Publio Terenzio Afro

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Publio Terenzio Afro

Publio Terenzio Afro, in latino Publius Terentius Afer (195 a.C. – 159 a.C.), commediografo romano.

Adelphoe (I fratelli)[modifica]

Incipit[modifica]

Storace! Questa notte Eschino non è tornata da pranzo, e così nessuno degli schiavetti che gli sono andati incontro. È proprio vero quel che dicono: se ti assenti, è meglio che si avverino gli accidenti che tua moglie ti manda.

Storax! — non rediit hac nocte a cena Aeschinus | neque servolorum quisquam, qui advorsum iverant. | Profecto hoc vere dicunt: si abis uspiam | aut ibi si cesses, evenire ea satius est | quae in te uxor dicit.

Citazioni[modifica]

  • O dei immortali, non vi è di peggio che un ignorante che non riconosce nulla giusto se non quello che piace a lui. (I, 2, 98-99)
  • La vera saggezza consiste non solo nel vedere ciò che ci sta davanti al naso, ma anche nel prevedere ciò che potrebbe accaderci. (III, 3)
  • Spesso ti accadrà di dire, quando due fanno la stessa cosa: Ciò che questi può fare impunemente, non è lecito all'altro. (V, 3, 827-828)
Duo quum idem faciunt, saepe ut possis dicere: | Hoc licet impune facere huic, illi non licet.

Andria (La ragazza di Andros)[modifica]

Incipit[modifica]

Massimo Rossi[modifica]

Simone. (entrando con Sosia e alcuni servi) Portate dentro codeste cose, voi, andate![1] (escono i servi) Sosia, tu aspetta un attimo; voglio parlarti un momentino.
Sosia. Fa' come se mi avessi già parlato; tanto vuoi dirmi di aver cura di questa roba, vero?
Simone. No, è un'altra cosa.
Sosia. Che cosa c'è, oltre a questo, che la mia ingegnosità possa fare per te?
Simone. Non c'è affatto bisogno di codesta ingegnosità per ciò che voglio fare io, ma di quelle doti che ho sempre saputo che tu possiedi, la fedeltà e la segretezza.
Sosia. Sono qui pronto ai tuoi desideri.

Simo. Vos istaec[2] intro auferte: abite. – Sosia, ades dum:[3] paucis te volo.
Sosia. dictum puta: nempe ut curentur recte haec?
Simo. immo aliud.
Sosia. quid est quod tibi mea ars efficere hoc possit amplius?
Simo. nil istac opus est arte ad hanc rem quam paro, sed eis quas semper in te intellexi sitas, fide et taciturnitate.
Sosia. exspecto quid velis.

[Publius Terentius Afer, La ragazza di Andros (Andria), traduzione di Massimo Rossi, Ugo Mursia Editore, Milano, 1996. ISBN 8842519995]

Luisa Bergalli[modifica]

Simone: Or via portate voi coteste cose là dentro in casa, andate su. Tu Sosia, sta qui, che ti ho da dir quattro parole.
Sosia: Fate conto, ch'io l'ho sentite. Voi volete, che si aggiustin quelle robe. Con istudio.
Simone: Eh, voglio altro.
Sosia: Deh, in che maggior facenda potete valervi del fatto mio?
Simone: Di questo fatto tuo non me ne accade in quel, che mi apparecchio di far: ma si di quella segretezza, e fedeltà, che so, che tu hai sempre avuta.
Sosia: Aspetto sentir ciò che voi vogliate.

[Terenzio, L'Andria, traduzione di Luisa Bergalli, appresso Cristoforo Zane, Venezia, 1735]

Citazioni[modifica]

  • L'ossequio ti genera amici, la verità odio. (68)
Obsequium amicos, veritas odium parit.
Amantium irae amoris integratio est.
  • Il mio prossimo per me è me stesso. (IV, I, 637)
Proximus sum egomet mihi.
  • Io sono Davo, non sono Edipo. (I, 3, 194[4])
Davus sum, non Oedipus.
  • Quando la mente è presa dal dubbio viene spinta qua e là da un impulso leggerissimo. (I, 5)

Eunuchus[modifica]

  • Non si dice cosa alcuna che non sia stata detta avanti. (prol., 41)
Nullum est jam dictum, quod non dictum sit prius.
  • È da saggi provare tutte le vie prima di arrivare alle armi. (789)
Omnia prius ecperiri quam armis sapientem decet.
  • Senza Cerere e Bacco, Venere è gelata. (IV, 6, 731)
Sine Cerere et Libero (non Baccho) friget Venus.

Heautontimoroumenos (Il punitore di se stesso)[modifica]

  • Sono un uomo e nulla di ciò che è umano mi è estraneo. (I, 1, 77[5])
Homo sum, humani nihil a me alienum puto.
  • Il tempo libera l'uomo dagli affanni. (422)
Diem adimere aegritudinem hominibus.
  • Nulla è tanto difficile che, a forza di cercare, non se ne possa venire a capo. (675)
Nil tam difficile est quin quaerendo investigari possiet.
  • Nullast tam facilis res quin difficilis siet, quam invitus facias. (818)
Non c'è niente di così facile che non diventi difficile quando si fa controvoglia.
Non vi è cosa tanto facile che non sia difficile se la si fa contro voglia.
Non c'è cosa di così facile che non diventi difficile se fatta contro voglia

Phormio[modifica]

  • La fortuna favorisce i forti. (I, 4, 203)
Fortes fortuna adjuvat.
  • Tanti uomini, tanti modi di pensare. (454)
Quot homines tot sententiae.
Senectus ipsa est morbus.

Note[modifica]

  1. Simone si rivolge ai servi che tornano dal mercato recando gli acquisti fatti in vista della celebrazione delle nozze di Panfilo.
  2. istaec: pron. dimostr. rafforzato con la particella epidittica -ce in forma apocopata. (da ista-i-ce), molto frequente negli autori arcaici. Qui è neutro plur.
  3. dum: è qui attestato l'antico significato avverbiale di "per un momento". Probabilmente la sua radice è quella del verbo durare.
  4. Citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921, p. 521.
  5. Citato in Françoise Waquet, Latino. L'impero di un segno (XVI-XX secolo), traduzione di Alessandro Serra, Feltrinelli, Milano, 2004, p. 293. ISBN 88-07-10370-2

Bibliografia[modifica]

  • Publius Terentius Afer, La ragazza di Andros (Andria), traduzione di Massimo Rossi, Ugo Mursia Editore, Milano, 1996. ISBN 8842519995
  • Terenzio, I fratelli, traduzione di Mario Scàndola, Rizzoli, 1951.
  • Terenzio, L'Andria, traduzione di Luisa Bergalli, appresso Cristoforo Zane, Venezia, 1735.

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]