Proverbi reggini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Proverbi della città di Reggio Calabria.

Proverbi[modifica]

Indice
0-9 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z ?

A[modifica]

  • A matinata faci a jornata.
La mattinata fa la giornata.
Alzandosi presto, la mattina ci si sbriga tante cose quante in una giornata intera se ci si alza tardi.
  • A bona jurnàta si pàra ra matina.
Il buongiorno si vede dal mattino.
  • A caddàra bugghj e u pòrcu è ammùnti.
La pentola è in ebollizione e il maiale lo devi ancora prendere.
Si è fatto qualcosa prima del tempo.
  • Accàni non c'è raspa e non c'è lima 'pi manici i cuteddhu senza lama.
Qui non c'è lima per manici di coltello senza lama.
Chi non sa difendersi da solo non sarà aiutato da nessuno.
  • A crapa fìgghia e u zzìmburu si spremi
La capra partorisce e il montone si lamenta.
Alludendo a chi non fa niente e si lamenta mentre gli altri fanno il lavoro.
  • A boi servaggiu corda longa.
A bue selvaggio corda lunga.
Alludendo a chi si comporta da selvaggio ma che con il passare del tempo ritorna sui suoi passi.
  • A cunfirenza è patruna ra mala criànza!
La confidenza è padrona della maleducazione
  • A jaddhìna faci l'ovu e o jàddhu 'nci brucia u culu.
La gallina fa l'uovo e al gallo brucia il culo.
Alludendo a chi si lamenta del lavoro che verrà svolto da altri.
  • A jatta prescialòra fici li jattareddhi orbi.
La gatta frettolosa ha fatto i gattini ciechi.
Non bisogna fare le cose di fretta, altrimenti verranno male.
  • Ambàtula ca strizzi e fa' cannòla, tantu u santu êst'i marmura e non sura.
Inutile che fai moine, tanto il santo è di marmo e non suda.
Inutile pregare, se una persona non ti vuole mettiti l'anima in pace.
  • Ambàtula mi ci frischi o sceccu ca non boli 'mbiviri.
Inutile che chiami l'asino che non vuole bere.
Inutile che ti sforzi a fare qualcosa con per qualcuno se questo proprio non ne vuole sapere.
  • A caddàra 'bùgghi e u porcu ê a'muntàgna.
La caddàra[1] bolle e il maiale è ancora in montagna.
Si riferisce a chi è troppo frettoloso.
  • A cìra squagghia e u santu non camina.
La cera squaglia e il santo non cammina.
Nonostante passi il tempo le cose rimangono invariate.
  • A mbiria cava l'occhi
L'invidia cava gli occhi

B[modifica]

C[modifica]

  • Caru cumpari stasira ti mbitu porta la carni ca eu mentu lu spitu porta u pani ca u meu esti mucatu porta u vinu ca u meu esti citu. Caru cumpari stasira ti mbitu.
La stesa parodia di un film di Totò e Peppino de Filippo, quando il barbiere (Peppino) viene invitato a cena.
  • Ch'i terremoti, c'a gguèrra e cà pàci, sta festa si fìci, sta festa si faci!
Con i terremoti, in tempo di guerra e in tempo di pace, la festa si è fatta e sempre si farà.
In qualunque condizione la festa della Madonna della Consolazione (patrona di Reggio) ha sempre avuto luogo e sempre avrà luogo.
  • Cu faci jàbbu 'ncappa.
Chi ride delle azioni altrui sbaglia!
Non ridere per gli errori altrui, perché tanto puoi sbagliare anche tu.
  • Cu 'mpresta perdi a testa.
Chi presta [soldi] perde la testa.
  • Cu non 'ccètta non 'mmèrita.
Chi non accetta non merita.
  • Cu nasci tundu non mori quatratu.
Chi nasce tondo non muore quadrato.
  • Cu nasci tunnu non mori piscispada.
Chi nasce tonno non muore pesce spada.
  • Cu 'nci lava i peri o'sceccu perdi l'acqua e la lissia.
Cu 'nci lava a testa o'sceccu perdi l'acqua e u sapuni.
Chi fa dei favori ad un amico irriconoscente, perderà non solo il denaro, ma anche il tempo.
  • Cu 'ndeppi focu campau, cu 'ndeppi pani murìu.
Chi ha avuto il fuoco è vissuto, chi ha avuto il pane è morto.
Gli strani casi della vita.
  • Cu non poti mangiari carni si 'mbivi u 'broru.
Chi non può mangiare la carne è costretto ad accontentarsi del brodo.
  • Cu si cùrca chi figghiòli mbrìsci cacàtu (e pisciàtu).
Chi si corica con i bambini si sveglia cacato (e pisciato).
Chi ha a che fare con la gente poco matura si mette nei guai.
  • Cu si vardàu si sarbàu.
Chi si è guardato si è salvato.
È sempre un bene tutelarsi.
  • Cu 'zzàppa fujèndu cògghi chiancìendu.
Chi zappa fuggendo raccoglie piangendo.
  • Cu voli 'u'vìzziu si 'l'avi a 'manteniri.
Chi vuole un vizio deve mantenerlo da solo.
  • Cu'nnu corpu dui marvizzi.
Due piccioni con una fava.
  • Cu cunta menti a 'ggiunta.
'Chi riporta un fatto aggiunge sempre qualcosa al racconto.
  • Cu sparti cogghi a megghiu parti.
Chi effettua la spartizione prende sempre la parte migliore.

D[modifica]

  • Dassa stari 'u cani ch'ddormi.
Non stuzzicare il can che dorme.
  • Di fimmini e du mari non ti fidari.
Le insidie delle giovani donne travolgono, come quelle del mare.
  • Dissi u surici a' nuci: ammi tempu ca ti perciu! A' nuci 'nci rrispundiu: cu tempu mi muffiu!
Disse il topo alla noce : dammi tempo che ti apro! La noce gli rispose: col tempo faccio la muffa!

E[modifica]

F[modifica]

  • Faci u scèccu 'nto linzòlu.
Fare finta di non capire.
  • Fatti i cazzi tòi chi 'ccampi cent'anni.
Fatti i fatti tuoi che vivi cent'anni.
  • Futti futti, chi Diu pirduna 'a tutti
Fà ciò che vuoi, tanto Dio perdona sempre.

G[modifica]

H[modifica]

I[modifica]

  • I fimmini su'comu a pareddha 'ri castagni, hannu i buca i sutta.
Le donne sono come la padella delle castagne, hanno i buchi sotto.
  • I fimmini su'comu i cani, 'chiù i virghij e 'chiù ti ddiccanu i mani.
Le donne sono come i cani, più le bastoni e più ti leccano le mani.
  • I fimmini su'comu i capperi, sunnu bboni sulu supra a pizza.
Le donne sono come i capperi, sono buone solo sopra l'organo genitale maschile.
  • I fimmini su'comu i'puma r'oru, 'chiù i strìzzi e 'chiù nesci 'bona a 'zùca.
Le donne sono come i pomodori, che più li strizzi e più il sugo è buono.
Quanto maltratti le donne tanto ti vorranno bene.
  • I megghiu fica si' mangianu i porci.
I fichi migliori se li mangiano i maiali
Le cose migliori vanno a chi non se le merita.
  • I sordi fannu mi 'nci veni a vista oll'orbi.
I soldi fanno venire la vista ai ciechi.
  • I figghioli i pigghi ra testa e ti fùiunu ri peri.
Se prendi i bambini dalla testa ti scappano dai piedi.
Si dice dei bambini pestiferi.

L[modifica]

M[modifica]

  • Mègghiu mangiàti ri càni, ch' ciangiùti ri cristiàni
È meglio essere sbranati dai cani, che invidiati dalla gente.
  • Mègghiu to mamma mi ti ciàngi c'u sul'i marzu mi ti tingi.
Meglio che tua madre ti pianga che il sole di marzo ti tinga.
  • Mègghiu u mori Ciccio ca no lu ciucciu, picchi u ciucciu porta 'a ligna e Ciccio no.
Meglio che muoia Ciccio che non l'asino, perché l'asino porta la legna(lavora) e Ciccio no.
  • Minchia lu ventu ca tira.
Mamma che vento che tira.

N[modifica]

  • 'Nun c'è artàru senza cruci e matrimoniu senza vuci.
Non c'è altare senza croci e matrimonio senza voci (battibecchi).
  • 'Ndà mangiari pani e cipudda!
Devi mangiarne di pane e cipolla! (per chi ha ancora molto da crescere e da imparare)
  • Ndi mbivisti acqu' i puzzu.
Nei hai bevuta acqua di pozzo (per gli schizzinosi, gli si rammentano le loro origini contadine)
  • 'Non si pigghiunu si non si rassumigghiunu
Non stanno assieme se non si somigliano

O[modifica]

  • Occhiu non bìri, còri non dòli.
Occhio non vede, cuore non duole.
  • Ogni fìcatu i mùsca è sustanza.
Ogni fegato di mosca è sostanza.
  • O ciangiu u mortu o tegnu a candila.
  • O frii u pisci o vardi a iatta.
  • O vaj all'acqua o nachi u figghijolu.
Modi diversi per dire di non fare due cose contemporaneamente.

P[modifica]

  • Palumba muta non poti êsseri serbùta.
Colomba muta non può essere servita.
Se non chiedi ciò che vuoi non potrai ottenerlo.
  • Puru li pùlici hannu 'a tussi.
Pure le pulci hanno la tosse.
Pure chi non ha diritto parla.
  • Preja u Signuri e futti u prossimu.
Prega il Signore e frega il prossimo.
Si dice dei cristiani ipocriti.
  • Parra comu mangi.

Q[modifica]

  • Quandu canta 'a cicala, vattìndi alla ficàra.
Quando canta la cicala é tempo di raccolta per i fichi.
  • Quandu u jattu non c'èsti, i sùrici ballunu.
Quando il gatto non c'è i topi ballano.
  • Quandu u riavulu t'accarizza voli l'anima.
Quando il diavolo ti accarezza vuole l'anima.
Diffida da chi è ruffiano.
  • Quandu la fimmina t'accarizza, o voli i sordi, o voli a pizza.
Quando la donna ti accarezza, o vuole i soldi, o vuole il pene.
  • Quandu a fimmina aza l'anca, o è puttana o pocu ci manca.
Quando la donna apre(mostra) le gambe, o è di facili costumi o sta per diventarlo.
  • Quandu ti mariti fa festa pe nu jornu, quandu ammazzi u porcu fa festa pe n'annu
Quando ti sposi festeggi per un giorno, quando uccidi il maiale festeggi per un anno.

R[modifica]

  • Ru pòrcu non si 'jètta nènti.
Del maiale non avanza nulla.
A Reggio è usanza tipica cucinare ogni parte del maiale.
  • Rutta pi rutta rumpimula tutta.
Rotta per rotta rompiamola tutta.
Quando una cosa ti é andata male, non ti preoccupare di far cose peggiori, tanto ormai é andata male!

S[modifica]

  • Si 'nci lavi a testa o'scèccu, jètti l'acqua e u sapuni.
Chi lava la testa all'asino perde l'acqua e il sapone.
  • Si u sceccu non voli mi 'mbìvi, ambàtula che 'nci frìschi.
Se l'asino non vuol bere, è inutile che gli fischi.'
  • Si marzu si ncugna ti faci cadìri l'ugna.
Se marzo si inquieta, ti fa cadere le unghie (per il troppo freddo).
  • Si Missina ciangi, 'Riggiu no'riri.
Se Messina piange, Reggio non ride.
Allude alle disavventure sismiche delle due città dello stretto.
  • Si a jestima putiva, u cuteddu non sirbiva.
Se la bestemmia poteva, il coltello non serviva.
Se i malauguri potessero avverarsi, non servirebbe far nulla di fisico contro le persone oggetto del nostro odio o rabbia.

T[modifica]

  • Tira cchiù nu pilu i 'fimmina ca nu carru i 'boi.
Tira più un pelo pubico che un carro di buoi.
  • Tu pigghi pisci e 'ghiastìmi.
Tu prendi pesci e bestemmi.
Si dice delle persone che si lamentano sempre.

U[modifica]

  • U cacàtu 'ngjùria u pisciàtu.
Il cacato prende in giro il pisciato.
  • Variante: U boi 'nci rici curnutu o sceccu.
Il bue dà del cornuto all'asino.
Chi ha dei difetti sottolinea solo quelli degli altri.
  • U cani mùzz'ca sempri u'strazzàtu.
Il cane morde sempre lo straccione.
La sfortuna va da chi è già sfortunato.
  • U friddu i marzu trasi 'ntà li corna du 'boi.
Il freddo di marzo penetra fin dentro le corna del bue.
  • U fungiu trova sempri u cumpagnu.
Il fungo trova sempre il compagno.
Le persone, come i funghi, si ritrovano a stare solo con i loro simili.
  • U giustu morìu, e 'u fissa 'rrestau.
Il savio è morto, lo stolto è vivo.
  • U jabbu 'rriva e a'jastìma no.
Il gabbo arriva e la bestemmia no.
  • U lupu cangia pilu ma non cangia vìzziu.
Il lupo cambia il pelo ma non il vizio.
  • U cielu u ittau e a terra u cugghiu.
  • U Signùri mi 'ndi libbera du vedhanu 'rinisciùtu e d'u 'riccu mpoverùtu.
Che Dio ci aiuti dal povero arricchito come dal ricco impoverito.
  • U Signùri 'nci runa u pani a ccu no 'ndavi i renti.
Dio dà il pane a chi non ha i denti.
  • Ustu a ferraustu, capu d'mbernu.
Una volta arrivato ferragosto, l'inverno è prossimo.

V[modifica]

Z[modifica]

Scioglilingua[modifica]

Spesso e volentieri gli scioglilingua popolari hanno lo scopo di far dire involontariamente una parola volgare, generando ilarità come ad esempio l'analogo scioglilingua in italiano: "A portapalazzo c'è un cane pazzo. Tò, pazzo cane, sto pezzo di pane". Ecco alcuni esempi diffusi a Reggio Calabria:

  • Jendu e venèndu cuttùni cugghièndu, jìa e venìa cuttuni cugghìa.
Andando e tornando si raccoglie cotone, andando e tornando ho raccolto cotone.
  • Jàpri 'u stìpu e pìgghija u spìcchiu, posa u spìcchiu e chiùdi 'u stìpu.
Apri la credenza e prendi lo spicchio, posa lo spicchio e chiudi la credenza.
  • Tri sacchi stritti intra a tri stritti sacchi.
Tre sacchi stretti dendtro a tre stretti sacchi.
  • Mi tacchi u taccu? Ta ttaccu u taccu? E chi diventai l'attacca tacchi chi t'aiu ttacchari u taccu a tia?
Mi attacchi il tacco? Ti attacco il tacco? E che sono diventato il calzolaio che deve attaccarti il tacco?

Note[modifica]

  1. Pentola per le frittole.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]