Paul F. Wilson

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Paul F. Wilson

Paul Francis Wilson (1946 – vivente), scrittore statunitense.

Incipit di alcune opere[modifica]

Intrigo interstellare[modifica]

Alla luce delle cognizioni attuali è difficile immaginare come il Movimento Ristrutturista abbia potuto ottenere l'appoggio popo­lare, ma l'ottenne. Interi settori si dichiararono simultaneamente Ristrutturisti e si mossero a fa­vore di quella che definivano ri­forma legislativa.
Riforma era un termine del tutto improprio: la gerarchia ri­strutturista era composta dai reazionari più accaniti e da conser­vatori economici nemici giurati del libero mercato. La loro filo­sofia politica era stata messa al bando dalla rivoluzione La Nague, e la costituzione della Fe­derazione si impegnava a mante­nercela. Ma i Ristrutturisti si arrendevano, nascondendo le loro ambizioni sotto il mantello del­l'impegno sociale e dando voce a slogan umanitari, mentre ma­novravano per ottenere il con­trollo sul commercio interstella­re
.

da "STELLE IN VENDITA",
Storia economica dello Spazio Occupato
di Emmerz Fenz

Venerdì santo[modifica]

«Il santo padre dice che i vampiri non esistono», affermò suor Bernadette Gileen.
Suor Carole Hanarty alzò gli occhi dalla pila di compiti in classe di chimica che teneva in grembo, compiti in classe che forse non sarebbe mai riuscita a restituire corretti ai suoi studenti di seconda, e osservò Bernadette mentre guidava per le strade della cittadina, manovrando la leva del cambio della vecchia Datsun come un camionista. La sua cara amica e sorella nell'ordine della Misericordia era magra, di una magrezza quasi sofferente; aveva grandi occhi azzurri e corti capelli rossi che spuntavano dal suo soggolo bianco. Guardava attraverso il parabrezza e la luce del tramonto le arrossava la pelle candida e liscia del volto.

Bibliografia[modifica]

  • F. Paul Wilson, Intrigo interstellare, traduzione di Beata della Frattina, Mondadori, 1979.
  • F. Paul Wilson, Venerdì santo, in "999", a cura di Al Sarrantonio, traduzione di Tullio Dobner, Annabella Caminiti, Francesco Di Foggia, Sperling & Kupfer, 1999.

Altri progetti[modifica]