Proverbi pazzanesi

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?

A[modifica]

  • Annata bisesta a cunta cu resta
L'anno bisestile lo racconta chi resta
  • A cuda è dura a scorciara
La coda è dura da scuoiare
La fine è più difficile
  • A guttareda cuntina percia a petra
La goccia in continuazione buca la pietra.
  • A mala vanda ti nesciru i capidi
I capelli ti sono cresciuti dalla parte sbagliata.
  • A matinata facia a jornata
La mattinata fa la giornata.
  • A paura guarda a vigna (no a sipala)
La paura guarda la vigna (non il cespuglio).
  • A tramuntana a prima levata, u sciruoccu nta ritardata

B[modifica]

C[modifica]

  • Cana e tristi cana, amaru a casa chi non ndava
  • Chjanu chjanu u malatu leva u sanu
Pian piano il malato porta il sano
  • Cuosi in cumuni, jettali adu cahuni
Le cose in comune buttale nell'immondizia,,
  • Cui allimita cu fjumari e cu cafuni, è suffruttariu ma mai patruni!
Chi ha dei confini con fiumare o burroni, è usufruttario ma non padrone.
  • Cu cunta u suo doluri, perda mienzu onuri
Chi racconta il suo dolore, perde mezzo onore
  • Cu dassa ca pue, on ficia casa mai
Chi dice "poi" non ha mai fatto casa.
  • Cu dinta mienti, fora ti caccia
Chi porti dentro, ti porta fuori.
  • Cu duna a rrobba prima co mora, vola pijjhatu a testa cu na mazzola
  • Cu lavura fundu e cu lavura chjanu all'aria ni vidimu pellegrinu
  • Cu miegghjiu attacca, miegghjiu sciogghjia
Chi fa bene i nodi, li scoglie anche bene
  • Cu nci lava a testa all'asinu perda l'acqua e du sapuni
Chi lava la testa all'asino perde l'acqua e il sapone
  • Cu vola u menta paci si trova a menzu a guerra
Chi vuole mettere pace si trova in mezzo alla guerra
  • Cu pota facia, cu sapa dicia
Chi può fa, chi sa dice:
  • Cu si curriva ava u si facia utili!
Chi si offende deve ricavarne un guadagno

D[modifica]

  • Dei muorti a nivi ad i puorti
Dei morti la neve alle porte.
  • Dio ti libbera do poveru arriccutu e do riccu appezzentutu
Che dio ti liberi del povero arricchito e del ricco impoverito
  • Do sentimientu d'attu trasa e niesci, do tue on nescira mai
Del sentimento d'altri entra ed esci, del tuo non uscire mai

E[modifica]

F[modifica]

  • Fai bene e scordati, fai mala e guardati!
Fai bene e dimenticati, fai male e stai attento!
  • Fessa cu si mangia cincu pana o cu nci duna?
Fesso chi si mangia 5 panini o chi glieli da?

G[modifica]

H[modifica]

I[modifica]

  • Iungiti cu'i miegju tue e fanci i spisi .
Unisciti con i migliori tuoi, e fagli le spese.
  • I guai da pignata i sapa a cucchjiara chi di vota
I guai della pentola [di terracotta] li sa il cucchiaio che li mescola.
I problemi li conosce chi li ha.

L[modifica]

  • L'erba chi non mbue ti nescia avanzi a porta
L'erba che non vuoi ti cresce davanti alla porta.

M[modifica]

  • Meggjiu mammata u ti ciangi ca u suli a marzu u ti tingia
Meglio tua mamma ti pianga che il sole a marzo ti tinga.

N[modifica]

  • Nu patra nuotrica cientu hijjuoli, cientu hijjuoli 'on nuotricannu nu patra
Un padre nutre cento figli, cento figli non nutrono un padre.

O[modifica]

  • Ogni lignu ava u fumu sue
Ogni legno ha il proprio fumo.
Ogni persona ha i suoi problemi
  • Ogni spiritu leva ndomini
  • On aju uoghjiu pe i variduni e vacia untandu cuordi e campani?!
Non hai l'olio per i barili e ungi la corda delle campane?!.
Non hai possibilità per te, e vai ad aiutare gli altri?!

P[modifica]

  • Pana e mantu 'on grava tantu
Pane e mantello non pesano molto.
  • Pe tri calli e spiezzi perdi a gadina!
Per un po' di pepe nero (spezia) perdi la gallina
Per una cosa da poco si perdono quelle importanti
  • Pèmmu amicizia u dura, na tafareda ava u vacia, e natta ava u vena
Per durare un'amicizia, un cesto deve andare, e un altro deve venire.
In un'amicizia duratura si dà e si riceve vicendevolmente.
  • Po cazzuni 'on c'è riparu
Per lo stupido non c'è salvezza.
  • Prima d'arruri nci vola a 'bbertenza ca duoppu nci vola a pacenzia
Prima dell'errore ci vuole prudenza, che dopo ci vuole la pazienza.

Q[modifica]

R[modifica]

S[modifica]

  • Sa 'nbidia fussa guadara ognunu a rafaria!
  • Si bbue u vidi u nemicu morira, dassalu u parra e non ci rispundira
Se vuoi vedere il nemico morire, lascialo parlare e non gli rispondere.
  • Si vue u gabbi u maluvicinu curcati prestu a sira e levati prestu u matinu
Se vuoi fregare il vicino cattivo coricati presto la sera e alzati presto al mattino.
  • S'u ciucciu 'on mbola u mbiva, a' vojjia u hrischi
Hai voglia a fischiare se l'asino non vuol bere.
Se uno è testardo non c'è niente da fare

T[modifica]

  • T'abbaca mu lu fai lu mussu a fungi, a prima mu fatighi e poi mu mangi
Hai voglia a dire funghi, devi prima lavorare e poi mangiare!
  • Trasutu u santu, hinuta a hesta
Entrato il santo, finita la festa.

U[modifica]

  • U disperatu ti dispera
Il disperato ti dispera
  • U piedi chi camina 'nta notta, malanova porta
Il piede che cammina nella notte brutte notizie porta.
  • U puorcu sempa a Jjhianda s'insonna
Il maiale si sogna sempre la ghianda.
  • Uomu mutu 'on po' essara servutu
La persona che sta in silenzio non può essere servita.
  • U manzognaru ava u m'ava bona memoria
Chi dice menzogne deve avere buona memoria

V[modifica]

Z[modifica]

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]