Rain Man - L'uomo della pioggia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Rain Man - L'uomo della pioggia

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Rain Man
Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1988
Genere drammatico
Regia Barry Levinson
Soggetto Barry Morrow
Sceneggiatura Ronald Bass, Barry Morrow
Produttore Mark Johnson
Attori
Note
  • Vincitore di 4 Premi Oscar (1989):
    • Miglior film
    • Miglior regia
    • Miglior attore protagonista (Dustin Hoffman)
    • Migliore sceneggiatura originale

Rain Man – L'uomo della pioggia, film del 1988 diretto da Barry Levinson.

Frasi[modifica]

  • Sono un ottimo guidatore. (Raymond Babbit)
  • 97 X. Bang! Il futuro del Rock 'n Roll. (Raymond Babbit)
  • Non ne posso più. (Charlie Babbit, stufo di Raymond)
  • Oh oh, 15 minuti a Wapner. (Raymond Babbit)
  • Allora eri tu l'Uomo della Pioggia. (Charlie Babbit a Raymond)

Dialoghi[modifica]

  • Susanna: Sei un egoista! Stai sfruttando Raymond, stai sfruttando me, chiunque ti serva!
    Charlie: Sto sfruttando Raymond?! Raymond, ti sto sfruttando?! Ti sfrutto, Raymond?!
    Raymond: Sì.
    Charlie: Piantala! Sta rispondendo a una domanda che gli ho fatto mezz'ora prima!
  • [Dopo che sono caduti gli stuzzica-denti per terra]Raymond: Ci sono 246 stuzzica-denti per terra.
    Charlie [alla cameriera]: Ah, lui si ricorda le cose a memoria. Scusi, ma quanti stuzzica-denti c'erano nella scatola?
    Cameriera: 250.
    Charlie: Ci sei andato vicino, Ray. Andiamo.
    Cameriera: Qui ne sono rimasti 4.
  • Raymond: Queste non sono le mie mutande, assolutamente non ho addosso le mie mutande.
    Charlie: Di che stai parlando? Te ne ho dato un paio un'ora fa.
    Raymond: Queste non sono le mie mutande.
    Charlie: Ti avevo detto di andare in bagno a metterle. Dove sono?
    Raymond: Questi non sono i miei boxer. Sui miei boxer c'è scritto il mio nome. Queste sono Ennes 32. Ennes 32...
    Charlie: Va bene, d'accordo, appena troviamo un negozio compriamo un paio di boxer.
    Raymond: Certo, io compro i miei boxer da K-Mart a Cincinnati.
    Charlie: Noi non torniamo a Cincinnati, Ray, cerca di smetterla.
    Raymond: 400 Hoc Street.
    Charlie: Non torniamo a Cincinnati, non c'è bisogno di andare a Cincinnati a comprare i boxer.
    Raymond: Si trovano a Hoc Burnett a Cincinnati.
    Charlie: Che ti ho detto, Ray? Tu mi senti, lo so che mi senti.
    Raymond: I miei boxer col mio nome.
    Charlie: Non mi freghi più con le tue cazzate.
    Raymond: Queste mutande sono troppo strette.
    Charlie: Ray, non hai sentito che cosa ho detto, cazzo?!? Falla finita!
    Raymond: Sì... Cincinnati è molto distante da qui. Ci stiamo allontanando sempre più da K-Mart.
    Charlie: Non c'è bisogno che tu vada a Cincinnati a comprare le mutande da K-Mart.
    Raymond: C'è bisogno che vada da K-Mart, 400 Hoc Street.
    Charlie: Raymond, non andremo a Cincinnati punto e basta.
    Raymond: Ma io...
    Charlie: Raymond, ho detto basta, non hai sentito?!
    Raymond: Se resto senza, poi come...
    Charlie [frena di scatto e scende dalla macchina]: Al diavolo! Al diavolo! Sto diventando pazzo. Sto diventando pazzo! Ma che differenza fa?! che differenza fa dove vai a comprare le tue benedette mutande?!? Si può sapere che differenza fa?! Le mutande sono sempre mutande! Sono mutande in qualunque posto le compri! A Cincinnati o chissà dove!
    Raymond: I miei boxer da K-Mart.
    Charlie: Lo sai che penso?! Sai cosa penso, Ray?! Penso che il tuo autismo sia tutta una cazzata! Non venirmi a raccontare che ti manca davvero una rotella!
    Raymond: I miei boxer...
  • Dottore: Raymond? Sai cos'è l'autismo?
    Raymond: Sì.
    Dottore: E tu sei autistico?
    Raymond: ...Non credo. No. Assolutamente no.

Altri progetti[modifica]