Padre

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Ritratto di Jan Pellicorne e suo figlio Caspar (Rembrandt, 1634 ca.)

Citazioni sul padre.

Citazioni[modifica]

  • Ama il padre se è giusto, se non lo fosse sopportalo. (Publilio Siro)
  • Anche il più turbolento, il più violento, il più ribelle dei figli è tale solo con l'espressa autorizzazione del padre, ed è il padre che, per una ragione a lui ignota, ha bisogno di quel sobillatore, di quella spina piantata nel cuore della famiglia, e cioè di quel focolaio di opposizione grazie a cui vengono smentite tutte le categorie semplicistiche della volontà e del carattere. (Muriel Barbery)
  • Chi genera non è ancora padre, un padre è chi genera e chi lo merita. (Fedor Dostoevskij, I fratelli Karamàzov)
  • Beati coloro che possono sempre avere tanta forza da piangere il loro peccato contro il cuore di un padre. (Carlo Maria Franzero)
  • E non chiamate nessuno "padre" sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello del cielo. (Gesù)
  • È estinta o si sta estinguendo la stirpe dei padri. Da tempo orfani, noi generiamo degli orfani, essendo stati incapaci di diventare noi stessi dei padri. (Natalia Ginzburg)
  • Il padre è sempre altrove: deputato a difendere la famiglia, di fatto è sempre fuori della famiglia a progettare la società o difendere la patria, cioè se stesso, la sua radice vitale. (Aldo Busi)
  • Il padre essendo un'istanza inibitoria e separatrice è, nella struttura familiare, il rappresentante della società, il portatore implicito o esplicito della morale e della spiritualità. (Bernard Muldworf)
  • Mi comparvero allora tutti i padri del mondo quando, prendendo i bambini tra le braccia, li sollevano più in altro della propria testa e sussurrano: andrai più lontano di me. (Antonio Infantino)
  • Per il credente non è la fede nell'esistenza di un Dio Padre a dipendere dall'importanza che ha il padre terreno nella vita, ma, viceversa, l'importanza che il padre riveste nella vita umana a dipendere dall'esistenza di un Padre "dal quale tutto proviene e al quale tutti tendiamo". (Raniero Cantalamessa)
  • Per questo l'uomo abbandonerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due saranno una sola carne. (Bibbia, Genesi)
  • Se in man nostra tutto | Fosse, il ritorno a procurar del padre | Non si rivolgerebbe ogni mia cura? (Odissea)
  • Segue la cerimonia di Padre-e-figlio o della Trasmissione, come viene chiamata.
    Un padre, quando sta per morire, chiama il proprio figlio. Egli dapprima sparge dell'erba fresca sul pavimento della casa e dispone il fuoco; poi, dopo aver sistemato vicino al fuoco un vaso d'acqua insieme con un piatto di riso, egli si distende, si copre con un abito pulito e resta così. Il figlio viene e si stende sul padre, toccandogli le mani, i piedi e così via con gli organi corrispondenti, oppure il padre può compiere l'atto della trasmissione mentre il figlio siede di fronte a lui. In seguito conferisce il suo potere al figlio, [dicendo]:
    Il padre: Possa io impartire la mia parola a te.
    Il figlio: La tua parola entro di me io ricevo.
    Il padre: Possa io impartire il mio respiro di vita a te.
    Il figlio: Il tuo respiro di vita entro di me io ricevo.
    Il padre: Possa io impartire la mia vista a te.
    Il figlio: La tua vista entro di me io ricevo. (Kauṣitakī Upaniṣad)
  • Svolgono ancora il ruolo paterno com'era nella società contadina, dando gli ordini, senza capire cos'è l'adolescenza. (Antonio Mazzi)
  • Tanti mi dicono: anziché eminenza, possiamo chiamarla padre? Certo, dico io. Ma non credano di liberarmi da un peso. Padre è ben più impegnativo. Ne sento tutta la fatica, sono come un infante che balbetta. Credo che la vera questione tra uomini e donne sia questa: la madre deve saper condurre il figlio al padre. Deve saper fare questo dono a entrambi. Il figlio deve prendere coscienza del fatto che accanto alla madre c' è un altro, e fargli spazio. (Angelo Scola)
  • Voglio avere come maestri quelli che mi piacerebbe fossero miei padri. (Agasicle)
  • Un padre è sempre autorizzato a togliere il proprio figlio dalla cattiva strada nella quale si è messo. (Alexandre Dumas figlio)
  • Un vero padre desidera che suo figlio diventi meglio di lui, e non la sua copia carbone. (Nip/Tuck)

Proverbi[modifica]

Italiani[modifica]

  • Al posto del padre nessun deve sedere.
  • Come è il padre, tale è il figlio.
  • Dove si dice: Padre e Madre, si odono i più dolci nomi.
  • Gli occhi dei padri sono le leggi dei figli.
  • I padri indolenti hanno figli pigri.
  • I rimproveri del padre fanno più che le legnate della madre.
  • Il padre buono adopera il bastone.
  • Il padre che ha figli grandi, fuori li mandi.
  • Il padre che ha molti figli da nutrire, di rado ingrassa.
  • Il padre che mente genera figli bugiardi.
  • Il padre deve fare la tavola rotonda.
  • Il padre di famiglia è l'anima della casa.
  • Il padre-padrone, anche se ha torto ha sempre ragione.
  • L'ira del padre deve essere sempre paterna.
  • Quando il padre fa carnevale, ai figli tocca fare la quaresima.
  • Quando il padre ha troppa roba, il figliolo non ha virtù.
  • Se il padre di famiglia è miope, i servi sono ciechi.
  • Se il padre gioca a primiera, il figlio gioca a tresette.
  • Se il padre va all'osteria, il figliolo va alla bettola.
  • Se il padre vede, il figlio non fa.
  • Un buon padre ha occhi anche alle spalle.
  • Un padre anche cattivo, è sempre padre.
  • Un padre debole cresce figli testardi.
  • Un padre mantiene sette figli, ma sette figli non mantengono un padre.
  • Val più un padre che cento pedagoghi.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]