Robert Walser

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Robert Walser

Robert Walser (1878 – 1956), scrittore svizzero.

  • L'indossare calzoni presentava il vantaggio che le donne ponevano spirito e lingua nel proprio passo, il quale, nascosto sotto la gonna, si sente meno osservato e giudicato. (da Storie, Adelphi, 2008)
  • Quelli che ubbidiscono sono per lo più la copia perfetta di quelli che comandano.[1]

Incipit di alcune opere[modifica]

I fratelli Tanner[modifica]

Una mattina, un giovane che sembrava quasi un ragazzo entrò in una libreria e chiese di essere presentato al padrone. Fecero come desiderava. Il libraio, un vecchio dall'aspetto venerando, fissò severamente il giovane un po' intimidito, in piedi davanti a lui, e lo invitò a parlare. "Voglio fare il libraio," disse il giovane principiante "ne ho un grande desiderio e non so cosa potrebbe trattenermi dal mettere in atto il mio proposito."

L'assistente[modifica]

Una mattina alle otto un giovane si fermò davanti alla porta di una casa isolata dall'aspetto elegante. Pioveva. "Quasi mi meraviglio, pensò colui, di avere con me un ombrello". Negli anni passati non aveva mai posseduto un ombrello. Col braccio teso in giù reggeva una valigia marrone, di quelle da poco prezzo. Davanti agli occhi dell'uomo che doveva essere arrivato da un viaggio c'era una targa di smalto sulla quale si leggeva: "C. Tobler, Ufficio Tecnico". Quello aspettò ancora un istante come per riflettere su qualcosa che certamente non aveva importanza, poi premette il bottone del campanello elettrico, dopo di che arrivò una donna, una domestica evidentemente, per farlo entrare.

Jakob von Gunten[modifica]

Qui si impara ben poco, c'è mancanza di insegnanti, e noi ragazzi dell'Istituto Benjamenta non riusciremo a nulla, in altre parole, nella nostra vita futura saremo tutti qualcosa di molto piccolo e subordinato.

Note[modifica]

  1. Citato in Focus, n. 49, pag. 114

Bibliografia[modifica]

  • Robert Walser, I fratelli Tanner, traduzione di Vittoria Rovelli Rubert, Adelphi.
  • Robert Walser, L'assistente, traduzione di Ervino Pocar, Einaudi.
  • Robert Walser, Jakob von Gunten, traduzione di Emilio Castellani, Adelphi.

Altri progetti[modifica]