Quarto potere

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Quarto potere

Immagine Citizen Kane-1.JPG.
Titolo originale Citizen Kane
Paese USA
Anno 1941
Genere drammatico
Regia Orson Welles
Sceneggiatura Orson Welles,
Herman J. Mankiewicz
Produttore Orson Welles, , RKO Pictures
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

Musiche: Bernard Herrmann, César Franck

  • Premio Oscar (1942) per la miglior sceneggiatura originale

Quarto potere, film statunitense del 1941 diretto e interpretato da Orson Welles.

Frasi[modifica]

Rosebud.[1]
  • Lei si preoccupa di quello che pensa la gente? Su questo argomento posso illuminarla, io sono un'autorità su come far pensare la gente. Ci sono i giornali per esempio, sono proprietario di molti giornali da New York a San Francisco. (Kane)
  • Ho avuto colloqui con tutti i capi delle grandi potenze [europee]: Inghilterra, Francia, Germania e Italia; sono troppo intelligenti per imbarcarsi in un'avventura [la seconda guerra mondiale] che segnerebbe la fine della nostra civiltà. (Kane)
  • Solo una persona può decidere il mio destino, e quella persona sono io. (Kane)
  • Sì, esatto, ho perso un milione di dollari lo scorso anno, perderò un milione di dollari quest'anno e conto di perdere un altro milione l'anno prossimo, di questo passo sarò costretto a chiudere il giornale... tra 60 anni. (Kane)
  • Quando si lotta è sempre così. (Kane)
  • La vita di un uomo non si può spiegare con una sola parola.
  • Sei anni fa guardavo la fotografia dei migliori giornalisti del mondo ed ero come un bambino di fronte ad una vetrina di dolci; oggi, sei anni dopo, ho ottenuto questi dolci, tutti quanti. (Charles Foster Kane)

Dialoghi[modifica]

  • Sei sempre in attività, ti muovi, costruisci, viaggi: ma per quale scopo?
    Semplice: cerco la mia giovinezza.
  • Susan Alexander: ...La gente penserà...
    Charles Kane: ...Solo quello che voglio io.

Citazioni su Quarto potere[modifica]

  • Appartengo a una generazione di cineasti che hanno deciso di fare film avendo visto Quarto potere. (François Truffaut)
  • Il film appare subito come qualcosa di incommensurabile, tanta è la sua portata e la sua novità, summa della tecnica cinematografica, laboratorio di nuove sperimentazioni, tragedia shakespeariana avvolta in atmosfere dell'assurdo e nel vuoto esistenziale. Il significato del film è ancora più complesso. La personalità di Kane è misteriosa nella sua linearità: un idealista? un approfittatore? un megalomane? Perché ci teneva tanto che la moglie diventasse una star? Un egoista incapace di amare? Perché costruì la finzione del giornale? Perché costruì la finzione della moglie star? Perché la finzione di Xanadu? "Rosebud" rimane un mistero, e tale rimane la personalità di Kane, e anche la congettura che il primo spiegherebbe la seconda. Forse non esisteva nessun movente, e nessun significato. O forse quell'informazione da sola non sarebbe servita a nulla. Il vero senso del film sta nella "ricerca del significato", più che nel significato in sé, una potente metafora della condizione umana. La risposta a questa ricerca sta nel cartello NO-TRESPASSING. Ma Kane "non ha significato": è un uomo senza principi e senza personalità. Kane è soltanto l'insieme dei propri gesti e delle proprie parole, che non hanno altro significato che quello di essere i suoi gesti e le sue parole. Esattamente come il grande ammasso di oggetti nel castello di Xanadu, che non fornisce altra personalità al castello che quella di essere un ammasso disordinato di oggetti. Kane riduce tutto e tutti ad oggetti: perciò è incapace di comunicare emozioni. Kane è inutile; e non a caso il suo ruolo nel film è trascurabile, fa soltanto da tema di discussione per i protagonisti, che sono i narratori e il giornalista. (Piero Scaruffi)
  • Lo sa su quale dei miei film ho avuto il controllo totale? Quarto potere. La produzione lo avrebbe bruciato ma nessuno è riuscito a toccare neanche un fotogramma. (Orson Wells, Ed Wood)

Note[modifica]

  1. Dopo un sondaggio tenuto negli USA nel 2005 dall'American Film Institute, che è andato a comporre l'AFI 100's years... 100 movie quotes, questa citazione è stata inserita al 17° posto nella classifica delle cento battute più celebri della storia del cinema.

Altri progetti[modifica]