione con l'unica donna che avessi mai amato, e poi si sono lasciati scappare che non solo lei era un uomo, ma uno di loro se l'è pure scop*ta. È abbastanza? Sennò continuo. (Matt McNamara)

Episodio 4, Rhea Reynolds[modifica]

  • Le ferite esterne si possono affrontare, possono essere curate e guarite; mentre la sofferenza emotiva è senza forma, inafferrabile. (Liz)

Episodio 5, Granville Trapp[modifica]

  • Impari di più su una persone nei primi 5 minuti che nei successivi 20 anni di relazione. Le prime impressioni sono sempre giuste, poi il tempo e il sentimentalismo ti impediscono di giudicare. (Quentin)

Episodio 7, Ben White[modifica]

  • Il cesso dell'ufficio è intasato; o una di voi ha cagato un bue o qualche barbone ha pensato bene... oh, chiedo scusa. (Gina Russo)
  • A volte devi rinunciare a quello che eri per scoprire chi sei. (Sean McNamara)
  • Mai e poi mai avrei potuto immaginare che perdendo il mio matrimonio avrei trovato me stessa. (Julia McNamara)

Episodio 9, Hannah Tedesco[modifica]

  • Devi ritirare le Real Doll; hai mai pensato quanti maschi ti scop*no la notte? – Ogni vendita mi frutta 8000 dollari! E non è solo una questione di soldi; è in gioco la mia carriera qui! – Come ti sentiresti se facessi un calco del mio uccello, lo distribuissi al South Beach e definissi la cosa "una carriera"? – Se tu lo considerassi un buon affare ti appoggerei di sicuro. – E non ti turberebbe la consapevolezza che altre donne si ecciterebbero col mio pene? – A me non darebbe fastidio, se le altre donne ti considerassero un oggetto! (Christian e Kimber)

Stagione 4[modifica]

Episodio 1, Cindy Plumb[modifica]

  • Certo, il cervello ti fa cogliere l'opportunità, ma sono i cogli*ni che ti rendono davvero coraggioso. (Paziente)

Episodio 2, Blu Mondae[modifica]

  • Si fa ciò che si può quando si può, quando si è ancora in tempo per fare la differenza. (Sean McNamara)

Episodio 5, Dawn Budge[modifica]

  • Non ti fa mai sentire sola non avere nessuno a cui poter augurare la buonanotte? (Matt McNamara)
  • Bellezza è sofferenza, non lo sa? (Christian Troy)
  • Se si potesse ringiovanire anche il cuore.. (Paziente)

Episodio 7, Burt Landau[modifica]

  • Ho fatto una lista delle persone a cui donerei un rene. È molto corta. (Sean McNamara)

Episodio 9, Liz Cruz[modifica]

  • È assurdo che combattiamo per un premio che nessuno dei due si aggiudicherà. (James)
  • Il matrimonio è un contratto. (Burt Landau)

Episodio 10, Merrill Bobolit[modifica]

  • È un miracolo che io sia venuto fuori così bene! – Sul serio lo pensi?? Passare da una storia con un transessuale allo sposare una pornostar tramontata per me non significa venire su tanto bene! (Matt e Sean)
  • Un vero uomo si assume la responsabilità delle proprie azioni. (Escobar Gallardo)
  • È quando vivi nella menzogna che succedono i casini. (Escobar Gallardo)
  • Mio figlio, di appena 18 anni, sta per avere un bambino da una donna che è andata a letto con entrambi i suoi padri, non c'è proprio niente di complicato in me, Kimber, posso assicurartelo. (Julia McNamara)

Episodio 13, Reefer[modifica]

  • Mi dica cosa non le piace di se stessa. – Sono una putt*na frigida. (Sean McNamara e Paziente)
  • Ehi, bastardo. Cosa credi, che il buon Dio ti ami di più soltanto perché hai più soldi? – No, e tu credi che ti ami di più perché non ne hai? (Reefer e Sean McNamara)
  • Chi ti ha detto che soffro? – Amico, sono ubriaco non cieco. (Sean McNamara e Reefer)

Episodio 14, Willy Ward[modifica]

  • Perché non mi telefoni Liz? Dobbiamo parlare. – Abbiamo già parlato, Poppi; e dopo, abbiamo pianto, poi fatto l'amore, poi parlato e pianto ancora un po', e niente di tutto questo mi ha fatto sentire meglio riguardo alla nostra storia. (Poppi e Liz)

Episodio 15, Gala Gallardo[modifica]

  • Chi è abituato a mentire lo farà sempre. (Sean McNamara)
  • Ehi tesoro, non si sente scorreggiare una formica qui, ravviviamo un po' l'ambiente? (Christian Troy)

Stagione 5[modifica]

Episodio 7, Dr Joshua Lee[modifica]

  • Sai che cos'è la follia? Continuare a fare sempre la stessa cosa più e più volte, aspettandosi un risultato diverso. (Christian Troy)

Episodio 11, Kyle Ainge[modifica]

  • Del passato non rimane niente e chissà cosa riserva il futuro è solo il presente che conta, bisogna mordere la vita e divertirsi finché si è in grado di farlo, non c'è nessuno che tiene i punti. (Paziente)

Episodio 12, Lulu Grandiron[modifica]

  • Qualcuno può battere il mio asso di bastoni? (Christian Troy)

Episodio 13, August Walden[modifica]

  • Forse pensavi di non ferirti scegliendo qualcuno troppo disperato per rifiutarti. (Paziente)

Episodio 20, Budi Sabri[modifica]

  • Non devi sposarti per essere certo di non essere solo. (Sean McNamara)

Episodio 22, Giselle Blaylock e Legend Chandler[modifica]

  • Tu vivrai per sempre... attraverso di me. (Sean McNamara)

Stagione 6[modifica]

Episodio 5, Abigail Sullivan[modifica]

  • Perché vediamo quello che vogliamo credere, e non crediamo a quello che vediamo? (Sean McNamara)

Episodio 6, Alexis Stone[modifica]

  • Sai, l'unica maniera per riuscire a passare oltre qualcuno, è dare una ripassata a qualcun altro. (Alexis Stone)
  • Non è certo un pene a fare di te un uomo. (Alexis Stone)

Episodio 7, Alexis Stone II[modifica]

  • Costi quel che costi? – Costi quel che costi. (Sean McNamara e Julia McNamara)

Episodio 8, Lola Wlodkowski[modifica]

  • Se Barbie e Ken avessero potuto fare sesso, voi credete che il loro matrimonio avrebbe retto 50 anni? (Signora Pierce)
  • È dura avere segreti quando sei nudo. (Lola Wlodkowski)
  • Adoro le puttane! Le paghi e loro sono chi tu vuoi che siano! (Christian Troy)

Episodio 17, Christian Troy[modifica]

  • Odio i cambiamenti, mi terrorizzano; non mi piace che le cose finiscano. (Christian Troy)

Episodio 18, Walter E Edith Krieger[modifica]

  • Da dove attinge questa capacità di perdonare? Come si fa? (Sean McNamara)

Episodio 19, Hiro Yoshimura[modifica]

  • Far finta di non essere triste non è cambiare, è... negare. (Christian Troy)
  • Guarda questo posto, è la culla del peggior conformismo e tu sei il sommo sacerdote che danza attorno al vitello d'oro gridando «Sei quello che appari.>> (Ava Moore)
  • Diverso non è che un sinonimo di brutto. (Ava Moore)
  • Sii forte, amore mio. Sopravvivi. (Ava Moore)

Altri progetti[modifica]