Resident Evil Rebirth

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Resident Evil Rebirth (バイオハザード, Biohazard), videogioco horror sviluppato da Capcom nel 2002.

Jill Valentine[modifica]

  • Capitano Wesker, Chris dov'è?
  • Ma, Chris sta...
  • E questo che è?
  • Barry! [indica uno zombie]
  • Attento! È un mostro!
  • Kennet... pure lui è stato ucciso. Da questa creatura, forse?
  • Comunque sia, rapportiamo a Wesker.
  • Bene, proverò dalla porta opposta.
  • [Dopo aver ricevuto il grimaldello da Barry] Grazie, potrebbe servire.
  • [Dopo aver chiesto a Barry se ha scoperto qualche indizio] No. Ma qualcosa non quadra nella casa.
  • Va bene, separiamoci nuovamente.
  • [Dopo aver sentito Barry dirle di aver trovato qualcosa] Cioè?
  • E tu, Barry?
  • Grazie. Lo terrò io, allora.
  • [Il tetto inizia ad abbassarsi] Hey, che succede? [sente Barry fuori] Barry? Aiutami! La porta non si apre! Svelto!
  • Oh, Barry!
  • [ride] Esattoo. Barry, grazie per avermi salvato. Ma, Barry, non mi hai detto di esserti diretto nella sala da pranzo per svolgere delle ricerche? Perché sei qui, allora?
  • Grazie, Barry.
  • C-ciao Barry. Sentivo qualcuno parlare.
  • Parli a te stesso? Barry, hai problemi? Ti sento strano.
  • [È afferrata da una pianta semovente] Barry! [Dopo l'incenerimento della pianta da parte di Barry] Mi hai salvata! A momenti ero stecchita! Grazie, Barry.
  • Non devi dirigerti lì attraverso il primo piano, Barry?
  • È atroce!

Barry Burton[modifica]

  • [entra nella magione] Ma che?
  • [sente qualcosa] Cos'è?
  • [dopo l'ordine di Wesker di dirigersi a controllare la fonte del rumore] Ti accompagno. Chris è uno di noi, lo sai bene.
  • [entra nella sala da pranzo] Una sala da pranzo...
  • [vede sangua sul pavimento] E questo? Sangue?
  • Sangue... Jill, prendine un campione. Lo dobbiamo esaminare. Speriamo non appartenga a Chris.
  • [vede uno zombie] Che il cielo mi...!
  • Occupiamocene! [uccide lo zombi] Ma che essere è questo?
  • Non serve a niente: dividiamoci per cercarlo. Controllo nuovamente la sala da pranzo...
  • Questa magione è enorme. Potremmo perderci. Iniziamo a controllare il primo piano, d'accordo?
  • E, Jill... un grimaldello. Potrebbe esserti d'aiuto se tu, maestra dello scassinaggio, lo porti con te.
  • Ascolta: succeda qualcosa, ci riuniamo nella sala centrale. Ci sarò questa volta.
  • Jill? Come va?! Trovato indizi?!
  • Woah! Questa sala è pericolosa! Meglio assicurarci una via di salvezza prima.
  • Un momento! Ho trovato qualcosa.
  • È assai potente. Contro gli esseri viventi in particolare. [lo ripone nella mano di Jill] Meglio se lo porti appresso.
  • Ho con me questa. [mostra a Jill il suo revolver magnum cal.44]
  • [ascolta Jill piangere da una stanza serrata] Jill? Sei tu? Che è successo?
  • Scansati, Jill! Abbatterò la porta! [sfonda la porta con una poderosa piedata] Svelta! Di qua!
  • Era assai vicino. Eri quasi un panino all'aroma di Jill.
  • Er... Dovevo solo controllare un paio di sviste, niente di più. Torniamo a cercare il capitano e Chris.
  • Eggià.
  • Ciao, Jill. [Jill gli rivela di aver sentito qualcuno parlare] Ah!, lo hai sentito pure tu. Penso di invecchiare precocemente. Parlare da solo mi quieta.
  • Beh, sembra ti sia preoccupata. Evita. Da quando questo fenomeno è iniziato, mi sento tutto incriccato.
  • Tanto meglio uscire e ispirare aria fresca. Giusto per.
  • Tranquilla, vado giusto per una boccata d'aria fresca. Nessun mostro mi ucciderà.
  • [vede una pianta semovente orribile] Che è quella porcheria?
  • Che mostro. Incredibile. Ma che abominio – che posto è questo?
  • [sfodera la pistola] Jill! [ride] Non mi spaventare più.
  • Sì, è così. Ma guarda qua. Oh, DIO! È Forrest!
  • Vado ad analizzare meglio la morte di Forrest. Sembra sia stato beccato a morte da un corvo.
  • Riesci a vedere attorno al piano, Jill?
  • Hey Jill, questa era di Forrest. Ora a lui non gli serve più. [le pone la pistola]
  • Non ci credo...

Chris Redfield[modifica]

  • Rebecca! Sei salva. Sono contento. Non andar via così mai più.
  • Non lavorerei mai per la Umbrella. E tu, Wesker, da quando eri un agente dell'Umbrella? Ridicolo. Un ex-agente dell'Umbrella e membri traditori della S.T.A.R.S. assieme...
  • Li hai uccisi te medesimo!
  • [ride] Wesker, sei pietoso.
  • [Dopo l'uccisione di Wesker dal Tyrant] Non puoi uccidermi!
  • [parlando di Wesker] Dorme con il suo fallimento.
  • Svelti! Voglio andarmene da qui.
  • NO! NON ANDARE! [alza la mano in aria] [Durante l'introduzione, quando l'Elicottero S.T.A.R.S. vola via] (1996 PlayStation)
  • Brad! Dove diavolo sta andando? [Durante l'introduzione, quando l'Elicottero S.T.A.R.S. vola via] (2002 GameCube)

Albert Wesker[modifica]

  • Wow, che magione! (1996 PlayStation)
  • Non è una casa ordinaria. Di certo. (2002 GameCube)
  • Fermo. Non aprire quella porta. (1996 PlayStation)
  • Jill, no! Non vorrai tornare qui dietro... (2002 GameCube)
  • [Dopo essere allertato da un rumore] Che sia... Chris?
  • Ora, Jill, andresti?
  • Bene, lasciami provare! In guardia!
  • Chris, come mio sottoposto, sei capace.
  • No, ti sbagli. Prima ero al servizio dell'Umbrella, ma ora sono pronto a tutto. Anche eliminare i vigilante della S.T.A.R.S. (1996 PlayStation)
  • Di che parli. Sono stato con la Umbrella. E la S.T.A.R.S. è sempre stata al servizio dell'Umbrella... No... Direi... i miei porcellini fedeli. (2002 GameCube)
  • Sì, così! [spara a Rebecca]
  • Non muoverti. Se ti muovi, ti ammazzo.
  • Chris, ho qualcosa da mostrarti.
  • Esatto, this è la forma di vita perfetta: il Tyrant!
  • Chris? [Chris gli ride addosso] Smettila! (1996 PlayStation)
  • Al diavolo! Jill ti ci accompagnerà. (1996 PlayStation)
  • Ahahahahaha! Hurk! Jill e Barry. Insieme... all'inferno! (2002 GameCube)
  • [Tyrant gli si avvicina] Ma che? Non di qua! [infilzato dal Tyrant] Noooooo! [falsa morte] (1996 PlayStation)
  • Che? Prematuro... [infilzato dal Tyrant e falsa morte] (2002 GameCube)
  • Lo devi adorare, quel Barry. Ha una paura terribile della Umbrella.

Dialoghi[modifica]

  • Barry: Dev'esserci una porta, da qualche parte. Troviamola.
    Jill: Va bene; separiamoci ancora.
    Barry: Un attimo. Ho trovato un oggetto.
    Jill: Sarebbe?
    Barry: Un'arma! E potente. Specialmente contro gli esseri viventi. [Mantiene la sua revolver magnum cal.44]
    Jill: E come ti difendi tu, Barry?
    Barry: Ho questa! [Si riferisce alla Beretta 92F modificata per sparare cartucce cal.44]
    Jill: [Ridacchia] Bene, la prendo volentieri allora.
  • Jill: Wesker! [Barry mira alla tempia di Jill]
    Wesker: Grazie, Barry.
    Jill: Allora, quanto sei informato sulla situazione?
    Wesker: Oh, innanzitutto non biasimare Barry per la sua decisione. Ho sentito da un uccellino del rischio per la sua dolce consorte e le sue amabili figliole se non obbedisce ai miei ordini. [inizia a digitare]
    Jill: Wesker, sei patetico.
    Wesker: Non è un problema tuo, comunque, cara. Sarà libera da questo fardello prima di tutti.
    Jill: Perché eliminare la S.T.A.R.S?
    Wesker: Credici o meno, è intenzione dell'Umbrella.
    Jill: Sei un servo pedissequo dell'Umbrella.
    Wesker: Brava ragazza. Sei preparata. [smette di digitare] A nulla servono le tue lamentele. Brucerò tutto questo assieme al laboratorio. [mira a Jill con la pistola]. Barry, sali sopra e aspetta lì.
    [Barry lascia la stanza]
    Jill: Barry...
    Wesker: Lo devi amare, quel Barry. È tanto impaurito dall'Umbrella.
    Jill: Tu e l'Umbrella gli avete rovinato la famiglia. Bastardo!
    [Wesker colpisce Jill e questa cade al suolo]
    Wesker: Umbrella? Ho utilizzato il sistema del bastone e della carota con lui, ma l'Umbrella non è coinvolta. Ho solo soggiogato Barry per i miei scopi. Sebbene entrambi pensavate stessi seguendo gli ordini dell'Umbrella.
    Jill: Scopi? Di che parli?!
    Wesker: Penso sia giunto il momento del gran finale.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]