Paolo Giacometti

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD

Paolo Giacometti (1816 – 1882), drammaturgo italiano.

Incipit di La morte civile[modifica]

Don Fernando e Agata.

Fernando Dunque mi avete riconosciuto subito?
Agata Subito: come si possono dimenticare le fattezze di un giovane, quando lo si è allattato?
Fernando Dite piuttosto che aveva quindici anni, almeno, allora che l'abate, mio zio, mi mandò in Catania agli studi, per cui...
Agata Ma da quell'epoca molto tempo è trascorso. Non vedete, don Fernando mio, come mi sono invecchiata? Voi, all'incontro, siete sempre giovane.
Fernando È forse per questo, che vedutomi appena, mi squadraste con tanta meraviglia, sclamando: "Ancora lo stesso?"
Agata Eh no! La mia esclamazione che riguardava solamente lo stato vostro, voleva dire: "Sempre secolare!"

Bibliografia[modifica]

  • Paolo Giacometti, La morte civile, in "Il teatro Italiano", Volume V, La commedia e il dramma borghese dell'Ottocento, tomo secondo, Einaudi editore, 1979. ISBN 8806464031

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]