Proverbi brianzoli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Proverbi dalla Brianza.


Indice
0-9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z ?

 Se conosci le traduzioni in italiano dei seguenti proverbi, inseriscile, grazie. Se conosci le traduzioni in italiano dei seguenti proverbi, inseriscile, grazie.

A[modifica]

  • A camp tempestaa nò var benedizion. (ad un campo grandinato non serve alcuna benedizione)
  • A Carnavaa ol porscell al va mazzaa. (A Carnevale il maiale va ammazzato).
  • A fà un pret ga voeur un sacch da danee, ma quand al prét l'è faa, al sacch l'è bell e guadagnaa.
  • A la domenega dai oliv tucc i usei fann el sò nid. (Alla domenica degli olivi, tutti gli uccelli fanno il nido.)
  • A la fin de Agost, giò 'l sô l'è fosch. (Alla fine di agosto, il Sole è già fosco.)
  • A l'è vora de fà el scovin quand el borla giò el fiorin.
  • A parlaa maa se fa maa, ma se indovina. (A parlar male si sbaglia, ma si indovina.)
  • A parlaa maa se fa pecaa, ma s'è mai sbagliaa (A parlar male si fà peccato ma non ci si sbaglia.)
  • Arent al foeugh la paja la brusa. (Vicino al fuoco la paglia brucia)
  • A San Gall se sumena al pian e al vall. (Per San Gallo si semina in pianura e nelle valli)
  • A Santa Caterinna el fregg el se rafinna.
  • A Santa Margaritta s'han de vedé i castegn lontan ona picca. (A Santa Margherita si devono vedere le castagne dalla distanza di una picca.)
  • A Sant Andreja el fregg te nega.
  • A Sant Andreja monta el fregg in cardeja.
  • A San Luis dan fastidi anca i barbiss. (A san luigi danno fastidio anche i baffi)
  • A Santa Teresa se sumena a la distesa. (A Santa Teresa si semina alla grande)
  • A Sant Isepp sa tira ol fiaa: ol dì e la nòcc hinn longh inguaa. (A San Giuseppe(–) si tira il fiato: il giorno e la notte sono lunghi uguali.)
  • A San Vittor mett la pell al sol. (A San Vittore metti la pelle al sole)
  • A San Vittor trà foeura la bianchetta con tutt onor. (A San Vittore si può smettere di portare la maglia di lana)
  • A Sònt Andrea ol fregg al monta in cadrega.
  • A Sònta Caterina ò nev ò brina. (A Santa Caterina, o neve, o brina)
  • A stà coi can se impieniss de pures. (A stare coi cani si prendono le pulci.)
  • A toeu miee, pensegh fin ai trenta, dopo pensegh anmò on pòco... e finiss a toeula nò. (A sposarsi, pensaci fino ai trent'anni, poi pensaci ancora un poco ... e poi decidi di non sposarla)
  • A tutt i Sant, guantin e guant. (A tutti i Santi, guantini e guanti.)
  • Al gh'è miga matela bela ca nu la sia gavela; ma chili bruti glien gaveli tuti.
  • Al par del ramm e del coramm, anca i dònn con pù se batten deventen bònn. (Alla stregua del rame e del cuoio, anche le donne più si battono e più diventano buone)
  • Ann de erba, ann de merda. (Anno d'erba, anno di merda)(il bestiame nutrito con erba produce molto letame)
  • April fà ol fior e magg el gh'ha l'onor. (Aprile fa il fiore e maggio ne ha l'onore)

B[modifica]

  • Bosii e giurament quaj voeulta hinn bon parent. (Le bugie e i giuramenti a volte sono buoni parenti)
  • Biason, bela la tera ma brut i don (Biassono, brutta la terra ma belle e donne)

C[modifica]

  • Caga come on'òcca e pissa come on can se te voeu stà semper san. (Cacare come l'oca e pisciare come il cane, se vuoi star sempre sano)
  • Cavalee zòpp, galett a balòcch.
  • Cent coo, cent crapp, cent cuu, dusent ciapp! (Cento teste, cento capi, cento sederi, duecento natiche)
  • Chi comanda fa legg. (Chi comanda detta legge)
  • Chi fa tant ghe manca al pan, chi fa pòcch ghe n'ha anca tròpp. (A chi fa tanto manca il pane, chi fa poco ne ha fin troppo)
  • Chi ghe volta i spall a Milan ghe volta i spall al pann, chi ghe volta i spall ala Brianza ghe volta i spall ala pitanza (Chi volta le spalle a Milano, volta le spalle al pane; chi volta le spalle alla Brianza, volta le spalle al companatico, o pietanza)
  • Chi gh'ha fen, gh'ha tutti i ben. (Chi possiede i campi da fieno, può avere ogni bene) (vendendo il fieno a chi ha le bestie in stalla)
  • Chi gh'ha danee fa danee, e chi nò gh'ha danee el pò fà scusà el cuu per candiree. (Chi possiede tanti soldi li moltiplica, mentre chi non ne ha, può anche usare il culo come candeliere, ma di soldi non ne farà mai)
  • Chi gh'ha la vigna sova in tra marz e april la brova.
  • Chi gh'ha danee fa danee, e chi gh'ha pioeucc fa lenden. (Chi ha soldi fa soldi, ma chi ha le pulci si riempie di uova di pulci) (lendini)
  • Chi 'l vosa pussee, la vacca l'è soa. (Chi grida più forte, la vacca è sua) (al mercato delle vacche)
  • Chi maja el levaa caga el pajee.
  • Chi ona schisciada d'oeugg non al comprend, l'è intregh in dal crompà, pesg in dal vend. (Chi non è in grado di capire il significato di una strizzata d'occhi, non potrà mai fare buoni affari, sia nel vendere che nel comprare)
  • Chi nò pensa innanz despoeu sospira. (Chi non medita bene prima di agire, poi sospira pentito)
  • Chi no voeur fa pedin faga pedanna e chi no voeur fà all'amor vaga in la tanna.
  • Chi toeu miee a bonora coi sò fioeu lavora. (Chi prolifica da giovane potrà avere un aiuto dai propri figli)
  • Cun calma e con pazienza, gh'hann faa 'l bus del cuu a voeugn che l'eva senza (Con la calma e la pazienza hanno fatto l'ano a uno che era senza)
  • Curt de vista, longh de battista. (L'orbo si consola dicendo che chi ha la vista corta ha un pene lungo) (ma un'altro detto del Carlo Porta dice: Né gross che stópa, né lungh che tóca, ma dür che düra!)

D[modifica]

  • Degh adòss che l'è de Monscia. (Monza per i brianzoli è considerato già un po' milanese, quindi: Dategli addosso che è di Monza)
  • De là del podè nò se poeu minga andà. (Al di la del possibile non si può andare oltre)
  • Desgrazia del can fortunna del loff. (Disgrazia del cane, fortuna del lupo)
  • Di donn ghe 'n voeur domà dò per ca: vunna viva e l'altra pitturada sul mur. (Due donne in una casa non vanno mai d'accordo, pertanto se sono due devono essere una viva e l'altra pitturata sul muro)
  • Dicember, fiòcca e fa fregg: pissa 'l camin e pareggia 'l scoldalecc. (A Dicembre nevica e fa freddo: accendi il camino e prepara lo scaldaletto)
  • Donna che piansg, cavall che suda, òmm che spergiura, pòcch temp el dura. (Sono tutte cose di poca durata) (un'altro proverbio dice: Dòna ca piàng, cavàll ca süda, busàrd 'mè Giüda)
  • Dònna pipenta o che l'è 'na vaca o che la diventa (Donna che fuma o che é "di piccola virtù" o che é destinata a diventarlo: Augusto Merati – Il proverbiaio della Brianza – Ed. Il Cittadino, anno 1988)
  • Dònna sòna pissa 'me ona fontòna.

E[modifica]

  • El ben del patron l'è come al vin del peston, che alla matinna l'è bon e alla sira l'è guast.
  • El mond l'è mezz de vend e mezz de comprà. (Non esistono venditori se non ci sono compratori)
  • El pioeuv e el dà el sò, el balla i strij e el servitò, el servitò el butta in lecc, el balla i strij sul tecc.
  • El Poo el sarav minga Poo se Ada e Tesin no ghe mettessen coo. (Il fiume Po non sarebbe quello che è se non ci fossero l'Adda e il Ticino)
  • El Signor el creja l'agnellin con el sò pascolellin.
  • El temp el regoeujem sul nòst.

F[modifica]

  • Fà tuttcoss al sò moment e i bon rav toeu su l'advent. (Fai tutto a tempo debito, e raccoglierai le rape il giorno dell'Avvento)
  • Febrar l'è curt, ma l'è pesg d'on Turch. (Il mese di Febbraio è il più corto dell'anno, ma è anche il più cattivo) ("peggio di un Turco", considerati i guerrieri più spietati dai tempi del loro impero)
  • Foeuja smaggiada, galetta mai fallada. (La "föja" è quella del gelso che si dava ai bachi da seta, e la galetta è il bozzolo di seta in cui si trasforma in farfalla la crisalide, se non viene prima uccisa per non rovinare la seta del bozzolo)
  • Formenton a gatton, loeuv a monton. (Se la pianta del mais si rompe e cade gattoni significa che le pannocchie mature pesano molto, quindi il raccolto sarà ricco)
  • Fa balà l'oeugg Ricoo. (Stai attento Enrico!) (avvertimento dell'amico)
  • Figa a foresta, l'usell fa festa. (Quando in una comunità ci sono molte donne è facile "cuccare")
  • Fides dela vulp, fides del tass ma fides minga dela dona cul cu bass (Proverbio che mette in guardia gli uomini che si innamorano di una donna dalle gambe corte. I nostri vecchi avevano le loro convinzioni, ma non è detto che si sbagliassero)

G[modifica]

  • Ginee l'è on mes festee. (Gennaio è un mese (pieno) di feste)
  • Genee e fevree l'è madregna, marz l'è tegna.
  • Giugn, la ranza in pogn. (E' il mese della raccolta del grano)
  • Guardet de chi te fa pussee de mamma: ò ch'el voeur ingannàtt ò ch'el t'inganna. (Guardati da chi ti fa più di tua madre: o ti vuole ingannare o ti sta ingannando)

I[modifica]

  • I danee fann dannà, ma a mia avègghen fann penà (I soldi fanno dannare, ma a non averceli fanno penare)
  • I dònn se paragonen ai castegn: bell de foeura, denter gh'è i magagn. (Le donne sono come le castagne: belle di fuori, ma dentro hanno le loro imperfezioni o difetti)
  • Incoeu l'è foeuja, doman hinn foeuj. (Oggi sono foglie, domani sono fogli)
  • In duu a un cappon e in quatter a on resegon. (Quando c'è da mangiare, solo in due; ma quando si deve lavorare, è meglio in tanti)(Resegon = grosso segaccio per tagliare i tronchi)
  • In trent'ann e trenta mes torna l'acqua ai soeu paes. (In trent'anni e trenta mesi l'acqua torna ai suoi paesi)
  • In tutt i cà gh'è el sò defà. (In ogni casa ci sono lavori da fare)
  • I proverbi fallen minga (perché gh'hann mettuu cent agn a fai). (I proverbi non falliscono (perché c'hanno messo cento anni a farli)).
  • I ultem a andà in gesa hinn i primm a vegnì de foeura. (gli ultimi ad entrare in chiesa sono i primi ad uscire)
  • I usei in frasch e i fioeu in di strasc. (gli uccelli fra i rami e i figli negli stracci)

L[modifica]

  • La bocca l'è minga stracca se la sa minga de vacca. (La bocca non è stanca se non sa di mucca (formaggio))
  • La bolp la lòggia la fa minga dagn.
  • La fiòcca desembrinna per trii mes la confinna. (La neve di Dicembre impedisce per tre mesi di uscire di casa (ai montanari che vivevano in luoghi sperduti))
  • La galetta l'è quella che ten avert l'uss tutt l'ann. (La produzione di seta (galetta) di un tempo permetteva di avere un reddito decente anche al povero contadino)
  • La geja fina ai genoeucc, la famm finna ai oeugg.
  • La nev de Ginee la piendis ol granee. (Le nevicate di Gennaio sono provvidenziali per la futura raccolta del grano) (che si semina prima)
  • La tròppa confidenza la fa perd la riverenza. (Troppa confidenza fa perdere riverenza)
  • L'ama el gran el sò paltan.
  • L'asen del Ghinella el gh'ha quaranta piacch sòtt a la sella. (L'asino del Ginella ha 40 piaghe sotto la sella) (deve aver lavorato molto)
  • La terra la va minga a l'osteria. (Lo dicevano le mogli a quei mariti che invece di andare a lavorare nei campi preferivano andare all'osteria, magari a sbronzarsi)
  • L'è cattiv segn quand la festa de ball la se fà in cà di sonador. (è brutto segno quando la festa da ballo si fa in casa dei suonatori)
  • L'è de badee morì adree a la miee. (E' da stupidi morire subito dopo la moglie!)
  • L'è saldo men maa on usell in sacchella che né cent in l'airo. (E' meglio un uccello in mano che cento che volano)
  • L'erba medegada la fa bòna la brusada. (L'erba medica fà bene al terreno che ha subito un'incendio)
  • L'estaa de Sòn Martin al dura trii dì e on ciccin. (L'estate di San Martino dura tre giorni e un po')
  • L'invidà l'è creanza, e el taccà (el zettà) l'è petulanza.
  • Loj, la tera la boj. (Luglio, la terra è bollente)(figuriamoci a doverla lavorare)
  • L'oeugg el voeur la soa part. (L'occhio vuole la sua parte)
  • Loeuva ben vestida, inverno fregg e marsciottent. (Se la pannocchia del mais è ricoperta da molte foglie, l'inverno che arriva sarà freddo e con pericolo di marciume delle stesse)

M[modifica]

  • Magg l'è on gran bell mes: fior, magioster e scires. (Maggio è un gran bel mese: porta fiori, fragole e ciliege)
  • Magg succ gran per tucc. (Maggio asciutto, grano in abbondanza)
  • Marz, l'è fioeu d'una baltròcca: ò piòv, ò tira vent, ò fiòcca. (Marzo è volubile come il figlio di una balzana, un momento piove, un altro tira vento, un altro ancora nevica)
  • Marz cunt ul vent, scigoi e furment. (Marzo con il vento, abbondanza di cipolle e grano)
  • Mej minestra rara che polt spessa. (E' meglio una minestra brodosa, che un pastone denso)
  • Magnà magnòccom, l'è a lavorà che barbòttom. (Per mangiare mangia, è a lavorare che barbotta)
  • Mai fidass d'un scalin rutt, dela cua del can e de chi va in gesa tucc i duman (Mai fidarsi di uno scalino rotto, della coda ferma di un cane, e di quelli che vanno in chiesa ogni giorno)

N[modifica]

  • Negòzzi squajaa l'è mezz sassinaa.
  • Nòs de me missee, moron de me pader, e vit de mì. (Noci di mio nonno, gelsi di mio padre, e vigna mia)
  • November l'è Cain: ò se paga 'l fitt ò se fa Sòn Martin. (L'usanza di pagare l'affitto per San Martino per alcuni era una scadenza temuta, perché se non si poteva pagarlo bisognava lasciare la casa o il terreno in affitto e andarsene altrove a cercar un nuovo lavoro)
  • Na pisada senza 'n pet, l'è me la dòna senza i tèt. (Così pensavano i nostri avi, e come dargli torto? chi vorrebbe una donna senza un bel seno?) Un pisin senza 'n pet l'é cuma 'n viulin senza l'archett

O[modifica]

  • Ò gent ò argent. (Un tempo chi aveva pochi soldi si consolava facendo molti figli, mentre chi aveva soldi (argent) ne aveva pochi)
  • Ògni boscon el gh'ha el sò oreggion.
  • Ògni fil d'erba al gh'ha la sua rusada.
  • Ol Signur l'è andà in ciel, i remedi j'ha lassaa in terra.
  • Ombrèll, dònn e orelòcc spazza sacòcc. (una volta era così, oggi forse è un po' meno vero, almeno per gli ombrelli e gli orologi, quanto alle donne... non sono cambiate molto!)
  • Ona ròbba se l'ha de vèss assee n'ha de vanzà. (Una cosa per essere abbastanza deve avanzare)
  • On bosch liga l'alter.

P[modifica]

  • Parlee men de quell che savii, mostrii men da quell ca gh'hii. (Parlate meno di quello che sapete, mostrate meno di quello che avete)
  • Paròla tasuda l'è mai scrivuda. (Un bel tacer non fu mai scritto)
  • Per scampà on pezz ghe voeur bon zòccor, bon bròccol, bon capell e pòcch cervell. (Per campare tanto occorre avere buone scarpe, buon cibo, buoni abiti e poco cervello)
  • Per Sòn Benedett, la rondina sotta al tecc. (Era un proverbio nato prima della riforma del calendario di Gregorio I; Adesso è raro vedere le rondini per San Benedetto, almeno in Lombardia)
  • Pifania, toeucc i fest ja mena via. (L'Epifania tutte le feste porta via)
  • Pòlta e cagnon, ris in preson.
  • Pril, prilett, on dì còld, on dì fregg. (Aprile pazzerello, un giorno freddo ed uno bello)
  • Prima de fà on amis mangia insemma on carr de ris. (Prudenza nel farti amico qualcuno che non conosci molto bene)
  • Pu che viv e morì nò se poeù fa. (Più che vivere e morire non si può fare)
  • Puttòst che ròbba vanza, crepa panza! (Piuttosto che la roba avanzi, che crepi la pancia)

Q[modifica]

  • Quand al Corniscioeu al gh'ha 'l cappell, ò 'l fa brutt ò 'l fa bell. (Quando la cima della montagna è coperta da nuvole, o fa brutto tempo o lo fa bello) (previsioni meteorologiche molto approssimative di un tempo)
  • Quand el ciel l'è faa a pan gh'emm l'acqua incoeu ò doman. (Cielo a pecorelle, acqua a catinelle)
  • Quand el marì el va a fà terra la dònna la ven bella. (Quando il marito muore, la donna ringiovanisce)
  • Quand el sò el tramonta la massera la s'imponcia (s'emponta). (quant ul sùu el tramunta la masera la se impunta – brianza lecchese)
  • Quand la montagna la gh'ha ligaa su el coo prest gh'emm l'acqua ai pee.
  • Quand el Mont al gh'ha su 'l cappell, mett via la ranza, toeu scià el restell. (Quando il monte ha sul cappello, metti via la ranza, prendi il restello)

R[modifica]

  • Rar in camp e spess in del caldar.
  • Ròbba de stola, ròbba de gola.

S[modifica]

  • S'el pioeuv ol dì de l'Ascenza, per quaranta dì semm minga senza. (Se piove per l'Ascensione, per i successivi 40 gg. avremo acqua in abbondanza)
  • Se al trii de marz gh'è acqua, nev ò vent, per tòtt ol mes al dura 'sto torment. (Il tempo che fa al 3 di marzo, probabilmente perdura per tutto il mese)
  • Se al trii da marz gh'è vent par quaranta dì ol se sent. (Idem come sopra)
  • Se fa bell la festa de San Gall el fa bell finna a Natal. (previsioni del tempo di una volta)
  • Se i oliv grappissen in masg, prepara el campasg, se grappissen in giugn, prepara el pugn.
  • Se nò l'è loff el sarà can. (Se non è lupo sarà cane)
  • Se pioeuv per San Giovann el succ el fà pocch dann. (Se piove per S. Giovanni il tempo secco del periodo farà poco danno)
  • Se ta gh'heet un sciocchett, tegnal lì per marzett. (tieni da conto qualche pezzo di legna da bruciare in Marzo perché può fare ancora freddo)
  • Se te voeu che la messizia se mantegna ona man vaga e l'altra tegna.
  • S'el pioeuv a San March o a San Grigoeu l'uga la va tutta in cavrioeu.
  • Settember al dovaria vessegh semper. (Settembre è un mese bellissimo, dovrebbe esser così tutto l'anno)
  • Sònta Martina la trò giò gròn farina.
  • Sant'Anna la vòr on mòrt ne la fontana. (Sant'Anna vuole un morto alla fontana).
  • S'ol barbiss al va in guerra la soa cà l'è bele che atterraa. (Se il capofamiglia va in guerra, la sua casa (o famiglia) è bella che distrutta)

T[modifica]

  • Tale qual se ara, se arpega.
  • Tri dònn e ona gaina fann mercaa tutta mattina. (Tre donne e una gallina fanno mercato tutta mattina)
  • Tre còss impossibel: fà tasè i dònn, fà corr i vegg, fà stà fòrt i bagaj. (Ci sono tre cose impossibili a farsi: far tacere le donne, far correre i vecchi, far stare quieti i bambini
  • Tutt i cà hinn faa da sass, ognuna ha 'l sò fracass. (Tutte le case sono fatte di sassi, e ognuna ha le sue vicissitudini, i propri guai)

U[modifica]

  • Utuber te se bell, se l'è fen l'è in cassina e'l vin in del vassell. (Ottobre sei bello, se il fieno è nella cascina e il vino nella botte)

V[modifica]

  • Vendembia temporida de spess la va fallida. (La vendemmia in anticipo spesso non produce un vino buono)
  • Vòst tal e qual el troeuva el loeuva.
  • Val pussè on "andà" che cent "andemm". (E' meglio una decisione presa al momento giusto che cento tentennamenti)

Z[modifica]

  • Zucch e dònn brutt ghe n'è da par tutt. (Di zucche e donne brutte ce n'è dappertutto).
  • Zucch e melon à la sua stagion (zucche e melone (si devono mangiare) alla loro stagione)