Romanzo criminale - La serie (seconda stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

1leftarrow.pngVoce principale: Romanzo criminale - La serie.

Romanzo Criminale, seconda stagione.

Tagline
Quando cade un re, la Terra trema!

Episodio 1[modifica]

Frasi[modifica]

  • [A Patrizia] Io te svejo all'alba perché devi di' all'amico tuo frocio de rimedia' un vestito pe'l Libanese! E guarda che nun dev'esse un vestito quarsiasi, il Libanese se ne deve anna' cor mejo! (Dandi)
  • Dico che stamo a pensa' troppo a quello che volemo noi e poco a quello che avrebbe voluto er Libanese. Lui voleva fa sta bene a madre, falla sta come 'na gran signora, ecco che voleva! Invece j'è morto sotto casa... (Dandi)
  • [Al Sostituto Procuratore Borgia, riferito ai fratelli Gemito] I testimoni hanno parlato di due assassini su una moto, due come loro e poi il Ricotta ci ha dato un movente: Maurizio Gemito avrebbe giocato con il Libanese una partita a poker la sera dell'omicidio. Il Libano perde ma non vuole pagare e lo umilia di fronte a tutti. Se vogliamo incastrare la banda, se vogliamo capire i rapporti che hanno con i Servizi Segreti, ci serve qualcuno che parli, qualcuno che tradisca e quei due sono traditori di professione. Se riusciamo ad incastrarli per la morte del Libanese, con la paura addosso vedrà che parleranno. Me li faccia fermare, procuratore! Se perdiamo altro tempo e ho ragione, la banda li troverà prima di noi e allora rischiamo di trovarli cadavere. (Scialoja)
  • [A Nembo Kid,[1] che voleva proporre un affare alla banda] Un affare? Je puoi dire 'na cosa a Zio Carlo e dije di sentirla bene: il Libanese è morto, quarcuno lo ha ammazzato e ar paese mio il sangue si ripaga solo col sangue. Fino a allora, niente affari e niente cazzate! (Freddo)
  • A Fre', parlamose chiaro... Pure tu te stai a fa' li cazzi tua e nun vedi l'ora d'annattene co' Roberta... Si ce tenevi tanto al Libano, potevi rimane'! (Ruggero Buffoni)
  • [A Canton, riferito al cadavere di Beato Porco[2]] Questa è l'eredità del Libanese, siamo solo agli inizi! (Scialoja)
  • [A Scialoja] Non c'è nessun noi! Io sono una puttana, tu un poliziotto, per cui o mi interroghi o non ho niente da dirti... (Patrizia)

Dialoghi[modifica]

  • Bufalo [All'inizio della serie, in un flashback in cui i protagonisti sono bambini] : Perché m'avete aiutato? Manco se conoscemo...
    Dandi: Nun me guarda' a me perché me lo chiedo pure io!
    Libanese: Perché il Pomata c'ha 'sto brutto vizio di pijarsela con quelli più piccoli e a me me sta sur cazzo!
    Bufalo: Comunque 'sto Pomata sarà pure stronzo, ma mo che me becca da solo me fa lo scalpo!
    Libanese: No, perché mo tu non sei più solo, mo semo tre! Comunque io so' Pietro ma me chiamano tutti il Libanese!
    Dandi: Io so' Mario, Mario De Angelis.
    Bufalo: Io so' Claudio.
    Libanese: Ma se se tratta de mena', tu non te tiri indietro, no?
    Bufalo: Piuttosto moro!
    Libanese: Infatti si vede, da come lotti sembri proprio un bufalo!
  • Freddo: Hai ripulito tutto?
    Puma: Questi so' ji ultimi, non ce sta' più un cazzo! Vuo' un consijo, Fre'? Passa a casa, fa' e valigge, pija a tu' ragazza e vattene!
    Freddo: Ma prima devo capì chi ha tirato er grilletto e resistuije cortesia!
    Puma: Dopo c'ai fatto c'ai risorto?
    Freddo: Allora mi chiamo fuori!
    Puma: No, è qui che te sbaji, a Fre'! O te chiami fuori mo oppure qui ce rimani 'na vita!
  • Scialoja [Interrogando uno alla volta i vari membri della banda sulla morte del Libanese]: Tre proiettili al petto e uno in testa. È così che hanno ammazzato il tuo amico! Non le guardi le foto?
    Dandi: Il Libanese morto l'ho già visto, commissa', lo sapemo tutti e due... Quindi famola breve.
    Scialoja: Non hai niente da dire?
    Bufalo: E che te devo di'?
    Scialoja: Chi ha ammazzato il Libanese.
    Bufalo: E si 'o sapevo nun stavo qua a chiacchiera' co' te! Fidate...
    Scialoja: Infatti non pensavo che fossi a Roma, pensavo fossi partito...
    Freddo: Invece so' rimasto!
    Scialoja: Perché? Per vendicare Proietti?
    Freddo: No, pe' dirgli addio!
  • Patrizia: L'hai fatto con rabbia...
    Dandi: Perché, quanno t'ammazzano n'amico, che devi prova'?
    Patrizia: A che pensi?
    Dandi: Che il Libanese aveva preso 'na brutta piega, ma nun se meritava de mori' così...
  • Dandi : A che devo 'a visita?
    Nembo Kid[1]: Sarto 'e condojanze, vengo subito al sodo! Morto un capo se ne fa sempre n'antro, giusto? E ma pare che da e parti vostre i re s'eleggono da soli...
    Dandi: A Nembo, nun me parla' d'enigmi che nun è giornata, che me stai a di'?
    Nembo Kid: Che il Freddo ha già deciso chi comanda e non sei tu!
  • Freddo: Se pò sape' che c'era de così urgente?
    Dandi: Così adesso decidi da solo...
    Freddo: Ma 'e che stai a parla'?
    Dandi: De zio Carlo! M'hanno detto che hai parlato pe' due, però a me me pare che nun m'hai chiesto proprio 'n cazzo!
    Freddo: Nun me piace che pija, ariva e me comanna a bacchetta, va bene? Come nun me piace chi entra in casa dell' amici e la mette sottosopra...
    Dandi: De che parli?
    Freddo: De casa der Libanese! Quarcuno ha pensato de entra' e fa spari' tutto quello che c'era dentro!
    Dandi: E quanno cazzo pensavi de dimmelo?
    Freddo: Quanno Dandi er solitario se decide a fini' er ritiro!
    Dandi: Ma parli te, parli? Che 'n artro po' te presenti davanti ar cadavere del Libanese cor bijetto e co 'a valigia? Dimme 'na cosa, Fre', perché sei rimasto? Che, niente niente voi pija' er posto der Libanese?
    Freddo: Io nun vojo un cazzo! Soprattutto perché er posto der Libanese no 'o può pija' nessuno...
    Dandi: Be', c'è quarcuno che nu' la pensa' come te e si 'o voi sape' 'sto quarcuno er posto me l'ha offerto prima a me!
    Freddo: Ma che cazzo stai a di'?
    Dandi: M'hanno chiesto de sdraia' er Libano e de guida' 'sta baracca!
    Freddo: Chi?
    Dandi: L'amici tua... Sergio e Ruggero Buffoni che guarda caso so' i primi che hanno acceso i fari sui Gemito...
    Freddo: Ando' vo' ariva'?
    Dandi: Che m'è pijato 'n dubbio... Stamo tanto in giro a sbattese pe' capi' chi ha ammazzato er Libanese... E si fosse stato uno d'a banda a tira' er grilletto?
  • Beato Porco[2]: Dice che era il re de' Roma, è cascato ar primo colpo che me pareva 'na pera cotta, me pareva... Sto cojone! Che poi l'amici sua, quei quattro buiaccari, stavano là a guardallo come poveri stronzi! 'O sapete che c'è? Che si quello era e' re de Roma, allora portateme a corona perché io so' 'mperatore!
    Bufalo: Insomma j' avresti sparato tu?
    Beato Porco: Certo, che te pensi che sto a racconta' fregnacce?
    Bufalo: Ah no, eh?
    Beato Porco: No, bello! Ma perché voi chi cazzo sete?
    Bufalo: E noi semo i buiaccari, i poveri stronzi dell'amici sua...
    Uomo: A rega', ma che je state a crede'? Ma che nun vedete che questo nun se regge manco 'n piedi?
    Bufalo: 'O vedo, 'o vedo! [Sparandogli una pallottola in testa e ammazzandolo al primo colpo]
    Fierolocchio: Oh, ma che cazzo hai fatto?
    Scriocchiazeppi: Ma che cazzo te dice il cervello a te, eh?
    Bufalo: Il Libanese non lo doveva manco nomina' e nu' lo deve nomina' nessuno!
  • Mamma Libanese: N'i vojo! Non vojo niente! Se sei venuto pe' dimme questo te ne puoi pure anna'...
    Dandi: Aspetta, aspetta Mari'! Pietro se merita er funerale più bello de Roma! Tu dimme de sì e ce penso a tutto io...
    Mamma Libanese: Pietro c'avrà il funerale che je posso da' io, su' madre!
    Bufalo: A Mari', ma che sta' a di'? Il Libanese mica era uno come all'artri?
    Mamma Libanese: Come ve ce riempite a bocca de tutte 'ste cazzate che ve sete messi in testa... La verità è una sola: se mi' fijo era uno come l'artri nu' stavo qui a piagne'! Ce l'avevo come l'artri, ma vivo! A quelli je pò pure da' foco... [Riferita ai soldi che Dandi e Bufalo aveva portato per lei e chiude la porta]
    Bufalo: E vorrà di' che j'o famo noi er funerale!
    Dandi: Nun potemo fa gnente senza de lei: è 'a madre!
    Bufalo: E che 'o vo' fa seppelli' come 'n poveraccio? Ar Libanese?
    Dandi: Nun potemo fa' gnente, Bu'!
    Bufalo: Sete 'na manica de teste de cazzo!
  • Freddo [Il Bufalo ha rubato dall'obitorio la bara del Libanese] : Ma come cazzo t'è venuto in mente, Bu'?
    Bufalo: Lo vojo seppelli' come se deve, resterà 'n imperatore! E a voi nun ve ne frega 'n cazzo! Manco a te te ne frega 'n cazzo!
    Freddo: E secondo te io me ne starei qua si nun me ne fregasse un cazzo?
    Bufalo: Lo vojo solo seppelli' come se merita, Fre'!
    Freddo: Sta vorta nu 'o potemo decide da soli, Bu'! Sta vorta, no!
    Dandi: Però 'na cosa la potemo fa, lo potemo saluta' come piaceva a lui...
    Freddo: E allora chiama a l'artri, se famo l'urtimo giro cor Libano!
  • Zeta: Ci sono tutti i vertici dei servizi in questa P2 [3] Non manca nessuno...
    Il Vecchio: Proprio tutti non direi! E comunque la lista è incompleta: qualcuno ha sottratto dei fogli, qualcuno tanto potente da far sparire i propri nomi! [Cambiando discorso] Dunque la banda ha sparato a due persone che non centravano niente? È arrivato il momento di consegnargli Gemito prima che facciano altri danni. Ci aiuterà ad alleggerire la nostra agenda...
  • Bufalo [Con un brindisi] : Al Libanese che c'ha levato a tutti da'a strada pe' mostracce er Paradiso!
    Scrocchiazeppi: Ma lui c'è arivato prima de noi!
    Freddo: Er Libano è sempre stato avanti... Ar Libano!
  • Nembo Kid : Aoh, ma che te sei messo in testa? De di' de no a Zio Carlo?
    Dandi: Nun c'ho er tempo pe' faje i favori!
    Nembo Kid: E che vo' fini' seppellito da poraccio come er Libanese?
    Dandi: Che cazzo centra er Libanese?
    Nembo Kid: C'entra, perché er Libanese ha fatto 'e scelte sbajate. E si mo tu sceji 'a cosa giusta, vivi e mori da re! Aricordatelo...

Episodio 2[modifica]

Frasi[modifica]

  • [Guardando il telegiornale] Quanto 'a stanno a fa' lunga, aoh! Ma 'n finale 'sti massoni chi so'? Ladri comm' a noi, solo che c'hanno er cappuccio! (Sergio Buffoni)
  • [Al padre del Libanese] Ma io dico il Libanese com'ha fatto a veni' fuori da 'na merda come te? (Dandi)
  • Da quando è morto il Libano, s'è tutto come fermato... Io coro, me giro, me 'ncazzo, ma non vado da nessuna parte, sto fermo... Io più me movo e più sto fermo. (Dandi)
  • [Al Freddo] Non vuoi che je vendo la robba? Va bene, te faccio 'sto favore! Ma se tuo fratello se fa, è un problema tuo, non mio! Per me so' solo affari! (Donatella[4])
  • [Al Sardo[5]] Noi seguimo l'insegnamento de la Bibbia: è mejo Eva der serpente! La prossima volta tieni la merda tua lontana dalle zone nostre, perché se no, tu da qua dentro ce esci a piedi davanti! (Freddo)
  • [Al Dandi, in una sua allucinazione] Mo che sei fermo che vedi? Brutto scopri' chi sei, eh? (Libanese)

Dialoghi[modifica]

  • Sergio Buffoni: Dimme 'n pò. Ma che cazzo sta a fa' er Freddo?
    Ruggero Buffoni: Cazzi de famija, me sa'. Pare che 'a donna 'a salutato.
    Sergio Buffoni: Pe' questo avanza tutta 'sta pasta.
  • Sardo : È sempre così, so' i migliori che se ne vanno. Io avrei fatto volentieri anche un salto al funerale...
    Freddo: A te del Libanese non te n'è mai fregato un cazzo quindi dicce quello che voi e famola finita!
    Sardo: Voglio 'a zona sua, Trastevere, ve la guardo io nel frattempo che voi sbrigate affari più importanti, che mi pare v' stann' a fa' passa' nu guaj, no?
    Dandi: Hai sentito, la guarda lui dice...
    Freddo: Allora facciamo così, noi prima sistemamo ji affari nostri e poi te famo sape'!
    Sardo: We ragazzi, ma chi v' cr'rit r'ess? Ah?
    Dandi: Quelli che già t'hanno messo 'n riga 'na volta! Quindi vedi de fartela basta'!
  • Scialoja [mostrando le foto del cadavere di Remo Gemito]: Non ammiri il tuo lavoro? Dov'eri ieri alle quattro?
    Freddo: A casa da solo!
    Scialoja: Peccato che un testimone t'ha visto alla sala corse del Quarticciolo...
    Freddo: Gente co' la faccia come la mia ne gira parecchia e de cecati pure de più!
    Scialoja: Sì, ma questo ci vedeva bene e ti ha riconosciuto mentre uscivi dalla sala corse, dopo avere ammazzato Gemito. Stavolta sei fregato, Soleri, adesso parla...
    Freddo: E parlo, sì, parlo! Appunta', metta a verbale: Soleri Fabrizio dichiara che si è rotto li cojoni! È la quarta volta che mi arrestate senza averce un cazzo in mano, sembrate du' mosche c'annate a sbatte' contro 'na lampadina accesa... Ti-ti Ti-ti... E daje!
  • Freddo [riferito al fratello]: Che cazzo ce sta a fa' dentro?
    Scialoja: Spaccio! Girava con cinque grammi di eroina.
    Freddo: E tu cinque grammi me li chiami spaccio?
    Scialoja: Li chiamo prevenzione! Non varrai mica che cresca come te?
    Freddo: È pulito Gigio, nun lo puoi tene' dentro...
    Scialoja: E perché no? Un po' di galera lo terrà soltanto lontano dalla roba. E poi di cos'hai paura? Nessuno alzerà un dito contro il fratello del Freddo... Oddio! Anche se in galera, qualche balordo che non sta ai patti, si trova sempre!
    Freddo: Sei proprio 'na mosca! Ando' passi te c'è solo puzza de' merda!
  • Freddo [Entrando con rabbia nell'ufficio di Scialoja e scaraventando a terra ciò che c'era sulla scrivania]: E mo arestame, stronzo!
    Scialoja: Lasciatelo! Lasciatelo! Se vuoi aiutare tuo fratello, devi consegnarmi la banda!
    Freddo: Fai schifo! Sei bono solo a gioca' co' la pelle de li innocenti!
    Scialoja: Non sono mica io quello che si è fatto tirare fuori dalla fidanzatina... [Freddo tenta di capovolgere la scrivania] Siete alla frutta, Soleri! Sparate a gente che non centra niente, non siete più in grado di controllare il carcere: la banda è finita! Buttatelo fuori!
  • Freddo [Riferito al registratore che gli ha trovato addosso]: È pe' questo che t'hanno fatto usci'?
    Gigio: Si stavo a aspetta' te...
    Freddo: T'avrei tirato fuori, te dovevi fida'!
    Gigio: E quando? Quelli sarebbero arrivati stanotte e m'avrebbero ammazzato!
    Freddo: Così m'hai venduto a quella merda de Scialoja...
    Gigio: Ma io che dovevo fa'? M'avrebbero ammazzato, Fre'! Tu non hai fatto un cazzo!
    Freddo: Vabè, in fondo sei ancora vivo, no? Te ne puoi anna' dove te pare... Ma non te fa vede' più in giro, non te fa vede' più in giro, perché da oggi tu per me non conti più un cazzo!
  • Dandi: Il padre del Libanese s'era ridotto a fa' ir tombarolo a casa der fijo...
    Freddo: Che schifo!
    Dandi: Pe' fortuna che io un padre non ce l'ho più!
    Freddo: Fortunato du' vorte! Che n'c'hai manco 'n fratello!
    Dandi: Gigio come sta? M'hanno detto che è uscito...
    Freddo: È uscito e se n'è pure andato! Lo sai che c'è? È proprio brutto quando non sai chi c'hai davanti...
  • Freddo: Grazie pe' esse venuta.
    Roberta: Ho soltanto un minuto, poi devo andare.
    Freddo: Solo un minuto te basta pe' liquidamme? [Roberta fa per andarsene] No, no, aspetta, aspetta, aspetta, aspetta! Vojo solo capì! Prima te ne vai senza dimme 'na parola e poi te metti a rischia' n'impiccio pe' tiramme fori de galera, perché?
    Roberta: Perché non ti ci posso vedere in galera.
    Freddo: E allora torna a casa, Robe'.
    Roberta: Perché tu vuoi veramente che torni a casa? Pensaci un attimo. [Freddo non risponde] Non è la vita mia questa. È la tua vita.
    Freddo: C'hai ragione te. Tu qua non c'entri niente.

Episodio 3[modifica]

Frasi[modifica]

  • È successo che quanno s'è trattato de comportasse da omini, ar Dandi le so' spuntate le ali da pollo! (Bufalo)
  • Avemo cominciato tutto 'sto macello pe' vendica' il Libano e nun l'avremo fatto finché quella merda nun sarà tera da concime! E n'artra cosa: bisogna ritorna' pe' strada, ricontrolla' er giro e ritira' i sordi! Uno de la banda sta ar gabbio e dovemo fa' capi' a tutti che l'aria nun cambia! (Freddo)
  • È che me so 'mparato 'na cosa, che de fratelli e deji amici è mejo nun fidarse! (Freddo)
  • [A Ruggero Buffoni che si è fatto rubare i soldi da un travestito e da due ladri] E mentre je 'appoggiavi, nun t'è venuto 'n mente ch'era er travestito che t'o stava a spigne? Oppure già stavi davanti? (Dandi)
  • [A Scialoja] Questi fanno quello che vogliono e tu non puoi farci proprio niente! Stai perdendo la guerra, commissario, e io mi tiro fuori prima che ti trascini dietro anche me! (Rizzo)
  • Il bello del nostro lavoro è che noi non inventiamo bugie, noi inventiamo la verità. (Il Vecchio)

Dialoghi[modifica]

  • Rizzo: No, fammi capire, Scialoja! Perché dovrei darti i miei uomini? Cosa c'entrano una sparatoria nel centro di Roma e un latitante con l'anti-droga?
    Scialoja: E perché, secondo te questi come campano? La droga è il loro business principale!
    Rizzo: Vabe', diciamo che ti do retta! Che ci guadagno?
    Scialoja: Il cinquanta per cento del merito. "Il commissario Rizzo ferma la rete di spaccio più grande del centro Italia". Mica male, no?
    Rizzo: Lascia perdere gli slogan! Dimmi chi e che cosa devo far mettere sotto controllo! [Scialoja gli dà una scheda] Vallesi Cinzia. Che c'entra?
    Scialoja: È la donna di uno di loro. Ex-prostituta e ora proprietaria del bordello che t'ho indicato. Puttane, soldi, secondo me può circolare della roba pure là.
    Rizzo: Tanta passera in giarrettiera. Beati gli agenti che lo piantoneranno. Questa la tengo io per documentarmi. Ci vediamo quando avrò novità. [con un ironico saluto comunista] Compagno! [Scialoja se ne va]
  • Dandi: Allora? Che ha deciso il plotone di esecuzione? No, perché se è arrivata l'ora mia, io so' pronto, nun c'ho manco bisogno d'a benda...
    Fierolocchio: A Dandi, non fa lo spiritoso, stamo qui pe' capi' quello che è successo! Perché vedi, quello che c'ha raccontato il Bufalo è grave!
    Dandi: Er Bufalo è grave, ma de cervello. Io so' 'na vita che nun ji aggrado, s'è solo trovato 'a scusa nova.
    Trentadenari: Raccontacela 'sta scusa, ja...
    Dandi: V'ha racconto sì, mica c'ho niente da nasconde io... Quando hanno cominciato a spararse addosso io non me ne so 'ito, stavo lontano, dall'artra parte della strada. Tra me, Bufalo e Ricotta ce stava un mare de madama, che dovevo fa? Me dovevo fa spara'? Me dovevo fa 'mpallina' come un tordo?
    Ruggero Buffoni: Ce sta 'na bella differenza tra nun farse impallina' e fregarsene d'amici...
    Dandi: Te tappate quer cesso che nun me pare d'ave' davanti un campione de lealtà... [Rivolto poi a Trentadenari] E questo vale pure per te Napoli, o sbajo?
  • Bufalo [A Telefono]: Vuor di' che me vedi quando starò ancora mejo, quando avrò fatto 'n buco in testa a quell'infame der Dandi!
    Freddo: Bu', me stai a senti' bene, il Dandi nun se tocca!
    Bufalo: Ma si t'ha detto anche Ricotta che quello è n'infame!
    Freddo: Sì, ma è uno della banda e quelli della banda nun se parcheggiano, perché se incominciamo a farse fuori uno coll'artro, potemo scava' 'na bella fossa e buttarce a banda 'ntera, chiaro?
    Bufalo: Ma si se stato te pe' primo a scavaje a fossa a 'sta banda... Prima piji, vuo' parti', pianti baracca e burattini e mo non vo manco ammazza' n'infame?
    Freddo: Statte zitto, Bufalo!
    Bufalo: E no, invece te dico che proprio se tieni in vita uno come er Dandi ammazzi 'a banda!
    Freddo: Er Dandi nun se tocca! La questione se regolerà in un artro modo, el discorso è chiuso!
    Bufalo: El discorso è chiuso quanno quello more!
  • Dandi: 'U vedi che c'ho ragione? Tocca sempre fa fatica' al'artri!
    Freddo: Sì, ma nun è 'na regola che vale pe' Gemito... Tocca farlo secco subito, prima che parla. E lo devi fa' te!
    Dandi: Ma che te sei rincojonito? No è visti ji avvortoi qua sotto?
    Freddo: E inventate quarcosa, ma nun ce pensa' troppo perché poi devi regola' i conti co' Bufalo e Ricotta!
    Dandi: Che voj di'?
    Freddo: Che pe' tacitarje gli animi, je paghi 'e spese legali e je versi stecca doppia!
    Dandi: Ma che cazzo sta' a di'? Così è come di' che c'hanno ragione...
    Freddo: Ma perché c'hai ancora il coraggio de di' che c'hanno torto?
    Dandi: E tu chi saresti pe' damme ordini?
    Freddo: Quello che te sta a para' r culo!
  • Maurizio Gemito [Gemito è in ospedale e riesce a parlare a fatica]: Che vuole?
    Scialoja: Darti un consiglio. A quelli della banda non è andata giù ancora la morte del Libanese e nella vita i miracoli accadono una volta soltanto. Fossi in te cercherei un po' di protezione: regalami la banda e io ti regalo la pelle!
    Maurizio Gemito: Va bene... Una cosa jela vojo di' subito: non siamo stati io e mio fratello a ammazza' il Libanese...
  • Scrocchiazeppi: A Fre', se tratta de Bufalo!
    Freddo: Che cazzo è successo?
    Scrocchiazeppi: M'ha chiamato 'a vecchia, se n'è ito! E s'è portato appresso pure 'n fero!
    Freddo: Tu e Fiero annatelo a cerca' in giro, avverti tutti l'artri, e occhi aperti, Scrocchia!
    Scrocchiazeppi: Speriamo de trovallo prima che 'o trova 'a madama!
    Freddo: No, speriamo de trovallo prima che lui trova Dandi!
  • Freddo: Che c'avrai da festeggia'?
    Dandi: Non li hai visti i telegiornali?
    Freddo: N' c'ho avuto tempo, sai com'è...
    Dandi: Er Gemito, porello, nun ha retto, s'è suicidato...
    Freddo: S'è suicidato? E a quale santo te saresti raccomandato pe' fallo suicida'?
    Dandi: E che te frega quale santo? L'importante è il risultato, no?
    Freddo: E bravo Dandi, pure stavolta hai trovato il modo pe' fa' fa' il lavoro sporco al'artri, eh? Bravo! Gemito doveva mori' pe' mano de 'a banda...
    Dandi: Ancora co 'sta banda? A banda de su, a banda de giù... Io ho fatto 'na cosa p'a banda e a te nun te va bene. Dimme che ha fatto 'a banda tua pe' me, eh? Me l'ha risorto il problema cor Bufalo? La banda servirebbe pe' darse 'na mano ma qui me sembra che funziona a 'nverso: io che risorvo i problemi e gl'artri che se grattano.
    Freddo: Er Bufalo lo stamo a cerca' ma ancora nun se trova...
    Dandi: E nun lo troverete mai, nun lo troverete mai e vuo' sape' perché? Perché non jene frega un cazzo a nessuno, Frè, non jene frega un cazzo a nessuno!

Episodio 4[modifica]

Frasi[modifica]

  • Ti preoccupi per me, Scialoja? O arrestarmi è l'unico modo che hai per rivedermi? Dimmi che vuoi veramente. (Patrizia)
  • Hai capito bene! Tu me lo porti e noi lo ficchiamo sotto un palmo di terra! E in cambio ti appoggiamo come unico padrone di Roma: Dandi, il nuovo re di Roma, con la benedizione della Camorra, tanto quella della mafia già ce l'hai. (Sardo)
  • [Riferito al Freddo] Ma po', ma come se n'esce, aoh? "Sete 'na banda de cojoni", ma chi cazzo sei? Ma che sei a banda te? No, noi semo a banda, cinque anni c'avemo buttato per falla diventa' quello che è e mo vo manna' tutto a puttane pe' fa contenta 'na mignotta de Latina?[6] (Ruggero Buffoni)
  • [Ultime parole, rivolto al Freddo] Me pare giusto... Io ho solo un'altra richiesta: io credo che è arrivato il momento che tu te ne vai affanculo! (Sardo)
  • 'Sta banda nun se scioje co' un par de vaffanculo! (Ruggero Buffoni)
  • [Al Freddo] Lo sai che penso? Che non esiste una banda senza un capo, quindi qui il capo c'è ma non sei tu! Stammi bene... (Donatella)

Dialoghi[modifica]

  • Bufalo : Al braccio tutt'apposto! Ringraziando Iddio! Perché, vedi, quando sono uscito dalla sala operatoria ancora vivo me so chiesto, ma com'è che er Padre Eterno ha voluto salva' a 'n fijo de 'na mignotta peccatore come a me. Ma po' ho capito, pe' farme fa' giustizia, pe' farme ripuli' 'sto mondo da tutti li bastardi infami come ar Dandi!
    Freddo : Lassa perde er Padre Eterno, Bu', e lassa perde' pure ar Dandi!
    Bufalo : Eh, no! E come faccio? Nessuno può di' de no a nostro Signore! E nemmanco te, e si n'te sta bene, ti ne puoi pure anna'!
    Freddo : Ah, sì, c'hai ragione te... Se vedemo...
    Bufalo: Freddo, o sai qual è er fatto tuo? E che a te te piace fa er capo, ma tu non sei er Libanese e nun c'hai manco e palle sue, si no a sistema' er Dandi c'avevi già pensato te!
  • Scialoja: Chi siete veramente?
    Zeta : È scritto lì, funzionari del Ministero degli interni, come te collega.
    Scialoja : E allora, collega, che ci facevate in quel bordello?
    Pigreco : Ci piace un certo tipo di donne, come a te, collega...
    Scialoja: Ma io non mi diverto a filmare i parlamentari presi a frustrate e nemmeno voi immagino. È chiaro che usate quel posto per i vostri ricatti, ma per conto di chi? Chi c'è dietro di voi? [Zeta si guarda ironicamente alle spalle] Come volete, magari un po' di galera vi chiarirà le idee, eh?
  • Freddo: Ma famme capì 'na cosa! Tu che cor Sardo sei culo e camicia, com'è che non sapevi niente de st'arzata de ingegno?
    Trentadenari: Te l'ho detto. Da quando Ricotta s'è messo co' voi pe' fa' fori a Gemito, il Sardo nun se fida chiù e nisciun, e manco di me. Comunque chill' è comm' a 'nu can', abbaia assai ma non morde. "Stecca doppia" vorrà dire al massimo un ritocco alla sua quota. E quanto al dargli la zona del Libanese, nun me pare 'a fin' ro munn'.
    Sergio Buffoni: Però Donatella è 'a donna de Nembo Kid. E lui quarche problemino c'o potrebbe da'.
    Fierolocchio: Pe' me er problema più grosso è resta' senza coca! Ma se 'n c'a passa er Sardo, me dite 'ndo cazzo 'a pijamo?!
    Scrocchiazeppi: C'ha ragione! Tempo 'na settimana 'e scorte so' finite, e noi che se vennemo er borotarco?!
    Dandi: Allora damojela ar Sardo 'sta zona der cazzo! Pensamo a tira' fori Patrizia e stenne quo' stronzo de Scialoja!
    Freddo: Ammazza' Scialoja pe' tira' fori Patrizia? A Da'! Datte pace che de problemi ce n'avemo troppi!
    Dandi: Seconno me se' te che ce n'hai troppi de problemi! Spiegace 'na cosa: com'è che continui sempre a tira' 'n mezzo 'sta Donatella de Latina? N'è che niente niente je voi chiede quarcosa? [Freddo non risponde] Ch'è? C'ho preso, ve'?
    Freddo: E 'nvece nun c'hai preso manco per cazzo! Er problema nun è Donatella! Er problema è che se oggi famo pippa, domani er Sardo arza 'r tiro, e fra un mese stamo n'artra vorta sotto padrone!
    Dandi [con un ironico applauso]: Bravo! Belle parole! E visto che qui nun gliene frega un cazzo a nessuno, io penso a Patrizia! Poi fate come ve pare! 'Natevene affanculo, va! [se ne va]
  • Freddo: Ce serve artra coca! Grattatela dai muri, cercatela dentro a le fogne, ma portateme tutta quella che trovate!
    Sergio Buffoni: A Fre', mo se dovemo mette...?
    Freddo [urlando]: Vai!!!
    Sergio Buffoni: Vado, vado...
  • Freddo: Senti Napoli, ma se er Sardo non se fida più di te, perché me dovrei fida' io?
    Trentadenari: Perché sto 'cca, a parla' cu' te! E rispondo alle tue domande.
    Freddo: E quindi se mo te chiedo addo se nasconde?
    Trentadenari : Non lo so! Ma lo posso scoprire.
    Freddo: E poi lo dici a Fiero e Scrocchia.
    Fierolocchio : E 'na volta che lo sapemo? Che vuo fa? Lo voi sdraia'?
    Freddo: E questo dipende da lui, è lui che sta a alza' la voce.
    Scrocchiazeppi: Ho capito Fre', ma il Sardo è sempre il fijoccio de Don Mimmo, no?
    Freddo: Forse o forse no! La camora passa il tempo a farse la guera e quelli che comandavano ieri magari oggi stanno sottotera!
    Trentadenari: Posso chiedere giù a Napoli che aria tira.
    Freddo: Bravo! E vedi de torna' co le risposte giuste, perché a forza de cambia' casacca magari finisci nudo come i morti!
  • Onorevole: Innanzi tutto voglio ringraziarla per la rapidità e la discrezione del vostro intervento: senza di voi sarei stato ricattato da quei farabutti...
    Scialoja: Ma?
    Onorevole: Rivoglio quel video!
    Scialoja: Mi dispiace, ma è una prova indiziaria!
    Onorevole: Lei non capisce...
    Scialoja: La ragazza che era con lei ha ammesso di essere al corrente delle riprese, faceva parte del piano. Li denunci anche lei, ci dia una mano a far pulizia!
    Onorevole: Mi dia una mano lei invece! Mi faccia riavere quel video e in cambio avrà un amico leale, qualcuno che potrebbe farla diventare questore.
    Scialoja: Come questore non mi ci vedo!
    Onorevole: Lei sta facendo un grosso errore!
    Scialoja: Non sarebbe il primo...
  • Zio Carlo : Alle migne non si spara perché una migna morta fa più danno di una migna viva! E chist è male pe' l'affari!
    Dandi: Quella merda ha arrestato la donna mia!
    Zio Carlo: La fimm'na tua puttana è!
  • Libanese [in un'allucinazione del Dandi che lo vede riflesso nello specchio]: Se arestavano la donna mia... bum, un colpo 'n mezzo all'occhi de lo sbiro e via. Ma te no. A te t'o deve dì er siculo chi te devi scopa' e chi no.
    Dandi: Che cazzo voi?
    Libanese: Se voi scarica' Patrizia, problemi tuoi! Ma er prossimo chi sarà? Uno de la banda?
    Dandi: Vaffanculo! [rompe lo specchio]
  • Freddo: E insomma stanotte m'hai salvato 'a vita...
    Dandi: Mica l'ho fatto pe' te, l'ho fatto pe' 'sta cazzo de banda!

Episodio 5[modifica]

Frasi[modifica]

  • A Fre' stai tranquillo che la gita ar Vesuvio finisce prima de subito! (Dandi)
  • Chiama er ristorante de Zio Carlo, ordina aragosta pe' due pe' domani! Se annamo a fa guerra a' Camora, dovemo capi' prima 'na cosa: si l'alleati so' pronti a farce scudo oppure se simo da soli! (Dandi)
  • Questa guerra è soltanto vostra, Dandi, io te l'ho gia detto no? Le guerre degli altri non mi piacciono. (Nero)
  • [A Dandi] Cerca in casa tua, prima de cerca' er marcio in casa deji artri! (Donatella)
  • [Rivolto al Dandi, in una sua allucinazione] Ma che stai a fa'? Che nu 'i vedi? Stanno tutti a festeggia'! 'Na bella festa pe' nuovo re de Roma, er Dandi! (Libanese)

Dialoghi[modifica]

  • Scialoja [Riferito ai membri della banda]: Non li hai trovati, erano già spariti?
    Rizzo : Tutti quanti! Ma come cazzo hanno fatto?
    Scialoja : Hanno ricevuto una soffiata e credimi che la fonte è sempre la stessa.
    Rizzo : Comincio a pensare che non sei così coglione...
    Scialoja : Questa storia è come un muro, Rizzo, ci sbatto la testa da cinque anni! Ma non mi sono ancora stancato...
    Rizzo : Vabbè, cosa facciamo adesso? Tu li conosci, come ci muoviamo?
    Scialoja: Per ora possiamo sol raccogliere prove, facciamo fare delle perizie.
  • Dandi: Te trovo acciaccato...
    Nero: Sto bene! Insomma perché avete bisogno di queste armi così velocemente? Allargate l'arsenale?
    Dandi: No, 'o dovemo rifa' da capo, quello der Ministero c'è stato sequestrato da 'e guardie!
    Nero: Quando?
    Dandi: Ieri! Perché?
    Nero: Niente. Immagino che starete in una bella rogna.
    Dandi: Sì, ma il Freddo è quello che sta messo peggio!
    Nero: Che è successo a Freddo?
    Dandi: La Camora ha deciso de sequestrallo per farsi consegna' chi ha fatto fuori er Sardo.
    Nero: E tu che aspetti a farlo?
    Dandi: Nun posso proprio, credime!
    Nero: Vuoi fare la guerra alla Camorra?
    Dandi: Io vojo solo salva' la pelle al Freddo e da adesso c'ho meno de un giorno. Ogni chiacchiera che faccio è tempo perso, quindi se me puoi aiuta'...
    Nero: D'accordo! So dove trovare le armi! Ma c'è una condizione: voglio dei documenti falsi!
    Dandi: Hai deciso de cambia' aria...
    Nero: In mezzo alle guerre degli altri non me trovo bene!
  • Maestro: Prima che noi facciamo qualsiasi cosa per te, devi eliminare il Nero!
    Dandi: E perché?
    Maestro: Per quella storia di Milano.
    Dandi: Quindi quello che s'è dato a Milano era il Nero? Stava d'accordo con Nembo Kid? E da quanto tempo lavora per voi?
    Maestro: Ma chi pensi abbia eliminato Maurizio Gemito?
    Dandi: Quindi fateme capi' il Nero lavora per voi e al primo intoppo lo volete fa fuori?
    Maestro: Tu non devi capire, lo devi solo eliminare! [Dandi sta per andarsene] Guarda che non te ne puoi andare senza una risposta...
    Dandi: Ma 'na risposta de che? Che io manco so chi cazzo saresti!
    Maestro: Sono il Maestro!
    Dandi: Allora è proprio sbajato indirizzo, perché io non c'ho proprio 'n cazzo da 'mpara'!
  • Professore: Sono contento di rivedervi, ragazzi! Dopo lo scandalo della P2 e la stretta dello Stato, c'è bisogno di gente che pensi al futuro di questo paese, riportare il caos nelle strade, l'Italia ha bisogno di una svolta autoritaria, oligarchica che ci liberi da questa...
    Dandi: Professò, professò, diciamo che c'ho una certa fretta, quindi me risparmi le stronzate e mi faccia vede' st'arsenale!
  • Dandi: Vojo sape' perché, perché ammazza er Libanese? E che cazzo centra la Mafia? Perché lo devi sape' Nero, so' loro che m'hanno messo 'n mano 'sta pistola!
    Nero: Questo lo devi chiedere a Zio Carlo. [Ultime parole]
    Dandi: Salutame er Libano, infame! [Lo spara]
  • Dandi: A Don Mì, er Sardo nun v'o posso trova', però in compenso quello sdraiato là per tera, è quelo che l'ha fatto secco!
    Don Mimmo: E il motivo?
    Dandi: Er Sardo aveva chiesto ar Nero de fa un lavoretto, ma poi però non l'ha voluto paga' 'na stronzata! Ma il Nero era uno 'ncazzoso e no je piaceva de parla' tanto, preferiva tira' er grilletto!
    Don Mimmo: E perché ti dovrei credere?
    Dandi: Perché si nun lo fate, l'amici mia qua dietro, so' pronti a tirarlo adesso il grilletto! Ma io me chiedo, Don Mi', è mejo n'esercito sur piede de guera o n'esercito pe' strada pronto a spaccia' la robba vostra su tutta Roma? Famo che semo pari: un morto noi e uno voi!
    Don Mimmo: Si proprj nu figl e bucchin!
  • Dandi: Vojo sape' perché?
    Zio Carlo: E va a fa' 'na festa che l'Italia ha vinto! O nun te ne futte un cazzo de la coppa di calcio, eh?
    Dandi: Io vojo sape' perché Nembo Kid e Nero hanno fatto fuori il Libanese!
    Zio Carlo: Ah, tu vuo' sape' u pecchè? Perché il Libanese era andato, perso intra 'a sua follia! E a noi servono picciotti pe' comannare a Roma! È morto per fare questo a tija, Dandi, nuovo re di Roma! E ora vai a festeggiare che oggi non è tempo di chiedersi altro!
    Dandi: No, Zio Ca', n'artra cosa ve la devo chiede': ma si io so ir nuovo re de Roma, ir Freddo che è?
    Zio Carlo: Iddu è un problema solo tuo!

Episodio 6[modifica]

Frasi[modifica]

  • Soldi facili e puliti! Parole che a banda 'n po' capì... (Dandi)
  • [A Dandi] Ma t'u ricordi che diceva Libano, eh? 'Sta banda nun vole padroni e se Don Mimmo nun può aspetta' dieci giorni solo pe' un capriccio suo, non è più un compare nostro ma un padrone! E allora io dico vaffanculo a Don Mimmo e vaffanculo alla Camorra! (Freddo)
  • Mo te sei rifatta 'na vita e che vita! 'Na fioraia a Ancona, me cojoni! A Cinzia, tu puoi cambia' nome, puoi cambia' pettinatura, ma sempre Patrizia resterai, la mejo mignotta de Roma! 'Sto baraccone è 'na buffonata! C'o sai te come c'o so io! Vero, Patri'? (Dandi)
  • [A Dandi] A Da', sa' che sei te? Sei 'no stronzo! Ma io so più stronzo de te, che me so sposato co' na stronza, co 'na zia stronza e 'n padre ancora più stronzo de loro! Che te devo dì? Se vede che era destino de sposarme co 'na famija de stronzi. Comunque famme sape' quanno so' pronti i sordi e damme retta, nun te sposa' mai! (Scriocchiazeppi)

Dialoghi[modifica]

  • Il Pischello: Ammazza che incubo, aoh, stavi a strilla' peggio de un film di Dario Argento!
    Bufalo: Ma quale incubo? Era 'n sogno, anzi 'na visione![7]
  • Bufalo: Famme capì, è n'anno e mezzo che sto dentro e mo pe' usci' de qua' devo fa' er matto?
    Freddo: Quanto basta pe' fatte da' l'infermità mentale e fatte trasferì a strutture idonee.
    Bufalo: Ma che stai a dì? Io a Gemito l'ho aspettato sotto casa, j'ho sparato davanti a 'e guardie...
    Freddo: L'hai fatto perché te l'hanno detto le "voci". So' le voci che sentivi dentro a la testa che t'hanno detto d'ammazzallo.
    Bufalo: Ma 'e "voci" de che? Ma che te sta' a 'nventa'?
    Freddo: A Bu' nun devi ride. Devi piagne, ce devi ave' le crisi, devi convince er perito che sei matto. Ma nun te preoccupa', a quello je basta poco.
    Bufalo: E si 'o convinco che succede?
    Freddo: Manicomio giudiziario pe' quarche anno e poi via coi permessi. Ma patti chiari: noi te famo uscì, ma te te scordi der Dandi.
  • Scialoja: E così il vostro amico[8] è diventato matto?
    Ruggero Buffoni: 'Na brutta storia, commissa'! Sbrocca' così da un giorno al'artro!
    Scialoja: Lo sapete che è un reato prendere in giro la corte co' ste stronzate, sì?
    Sergio Buffoni: A me sto commissario me fa preoccupa', sempre incazzato.
    Ruggero Buffoni: Chissà a pressione...
    Fierolocchio: E dovrebbe scopa' de più e rosica' de meno!
  • Il Secco: Non ci si fa strozzare dalle banche quando si ha un investitore "in casa". Se mi avessi affidato i tuoi risparmi...
    Scrocchiazeppi: Vabbè, so' 'n cojone. Quanto me poi da'?
    Il Secco: Te e la tua famiglia avete un talento particolare nel pagare dieci quello che vale uno...
    Scrocchiazeppi: Aoh! Falla finita! Quanto? [il Secco gli dà una ricevuta] Pe' ducento mijioni oggi, ne rivoi ducentoquaranta fra 'n mese? E poi so' 'e banche 'i strozzini?
    Il Secco: I soldi costano. Allora che dici?
    Scrocchiazeppi: Ma vattene affanculo, 'sto pezzo de merda!
    Il Secco: Lo prendo per un no...
  • Bufalo: Ma che vuor di' che l'hanno ammazzato? E la perizia mia?
    Freddo: Se dovrà rifa' da n'artro psichiatra! E sta volta ce se pulimo er culo!
    Bufalo: Fidate che dietro 'sta cosa ce sta er Dandi! Ma io come esco je strappo er core...
    Freddo: Nun può esse stato er Dandi!
    Bufalo: E tu che cazzo ne sai?
    Freddo: A Bu', sta bono!
    Bufalo: Sta bono? Sta bono ar cazzo! E prima me dice de sta carmo, poi me dice de fa er matto, ma che amo risolto, che avemo risolto? Che io sto ar gabbio e Dandi ar pascolo?
    Freddo: Mo me senti te! Domani vedo l'avvocato e studiamo qualcos'artro! Riguardo al professore, chiunque sia stato, ti giuro che lo pijo e lo ammazzo co' le mani mie! Ma tu prova a farme n'artro pezzo der genere e nun me vedi più, così qua dentro te ce scavi 'na bella fossa!
  • Freddo: 'Na formica de merda sta a spaccia' pe' conto proprio e voi manco ve n'accorgete? Ma fateme capì, che state a dormì, state? O ve state a fa i cazzi vostri n'artra vorta?
    Ruggero Buffoni: Ma quali cazzi nostri che stai a di'?
    Sergio Buffoni: Ma poi a te chi te l'ha detto a te che nella zona nostra...
    Freddo: Quarcuno più svejo de voi!
    Sergio Buffoni: Quarcuno, chi?
    Freddo: Vabbè, diciamo che state a dormi', eh! Però adesso trovate 'sto Canna e cercate de capi' se il giro se lo sta a fa da solo o pe' conto terzi!
    Sergio Buffoni: Nun ce devi mette 'e spie a zona nostra, Fre', se c'è 'n problema vieni da noi! Perché è brutto non fidarse de amici...
    Freddo: Vedete de trova' sto cazzo de Canna!
  • Freddo: M'hai mentito, stronzo!
    Dandi: No, io non t'ho mentito! Tu m'hai chiesto se avevo ammazzato el professore e io t'ho risposto de no. E annamo Fre', chi avrebbe sacrificato l'accordo co la Camora pe' sarva ir culo ar Bufalo? Te, solo te potevi giura' morte a chi avrebbe ammazzato ir professore. Pe' questo ho usato Donatella, pecché sapevo che no j'avresti fatto niente!
    Freddo: Sei pure farso, sei farso come Giuda! A te de la Camorra nun te ne frega niente, a te te frega solo della pellaccia tua!
    Dandi: E vabbè e pure se fosse? E daje Fre', apri l'occhi, ma a noi che ce serve 'sta banda? Chi c'è rimasto? Fierolocchio? I Buffoni? Quel poveraccio de Scriocchiazeppi? No, quelli de là, quelli de là fuori so' el futuro, i soci novi! Quelli fanno i mijardi co' na firma su 'n pezzo de carta! I sordi veri! E se vuoi c'è posto pure pe' te...
    Freddo: Levami 'ste mani da dosso, levala!
  • Bufalo: Così oggi la famo finita co 'sta farsa! 'N fondo c'ho pensato, campo più io dentro 'sta gabbia che n'infame come ar Dandi fori!
    Freddo: A Bufalo, me dispiace. Io ho fatto tutto quello che era possibile, ma me sa che c'ha ragione er Dandi, 'sta banda se sta a perde' i pezzi!
    Bufalo: Non è da oggi Freddo, non è da oggi! Lo sai cos'è che me brucia? E che io me sto a pija trent'anni p'ave' sparato a Gemito, che magari manco centrava 'n cazzo!
    Freddo: Ma che stai a di'?
    Bufalo: Te sto a di' che la pistola che ha ammazzato Libano è una dele nostre!

Episodio 7[modifica]

Frasi[modifica]

  • C'ho da ditte 'na cosa, commissa', se è possibile da solo! Me posso accomoda'? [Scialoja lo invita a sedersi] Nun è facile, nun è pe' niente facile, cazzo! Vabbè me sa che famo prima così! [Dandi da a Scialoja i confetti del matrimonio] Me sposo, commissa', sono venuto a portaje a partecipazione! (Dandi)
  • Non sarà un abito di chiffon a cambiarmi la vita. (Patrizia)
  • [Ad un pugile che ha un debito con lui] Er titolo può aspetta, i debiti no! A Rocky, famola breve, la scommessa tua paga bene e io c'ho buttato sopra cinquanta mijoni quindi vedi de mette quer culo per tera! (Fierolocchio)
  • Come mai st'improvvisata, commissa'? Si sei venuto p'a festa, c'hai du' giorni d'anticipo! Che te sei perso? Armi? Droga? Un barone rapito? Perché è lunga 'a lista delle cose che ve mancano, eh? (Dandi)
  • In giro pe' Roma ce sta robba che nun è la nostra! E me sa che è la stessa che spacciava er Canna. [Poi rivolto a Sergio Buffoni] Certo che se prima d'ammazzallo lo facevate canta', magari stavamo un pezzo avanti, ma quanno uno è cojone... O magari nun sete cojoni pe' niente... (Freddo)

Dialoghi[modifica]

  • Freddo: Ma che state a fa' 'na festa?
    Patrizia: Io e Dandi ci sposiamo. Credevo te l'avesse detto.
    Freddo: So' tante 'e cose che nun me dice Dandi...
  • Freddo: Perché cazzo nun m'hai detto che la pistola che ha ammazzato il Libano era una nostra?
    Dandi: E che te cambiava? Sempre i Gemito l'hano usata...
    Freddo: E te che ne sai?
    Dandi: E chi se no? I Buffoni, Scocchia', Fierolocchio, er napoletano o magari io?
    Freddo: O magari er Nero che guarda caso non può più parla'!
    Dandi: Er Nero e perché l'avrebbe fatto er Nero? Lo vedi perché nun t'ho detto 'n cazzo, a Fre', perché la vita va avanti invece tu te fai rode dalle paranoie! Il Libanese l'hanno fatto fuori i Gemito e mo' i Gemito stanno a concima' la tera!
    Freddo: Lascia in pace i morti e pensa ai vivi!
    Dandi: E ce penso sì! Ma che nun me vedi, me sto pe' sposa'. La sai 'na cosa? Te dovresti trova' moje, te farebbe bene!
  • Gigio: Ciao...
    Freddo: Che cazzo voi?
    Gigio: 'Na mano. Un lavoro se ce l'hai o... un pò de soldi pe' ariva' a fine mese...
    Freddo: Ando' l'hai nascosto er registratore? In tasca oppure n'e mutande?
    Gigio: Guarda che stavolta 'n te sto a prenne in giro. Me so' ripulito. Gua'! So' du mesi che nun me faccio.
    Freddo: Pensi che me basta questo pe' credete?
    Gigio: Fabri', te prego! Me serve 'n lavoro.
    Freddo: Prova da Scialoja, che loro de spie ce n'hanno sempre bisogno!
  • Scialoja: Allora è vero?
    Patrizia: Già, da sabato sarò la signora De Angelis!
    Scialoja: L'ultima volta però, in quell'albergo sul mare non era solo sesso, vero?
    Patrizia: Forse! Ma solo perché me ne stavo andando...
    Scialoja: E io non t'ho cercata, Patrizia. Se volevi la libertà, se volevi ricominciare una vita lontana da tutto, a me stava bene! A me stava bene, cazzo! Ma allora perché sei tornata?
    Patrizia: La libertà è come l'amore: un'illusione! Ed è un lusso che non voglio permettermi...
    Scialoja: E allora ti sposi con il Dandi? Ti sposi con un assassino?
    Patrizia: È l'unico che può darmi la vita che voglio!
    Scialoja: La vita che vuoi... La verità è che vuoi restare una puttana!
  • Freddo: La pistola che ha ammazzato Libano era una delle nostre! [Prende una pistola dal giubbino] una come questa!
    Sergio Buffoni: E vabbè anche se fosse? Che vuor di'? L'avranno presa i Gemito...
    Freddo: Da le parti mie se dice che il primo gallo a canta' ha fatto l'ovo! E tu ultimamente de ova ne hai fatte parecchie...
    Sergio Buffoni: Aoh! Ma che cazzo stai a dì?
    Ruggero Buffoni: Parla chiaro perché per quanto me riguarda so' stati i Gemito a pija' quela pistola! Il resto è 'na fissa tua!
    Freddo: E può esse che è 'na fissa mia! Però a me me pare strano che i Gemito se so' fatti tutta quella strada fino al deposito pe pijarsi 'na pistola, ammazza' il Libano e rimettella a posto!
    Fierolocchio: Ma 'ndo sta 'o strano? Aoh, ma quelli l'hanno fatto a posta, no? È chiaro! Scusate ma esiste un posto più sicuro pe' nascondella del deposito nostro?
    Trentadenari: Ma po' scusa dopp' tutt' stu tiemp, che importanza tiene?
    Freddo: Bufalo e Ricotta se stanno a fa' trent'anni p'ave' voluto vendica' il Libano e forse hanno sparato alla persona sbajata! Nun te pare importante a te? Per cui mo me date 'na risposta a quella [indicando la pistola] e m'aiutate tutti! Corpevoli e innocenti, sempre che ce ne stanno qua dentro... Perché è l'unico modo pe' chiude 'sta cazzo de storia! E pe' 'na vorta ritornamo ad esse' 'na banda vera!
  • Donatella: Se sei venuto pe' litiga nun è aria!
    Freddo: Nun so' venuto pe' litiga, so' venuto pe' chiedette 'n favore! Avevo ordinato de nun vende più droga a Gigio e invece è finito in coma per overdose...
    Donatella: E pensi che so stata io pure stavorta?
    Freddo: No, vojo solo cerca de capì come s'è procurato quella dose!
    Donatella: Perché lo domandi a me? C'hai 'na banda intera che lavora pe' te?
    Freddo: De loro nun me fido più!
    Donatella: De me invece sì, dopo la storia del professore?
    Freddo: A Donate', io co' te nun ce so' cresciuto assieme, co' loro ho fatto i primi furti, me ce so' smezzato 'e prime canne e mo so' rimasto con bel cerino 'n mano... Aiutame!
    Donatella: C'è una cosa che nun capisco: Gigio prima l'hai scaricato e mo te vuoi vendica' di chi ja venduto a robba? Perché?
    Freddo: È sempre mi fratello!
    Donatella: Solo per questo?
    Freddo: Aoh!
    Donatella: Vuoi trova' chi j'a venduto a robba pe' fa che? Pe' pulirte la coscienza? Pe' dimostra che sei tu a commanna' sulla vita delle persone?
    Freddo: T'ho chiesto 'n favore, si volevo 'na predica me n'annavo in chiesa!
    Donatella: E 'n favore te farò!
    Freddo: Grazie!
  • [In ospedale dove Gigio è in coma per overdose]
    Avvocato Vasta: Ho delle notizie molto importanti. E questa volta, ha visto? Sono venuto subito da lei.
    Freddo: Nun me sembra proprio er momento, avvoca'.
    Avvocato Vasta: Si tratta di suo fratello. L'eroina che gli hanno venduto... non è la vostra.
  • Dandi: A commissa', avevo detto du' ore, me pare che j'ho fatta in una e mezzo! Mo vedemo si capisci che 'sti giochetti der cazzo co' me non funzionano... Io me sposo Patrizia e tu muto, a cuccia, a guardare!
    Scialoja: Tu non la sposi, tu te la sei comprata! Mentre io con lei non ho mai dovuto pagare.
    Dandi: Può esse', ma alla fine è me che ha scerto. Passa sabato, te tengo da parte 'na fetta de torta!
  • Dandi: N'è passato de tempo, ve'?
    Freddo: Ma come mai st'appuntamento, stai in vena de ricordi?
    Dandi: No, sto in vena de bilanci! Qua è cominciata e qua finisce![9] Ce sta Sergio Buffoni dietro a quel giro de eroina!
    Freddo: E 'l fratello?
    Dandi: Non sa un cazzo! Io te conosco, so' quello che farai e nun ce vojo entra'! Per questo ti dico addio, da oggi le strade nostre si dividono qua!
  • Sergio Buffoni: Che cazzo ce semo venuti a fa' qua Fre'?
    Freddo: Ma come nun te ricordi? Ce venivamo da pischelli co' Fierolocchio, co' tuo fratello...
    Sergio Buffoni: Come no! A farse 'e canne e sogna d'annarsene!
    Freddo: Fierolocchio se scordava sempre de porta' e cartine e te te scordavi sempre de passa' la canna...
    Sergio Buffoni: Che cazzo stai a dì! Quello era mio fratelo, io smezzavo sempre!
    Freddo: Ammazza quanto tempo è passato...
    Sergio Buffoni: 'Na vita!
    Freddo: E tu mo l'hai buttata ar cesso!
    Sergio Buffoni: Che cazzo stai a di'?
    Freddo: Vieni a ruba' dentro casa tua, ma perché?
    Sergio Buffoni: A Fre', io t'o giuro...
    Freddo: Zitto, non giura'! Statte zitto, non giura'! Vojo solo sape' 'na cosa, da quanto tempo va avanti? Il Libano l'ha scoperto e te l'hai ammazzato, ve'?
    Sergio Buffoni: No, no, no, no! Vabbè, la robba al Sorcio je l'ho data io, ma con la morte del Libanese non centro un cazzo! Me devi crede'!
    Freddo: Come cazzo faccio a crederte, a Giuda! M'hai già tradito così tante vorte...
  • Fierolocchio [riferendosi alla morte di Sergio Buffoni]: Ma chi cazzo po' esse stato?
    Ruggero Buffoni: È stato er Freddo.
    Fierolocchio: Ma che cazzo sta' a dì? Perché er Freddo?
    Ruggero Buffoni: Er perché nun conta. E si 'o vedete diteje ch'è n'omo morto.

Episodio 8[modifica]

Frasi[modifica]

  • Te sentono, Sorcio! Te sentimo tutti! E magnate le chiavi di quella cella, che quanno esci prima o poi il Freddo te ripija! (Bufalo)
  • [Al Secco] Eeh, mo pe' quarche domanda, te vojono fa sarta' per aria? A te che conti come spade quando regna a bastoni? (Dandi)
  • [A Dandi] Ranocchia! L'hai fatto morire da solo! Non gli ho neanche detto addio... Tanto per te le persone sono soltanto oggetti, cose da avere intorno... (Patrizia)
  • [A Ricotta] Se vedi er Bufalo diji che a casa mia pure i morti se fanno rispetta'. (Freddo)
  • [Al Secco] Ma falla finita che 'l Sorcio m'a raccontato tutto, senti che bella storia: ce sta 'n pezzo de merda de nome Secco che decide de piazzallo 'n culo ai soci sua, trova un canale de droga e se fa aiuta da quattro teste de cazzo. Solo che quando Sergio Buffoni more, Nercio e Botola se cagano addosso, allora decidono de farte la pelle, ma visto che so du' cojoni toppano. Alora te che fai, decidi di ammazzalli tutti! Lasci la droga a casa de Botola e chiami la polizia pecchè sei n'infame de merda! (Dandi)
  • Commissa', pija un quaderno bello grosso e un po' de matite che c'ho 'n sacco de robba da racconta'! (Sorcio)

Dialoghi[modifica]

  • Prete: Nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo. Allora figliolo, questa volta quale problema ti spinge a chiedere l'aiuto del Nostro Signore alle 6 del mattino?
    Bufalo: Sempre 'o stesso, prete. Io c'ho er diavolo 'n corpo e tu m'o devi levà!
    Prete: Te l'ho già detto, figliolo. Tutti noi siamo soggetti alle tentazioni del Demonio...
    Bufalo: Eh no, prete! Nun hai capito. Io ce l'ho sur serio er diavolo dentro. Me fa' sentì 'e voci. Me fa' vede' le cose.
    Prete: E questa volta che cosa t'ha fatto vedere?
    Bufalo: L'artra notte ho fatto 'n sogno: stavo a fa' 'na rapina, 'na casa a Parioli, piena de gioielli, argenteria, pellicce... me giro, e vedo a San Pietro, San Giuseppe, e la Madonna cor pupo 'n braccio!
    Prete: Ascolta, figliolo caro, te l'ho detto tante volte. Io ti posso confessare, posso portarti la parola del Nostro Signore Gesù Cristo, ma per tutto il resto ti devi rivolgere a un bravo psicologo.
    Bufalo: Ma io l'ho già fatto. Dicono che so' sano. Ma io me chiedo, ma se so' sano, com'è che ogni vorta che vedo n'omo de Chiesa com'a te, me vie' voja de sfasciaje 'a testa!?
  • Scialoja: Mi sa che l'artro giorno t'abbiamo interrotto sul più bello!
    Freddo: Ma tu che voi?
    Scialoja: Perché il Sorcio dice che lo vuoi morto?
    Freddo: Nun lo so!
    Scialoja: Centra con la morte di Sergio Buffoni? Con l'overdose di Gigio?
    Freddo: Nun te riempi' la bocca co' nomi che nun centrano!
    Scialoja: Che ci dovevi fare con quella pistola?
    Freddo: Nun era mia la pistola!
    Scialoja: E come c'è finita dentro al cruscotto?
    Freddo: Come ce sei finito te a fa 'sto mestiere, pe' sbajo!
    Scialoja: Lo vuoi sapere come sta tuo fratello?
    Freddo: Certo che u' vojo sape'! Ma si sei n'omo nun me chiede niente in cambio!
  • Fierolocchio: Nun me so' mai piaciuti i funerali, specie quelli de li amici!
    Scriocchiazeppi: Che cazzo j'è venuto in mente al Freddo...
    Trentadenari: Ma che t'neva 'ngap Buffoni... Ma comm', Spacc' robba di nascosto?
    Fierolocchio: Trenta Denari c'ha ragione, Sergio se l'è cercata!
    Trentadenari: Pure a Napoli la Camorra j'avrebbe fatto fare la stessa fine e in un modo peggiore!
    Scriocchiazeppi: Mi sa che te sfugge 'na cosa, qui non stamo a Napoli e noi non semo manco a Camora... Anzi, sapete che ve dico, dopo questo non semo più niente!
    Fierolocchio: Che voi di'?
    Scrocchiazeppi: Ma guardace: Bufalo e Ricotta ar gabbio, il Sorcio è un morto che cammina e il Freddo è annato fori de capoccia, pe' non parla' del Dandi che manco viene d'amici che morono! Te serve artro?
  • Ricotta: O Fre'!
    Freddo: Aoh! E Bufalo?
    Ricotta: In isolamento! Pe' fa crede' che è matto ha deciso che doveva spacca la testa a un prete!
    Freddo: Ma che cazzo c'hanno questi da guarda'?
    Ricotta: Radio Carcere ha sparso 'a notizia: c'o sanno tutti che è fatto fori uno d'a banda!
    Freddo: Oh, mettemo subito 'n chiaro 'n punto, Buffoni ha smesso d'esse da banda quanno ha iniziato a spaccia' pe' cazzi sua!
    Ricotta: Ah! E pure il Sorcio?
    Freddo: A banda è come a legge, è uguale pe' tutti!
    Ricotta: Sì, ma tu mic'hai chiesto niente a nessuno prima de emette 'sta sentenza de morte? O me sbajo?
  • Freddo: Ma 'nsomma te ne sei andato o no?
    Puma: So' partito, sì! So' partito e come! M'hanno fatta annusa' bene a libertà... Po 'n pezzo de merda ha deciso de racconta tutto a 'n giudice, dice ch'ero il complice de l'omicido de Fiorucci Bandi, 'a rapina, te ricordi?
    Freddo: Ma quella è 'na storia vecchia com' 'a Bibbia!
    Puma: Sì, ma devi vede' come se la so' ricordata però... Me ce so venuti a cattura' fino liggiù e m'hanno rispedito qui pe' posta aerea!
    Freddo: E invece quello chi era?
    Puma: Mino Roscio. Tanti anni fa stavo in batteria col fratello più grosso! Bravo ragazzo, 'amo fatto belli lavori insieme, poi un giorno m'ha fatto n'infamità e j'ho dovuto spara'. E mo ar fratellino j'hanno detto che sto qui e me sa che me vo restitui' il favore...
    Freddo: Nun te preoccupa', el Roscio se ne starà bono!
    Puma: Nun te mette 'n mezzo a Fre'! I' so vent'anni che so quello che m'aspetta!
  • Scialoja: Che ti è successo?
    Ranocchia: Non lo capiscono nemmeno i medici! L'unica cosa certa è che me ne sto andando!
    Scialoja: Mi dispiace!
    Ranocchia: Commissario, tira una brutta aria, ho paura che ci sarà altro sangue e che Patrizia ci finisca in mezzo! La devi proteggere! Io non potrò più starle vicino...
    Scialoja: Patrizia non vuole farsi proteggere da me!
    Ranocchia: È un suo problema, lei sa cosa vuole ma non sa di cosa ha bisogno! Io non voglio andarmene prima di averla salutata, ma quel pezzo di merda del Dandi non me la vuole far vedere! Me la deve portare!
    Scialoja: Va bene!
    Ranocchia: Visto! Dicevo io che eri un uomo gentile!
  • Bufalo: È inutile che te 'ncazzi, Fre'!
    Freddo: Ma tu non stavi in isolamento?
    Bufalo: E mo nun ce sto più! Ricotta m'ha raccontato tutto, de Puma...
    Freddo: Roscio ha ricevuto un messaggio e nun l'ha capito!
    Bufalo: E no, ha capito, ha capito e come! È che i messaggi nostri non valgono più un cazzo! Da quanno hai fatto secco Buffoni, hai fatta secca pure a banda! E i messaggi dei morti non contano niente!
    Freddo: La banda è morta quando è morto er Libanese e a tutti ji artri non je n'è mai fregato un cazzo! Io me ce so mannato a puttane tutt' a vita pe 'sti stronzi!
    Bufalo: E c'hai ragione! La banda nostra stava al campo santo già da 'n pezzo ma te c'hai messo 'a lapide!
    Freddo: Buffoni era n'infame, Punto.
    Bufalo: Infatti hai fatto bene, mo te manca solo 'na cosa pe' finì il lavoro: aiutame a stende' Dandi, famo fuori tutti li infami!
    Freddo: Tu nun c'hai bisogno de fa' er matto Bufalo, tu fori de capoccia ce stai davero! De brutto!
  • Sorcio: Dimme 'na cosa, l'offerta che m'hai fatto è ancora valida?
    Dandi: So' tutto orecchi! Sempre che c'hai quarcosa d'interessante da dirme...
    Sorcio: Er Secco, è lui che ha messo in piedi el giro de droga alternativo!
    Dandi: Er Secco...
    Sorcio: Ha trovato il canale e pe' smerciallo usava me, Buffoni, Nercio e Botola! Ma non so artro...
    Dandi: Quante cose che no j'hai detto al Dandi tuo, eh?
    Sorcio: Ora però vojo i sordi!
    Dandi: E me sa che me devi fa credito! So' a corto de liquidi, sai c'ho 'n sacco de spese...
    Sorcio: Pensi de poterme pija per culo?
    Dandi: Come te e' preso per culo me e l'artri! Io te ripago co' la stessa moneta e mo vattene, va, che me stai a 'nsozza 'l tappeto!

Episodio 9[modifica]

Frasi[modifica]

  • Io pe' loro so' sempre stato un Sorcio, bono solo a assaggia' a robba e a ripulirji a monnezza, come i topi de fogna. Ma vede commissa', io sarò anche un sorcio ma i zozzi veri in questa storia so' artri. Scrivete. "Faccio parte de la più grande banda de Roma, comannamo su tutto: spaccio, prostituzione, azzardo..." (Sorcio)
  • Siamo qui riuniti per celebrare un processo atteso da sette anni, il processo alla Banda, che ha governato su Roma esercitando ogni sorta di attività illecita e lo ha fatto, come mai nella storia di questa città, in modo assolutamente indisturbato, eliminando prima i suoi rivali e alleandosi poi con Mafia e Camorra. Una ricostruzione ora resa possibile dal pentimento di uno dei membri storici della Banda. (Sostituto Procuratore Borgia)
  • Senti che cagnara che stanno a fa 'sti pupazzi... Tutto 'sto casino soltanto pecché il Dandi ve lo sta a mette ar culo? E io che me pensavo che ve piaceva... (Bufalo)
  • [A Dandi] Nun te preoccupa' che io 'r lavoretto te lo farebbe volentieri,[10] solo che io qui dentro già c'ho da farme vent'anni, co' n'artro omicidio ne scoppio! E mo famme anna'! (Ricotta)
  • La difesa ha cercato di screditare in tutti i modi un testimone chiave come Annibaldi e lo ha fatto chiamandolo "drogato", "assassino", ma a noi invece, questa sembra la conferma della pericolosità di questa banda! Una banda così potente da eliminare o comprare tutti i suoi nemici, tanto che solo uno di loro ha avuto il coraggio di dire basta! Ecco perché questa è un'occasione che non va sprecata e noi ci aspettiamo che la corte la sfrutti con le condanne esemplari che questi criminali hanno dimostrato di meritare, liberando la città da un cancro che la affligge ormai da troppi anni! Questa non è solo una piccola banda di simpatici ragazzi un po' agitati e non è nemmeno, non soltanto, una famiglia di feroci assassini! Sì, forse sono nati dalla strada, forse è da lì che vengono, ma poi sono cresciuti, sono diventati grandi, hanno fatto il salto di qualità, sono entrati nei palazzi che contano, hanno fatto affari con la Mafia, con la Camorra. (Sostituto Procuratore Borgia)
  • [A Ricotta] Sta' tranquillo, sei solo un servo! E i servi nun s'ammazzano ma vanno marchiati a vita! (Bufalo)
  • In nome del popolo italiano, la Corte, visti gli articoli 572, 582, 610, 628 e 630 del codice penale dichiara gli imputati colpevoli dei reati loro ascritti e li condanna alle seguenti pene: Soleri Fabrizio anni 15, Buffoni Ruggero anni 8, Fabiani Lucio anni 8, Marconi Fabio anni 8, Sabatini Claudio anni 8 di reclusione da scontare in un manicomio giudiziario essendogli stata riconosciuta la seria infermità mentale, Amati Federico assolto per insufficienza di prove, De Angelis Mario assolto per insufficienza di prove. I suddetti imputati vengono inoltre assolti dal reato di associazione per delinquere previsto dall'articolo 416 del Codice Penale. L'udienza è tolta! (Giudice)
  • [A Donatella] Complimenti per il Larinese, un lavoro pulito! Se un giorno decidi di metterti in proprio fammi sapere, il Dandi può avere tutte le polizze che vuole ma non è immortale! (Agente)
  • Alla luce di questa sentenza che riteniamo per molti versi sorprendente, dovremo forse riscrivere la storia criminale della nostra città o addirittura dell'intera Italia! Tutti con l'amaro in bocca, non certo Mario De Angelis che torna libero cittadino, libero e dicono miliardario! Secondo l'accusa ma non secondo i giudici, la Banda nasce alla metà degli anni Settanta per iniziativa di un gruppo di giovani delinquenti, che provengono dalle borgate e da altre zone periferiche della capitale. Ad organizzarli in un gruppo coeso ed organizzato sul modello di altre organizzazioni militari come la Mafia e la Camorra, è secondo gli investigatori Pietro Proietti, detto il Libanese per via della sua carnagione scura. È di Proietti l'idea di eserguire il rapimento del barone Aldemaro Rosellini. Altri membri della banda sono stati condannati a pene minori e uno di loro, Claudio Sabatini, detto il Bufalo, reo confesso di almeno due omicidi, è stato dichiarato incapace di intendere e di volere e internato in un manicomio giudiziario. La sentenza, accolta con vive manifestazioni di gioia da parte degli imputati, ha in pratica sconfessato l'operato degli inquirenti, negando persino l'esistenza stessa della banda criminale. Il commissario Nicola Scialoja, che sulla banda ha condotto le principali indagini, non ha voluto rilasciare dichiarazioni. (Voce Telegiorenale)
  • Questa è una guerra che non si vince! (Sostituto Procuratore Borgia)

Dialoghi[modifica]

  • Sorcio: L'idea de 'na banda de pari grado che se pijasse tutto er mercato d'a droga fu del Libanese e pe' finziasse organizzò il rapimento del Barone Rosellini, è stato allora che si è unito alla batteria del Freddo.
    Giudice: E queste batterie da chi erano formate?
    Sorcio: Col Libanese c'erano De Angelis, Fabiani e Sabatini detto Bufalo. Col Freddo ce stavano Marconi, Ruggero Buffoni e il fratello Sergio.
    Giudice: E quanto ai rapporti con Mafia e Camorra, chi li gestiva?
    Sorcio: Libano, Freddo e Dandi. Ca' Mafia soprattutto Dandi, in particolar modo dopo la morte del Libano.
  • Ruggero Buffoni: Che permetti 'na parola?
    Bufalo: Che voi?
    Ruggero Buffoni: Tu me dai 'na mano a parcheggia 'l Freddo e io t'aiuto a sdraia' Dandi!
    Bufalo: N' c'è problema! Er Dandi è n'infame e merita solo de morì! Ma Freddo, no, è uno giusto e ha fatto solo bene a ammazza' quer Giuda de' tuo fratello! [I due vengono alle mani]
    Ruggero Buffoni: Aoh! Sciacquate a bocca quanno parli de mi fratello!
    Bufalo: Perché si no che me fai? Questo l'ho preparato per Dandi, ma se vuoi lo posso prova' su de te! [Si riferisce ad un coltello]
    Ruggero Buffoni: Le' sto coso!
    Bufalo: Vuoi pareggia' i conti col Freddo? Fallo! Ma fallo da solo! Vatten' a fanculo!
  • Donatella: Te ne voi anna'? E perché?
    Freddo: Perché me so' rotto er cazzo! La condanna è sicura e io 'n carcere nun ce resto! Quindi trova 'n modo pe' farme trasferi' in ospedale, ma 'na cosa seria, no come i pezzi de carta del Dandi!
    Donatella: Dovrà esse' seria parecchio, da qui non esci col sospetto d'un cancro!
    Freddo: Seria quanto basta!
    Donatella: È per lei che te vuoi anna' vero?
    Freddo: Ma lo sai come se sta qua dentro? Se passa il tempo a pensa' a quello che è stato, a quello che poteva esse' e te spegni giorno dopo giorno come 'na candela! Gn'a faccio più, me vojo rifa' 'na vita lontana da 'sta merda, costi quel che costi!
    Donatella: Non sarà gratis e non satà semplice, ma vedrò che posso fa'!
    Freddo: Grazie!
  • Dandi: Er Larinese... Come mai da 'ste parti? Qual buon vento?
    Larinese: El vento de rapina! Senti un po', a Da', ma a te ir colpo a U.S. Bank n' te dice niente?
    Dandi: Ah, io de certo nun so' stato...
    Larinese: E 'nfatti so' stati du' ragazzetti sveji e 'ndovina 'n po' che c'hanno trovato dentro 'e cassette d'a sicurezza?
    Dandi: Che cazzo ne so? Larine' daje, non vedi che qui c'ho a giornata piena?
    Larinese: 'Na lista de nomi, robba grossa, robba che usata bene può aprì parecchie porte...
    Dandi: Quali sarebbero 'sti nomi?
    Larinese: 'A lista mancante d'a P2! Te interessa? Me dai du' mijardi e 'a lista è tua!
    Dandi: Du' mijardi pe' n pezzo de carta? Daje, Larine', fai el serio!
    Larinese: Non so mai stato così serio, Dandi! Co' quella lista sai come te fanno uscì da sto cesso? 'N carozza! Vabbè, senti, fa 'na cosa: pensace, fa 'n fretta però! Stamme bene!
  • Agente: E se non accettiamo farà arrivare a Scialoja copia delle carte del Larinese!
    Il Vecchio: Dandi è diventato grande e si diverta a giocare il nostro stesso gioco!
    Agente: Basta poco per ricordargli da dove viene...
    Il Vecchio: Non ora! Prima facciamoci dare quella lista, poi presenteremo il conto!
  • Dandi: Vojo farve 'n regalo, veramente era per Ricotta che da solo vale più de tutti voi messi insieme, ma je stanno a riattacca' la faccia e ce ne avrà per un mese! El regalo passa a voi, a uno solo de voi! Ho organizzata 'na bella pel giorno de la sentenza...
    Scriocchiazeppi: 'Na bella?
    Dandi: 'Na cosa pulita, senza armi e botti! Pulita ma sicura!
    Fierolocchio: Cioè me stai a di' che hai organizzato 'na fuga pe' te e uno de noi?
    Dandi: No, io non vengo, c'ho artri progetti!
    Ruggero Buffoni: E alora perché pe' uno solo?
    Dandi: Perché er passaggio è pe' uno e nun me fa artre domande! Per cui fateve du' conti, capite quando v'andate a prende', e si ve conviene de là o aspetta' la grazia, quanno c'avete er nome fateme 'n fischio!
    Scriocchiazeppi: A Da', ma com'è tutt' an tratto 'sto sbocco de generosità?
    Dandi: Perché v'ho trattato male e ve vojo lascia' n bel ricordo!
  • Dandi: Ecco 'ndov'eri finito! Carino 'sto posto, un po' attufato magari... Stai, che famo subito! A forza de fa' er matto m'hai convinto, 'sta cazzo de infermità mentale te la rimedio io, sei contento?
    Bufalo: E com'è sto regalo?
    Dandi: Io 'n carcere t'ho fatto finì e dar carcere te tiro fori! Però 'n cambio te te levi da cojoni e non te fai più vede'!
    Bufalo: E si nun ce sto?
    Dandi: Te becchi artri vent'anni e da 'sto posto de merda c'esci solo coi piedi davanti! Alora? Che me dici? [Bufalo annuisce] 'O sapevo, Bufalì, te sei matto ma non sei scemo!

Episodio 10[modifica]

Frasi[modifica]

  • [A Patrizia] 'N c'è 'n cazzo da fa', eh? Quanno una nasce troia... Che c'è, amo', te sei offesa? Perdoname! Che brutto 'ncrocio: zoccola e permalosa! (Dandi)
  • Nun fa cazzate, nun torna'! Non servirà a ridarti Gigio o a Buffoni suo fratello... I morti vanno lasciati in pace, Fre'! (Donatella)
  • [Al Secco] A pezzo de merda, tu te ce sei arricchito coi sordi nostri! 'Sto cesso de casa te l'avemo pagato noi! (Scrocchiazeppi)
  • [Riferito a Scrocchiazeppi appena deceduto] Che ce vuoi fa? So' sempre i mejo a annarsene! Al funerale je vojo manna' 'a più bella corona de fiori, 'a più grande, 'a più ricca! E nun se dicesse che il Dandi s'è dimenticato de li vecchi amici. (Dandi)
  • [Ultime parole al suo omicida] Proprio a te aspettavo! (Ruggero Buffoni)
  • Che c'è Donate', pure tu co st'ansia del Freddo che torna? Che fa? Che scopre? De che cazzo c'avete paura tutti quanti? Che, mo che è crollato er muro de Berlino deve venì giù pure tutto 'sto circo? (Dandi)
  • [Al Freddo] Nemmeno chi ha ammazzato Libano? So' stati Nero e Nembo Kid! L'ordine arrivò dai servizi, a organizzare la cosa fu Zio Carlo. Loro volevano un altro capo per Roma: Dandi. E Dandi ha sempre saputo ma nun t'ha mai detto niente! (Donatella)
  • Io stavo cor Libanese![11] (Bufalo)

Dialoghi[modifica]

  • Libanese: [Si tratta di un sogno del Dandi, ambientato al cimitero] Me fai accenne'? O' so che stai a pensa': guarda che tomba de merda hanno fatto al re de Roma! È 'sto mondo che è 'na merda, nun ce sta più rispetto. Un tempo mettevano i fiori veri, oggi appicciano un lumino, du' fiori finti e tanti saluti!
    Dandi: Tanto a lui le cambia poco!
    Libanese: A lui sì, ma ai pischelli che vanno pe' tombe no! Mo 'ndo cazzo i pijano i fiori da rivennese a entrata? Ma te ricordi i soldi che alzavamo così?
    Dandi: M'o ricordo sì! Però soprattutto me ricordo le borsettaie de quela vecchia!
    Libanese: Ah, ma chi a vedova? Quela che 'i stavamo a rivenne i fiori rubati su 'a tomba del poro marito? Ammazza quanto menava... "A pischelli n'c'hai 'na famija?" e giù co 'e borsettate.
    Dandi: A Libane', dimme 'na cosa, ma che se prova quanno ariva er momento?
    Libanese: E quando c'o sai che te cambia?
    Dandi: Niente, 'na curiosità de meno... Alora?
    Libanese: Alora aspetta che tra poco 'o scopri da solo!
  • Fierolocchio: A Scriocchiazze', ma non dovevi usci' domani?
    Scriocchiazeppi: Dovevo usci' quattr'anni fa si nun te fregavi er posto mio...
    Fierolocchio: No ma quella è stata 'na cazzata, è stato n'errore, oh... Te posso spiega' tutto, a Scriocchia', sta buono... È stato un errore!
    Scriocchiazeppi: No, non sta' a perde tempo, finisci de scoparte mia moje che stava pe' veni'...
  • Maestro: A quest'ora Freddo avrà saputo del fratello... Se decide di tornare sarà un problema per tutti!
    Dandi: Sarà un problema pe' Buffoni, mica je 'o ammazzato io Gigio?
    Maestro: No, ma se torna potrebbe scoprire cose che era meglio lasciare sepolte.
    Dandi: Tipo?
    Maestro: Se sei quello che sei è perché qualcuno ha tolto di mezzo il Libanese, non te lo scordare!
    Dandi: E quindi?
    Maestro: E quindi è meglio che ti muovi e pe' tempo.
    Dandi: Nun me piace sto tono, me sona come n'ordine e io da mo che ho smesso de pija ordini...
    Maestro: Allora piglialo come un consiglio!
  • Dandi: Anvedi chi ce sta? El vecchio compare mio! Scrocchia' a piede libero... Come mai da 'ste parti? T'hanno messo a puli' i cessi?
    Scriocchiazeppi: No, so' venuto a controlla' quanto sei stronzo!
    Dandi: E mai seguito fino ar cesso?
    Scriocchiazeppi: E sai com'è, co' tutta 'sta gente che c'hai sempre attorno... Qua se parla mejo!
    Dandi: E dai allora, parlamo, che cazzo voi?
    Scriocchiazeppi: Un mijardo e me ne vado!
    Dandi: Un mijardo? 'N sai manco com'è fatto 'n mijardo...
    Scriocchiazeppi: C'hai ragione, uno è poco famo due...
    Dandi: Scriocchiaze', in carcere te sei bevuto er cervello, io nun te devo niente e nun te do niente!
    Scriocchiazeppi: È qui che te sbaji! Perché tutto quello che te ritrovi in tasca te lo sei fatto a le spalle nostre e mo è ora che smezzi, come ai vecchi tempi! Stecca para pe' tutti!
    Dandi: E si m'arifiuto? Te che fai?
    Scriocchiazeppi: Te stacco la testa e te la ficco ar cesso!
    Dandi: Eeh, el vecchio Scrocchia' mo s'è fatto leone. Eppure ma risulta che sei più cervo che felino! [Scrocchiazeppi carica la pistola] Lo sai che basta che faccio un fischio e sei morto?
    Scriocchiazeppi: Po' esse, ma a me de mori' nun me ne frega 'n cazzo e te giuro sulla testa de mi fijo che ar Padre eterno je bussamo 'nsieme! Du' mijardi, Da' e nun ce pensa' troppo che c'ho fretta de andarmene!
  • Scialoja: Bella vista!
    Freddo: A commissa', ma che cazzo sei venuto a fa'?
    Scialoja: A riportarti a Roma e mettere fine a questa storia!
    Freddo: Magari a Roma ce torno, ma de sicuro non co' te! È bello quel bastone, è un regalo?
    Scialoja: Un pensiero del Dandi![12] Torna a Roma con me!
    Freddo: Io nun so' n'infame!
    Scialoja: Quante volte ve l'ho sentito dire! Vi rubavano le quote, vi mandavano in galera, v'ammazzavano un fratello e voi zitti, muti perché non eravate infami... ma quanti morti vi serviranno per aprire la bocca e dire basta?
    Freddo: Lascia in pace i morti e vattene!
    Scialoja: Se cambi idea... [Poggiando un biglietto sul tavolo]
    Freddo: A Scialo', ma che ce guadagni se torno a Roma co' te? Te ridanno 'a gamba?
  • Scialoja: Lei chi è?
    Il Vecchio: Un umile servitore della Patria.
    Scialoja: Lei?
    Il Vecchio: Allora, mi fa entrare? L'avrebbe mai immaginato? [Scialoja invita il Vecchio ad entrare] Il muro che separa due mondi, spazzato via in pochi istanti.
    Scialoja: Perché è qui?
    Il Vecchio: Ho speso una vita a tenere in piedi quel muro, a dare un ordine alle cose e a mantenerlo... E ora quell'ordine non vale più!
    Scialoja: Glielo ripeto, che vuole da me?
    Il Vecchio: Che lei prenda il mio posto, Scialoja! Avrà accesso al mio archivio, conoscerà i segreti di chi comanda, di chi obbedisce, potrà decidere della loro vita e morte, avrà il potere, Scialoja.
    Scialoja: E perché io? Perché non uno dei suoi uomini?
    Il Vecchio: Mi sono stati troppo vicini, hanno assorbito il mio sguardo e ora che il mondo è cambiato serve uno sguardo diverso!
    Scialoja: Uno sguardo diverso? Ma di che diavolo parla?
    Il Vecchio: Del suo, Commissario. Lei non ha rinunciato alla sua fissazione di giustizia, lei ha lo sguardo giusto per ordinare il mondo che verrà!
    Scialoja: Se ne vada!
    Il Vecchio: Come crede, ma rifletta sulla mia offerta, commissario! [Uscendo da casa di Scialoja] Ah, dimenticavo, Ruggero Buffoni è stato ammazzato e il Freddo è tornato a Roma senza di lei, altri elementi di disordine che qualcuno dovrà gestire.
  • Dandi: Ciao Fre', te stavo a aspetta'! Te piace? Io è qua che vado a fini' quando che è![13] 'Na cosa giusta, né er mausoleo de Cesare ma nemmanco er loculo der Libanese. Tanto pe' ricorda' a 'sta città der cazzo che a comandalla 'na vota c'è stato er Dandi! [Freddo gli punta una pistola alla nuca] Vedo che nun sei venuto da solo, potevi passa' pe' casa, no? Se facevamo du' fili, 'na bira, davamo 'na voce ai vecchi amici rimasti vivi!
    Freddo: E che l'amici so' tutti morti, Dandi, e tutti per corpa tua!
    Dandi: Eh no, no! Non ho cominciato io a ammazza' quelli d'a banda!
    Freddo: Perché te sei troppo svejo, sei! Te il lavoro sporco l'hai sempre fatto fa' a li artri! E pure col Libano hai fatto così, o no?
    Dandi: Lassa perde i morti, Fre', fallo e basta, che me sto a rompre li cojoni! N'artra cosa: al funerale riempime a chiesa de fiori, li dovemo fa' gode 'sti pischelli!
  • Bufalo: Libano, la madama!
    Libanese: Aoh, Bufalo e che me pono fa? Io so' morto!

Citazioni sulla seconda stagione[modifica]

  • Alcuni hanno gridato nuovamente al capolavoro, altri parlato di delusione. La seconda stagione è stata meno avvincente della prima, ma il livello è rimasto sostanzialmente alto al punto da confermare Romanzo Criminale come miglior serie italiana. (Andrea Scanzi)
  • È chiaro che l'empatia si può generare nello spettatore ma prima o poi entra in conflitto con quello che fanno. E a chi già nella prima serie mi chiedeva del fascino di criminali esaltati, rispondo "aspetta di vedere tutta la serie". Per noi infatti Romanzo Criminale 2 è il secondo tempo della prima serie: se prima erano simpatici, caciaroni e facevano cose bizzarre, ora mettono paura. (Stefano Sollima)
  • Il fascino di questa seconda serie sembra non consistere più nell'esplosione della violenza, nel racconto dei reati commessi dalla banda della Magliana; appare invece il desiderio di cogliere il «retroscena» del crimine, rivelare tutto ciò che è profondo, sempre sospeso tra la meschinità (il Freddo, il Dandi, Bufalo, Scrocchiazeppi si comportano da bulli di periferia) e la tragicità, tra lo squallore di una bar e le «mani sulla città». (Aldo Grasso)
  • La seconda serie incrocerà eventi come la scoperta della lista P2, ma il nome di Berlusconi non lo metteremo a caratteri cubitali. E poi ci sarà lo scandalo del Banco ambrosiano, gli effetti della caduta del muro e pure i mondiali di calcio del 1982.[14] (Daniele Cesarano[15])
  • In Romanzo Criminale 2 ci saranno sorprese: racconteremo gli anni '80, recuperando parti del romanzo ma anche fatti veri per descrivere il rapporto perverso che si creò tra la banda della Magliana e i terroristi e i pezzi deviati dello stato. Tutta la nuova serie avrà come tema "Chi ha ucciso il libanese?" e la risposta non sarà scontata. (Giancarlo De Cataldo)
  • Romanzo Criminale 2 affonda le radici nella zona rimossa della nostra coscienza pubblica che riguarda i misteri italiani su cui ancora ci interroghiamo. (Giancarlo De Cataldo)

Note[modifica]

  1. a b Il portavoce di Zio Carlo, un boss della mafia.
  2. a b Un ubriacone che dice in giro di aver ammazzato il Libanese.
  3. Il riferimento è alla loggia massonica P2 e al "Maestro Venerabile" Licio Gelli.
  4. La ragazza di Nembo Kid, colei che ha venduto a Gigio la dose che lo ha fatto finire in carcere.
  5. Il Freddo ha deciso di affidare la zona di Trastevere, che apparteneva al Libanese prima della morte, a Donatella invece che al Sardo.
  6. Si riferisce a Donatella, a cui Freddo ha voluto assegnare la zona del Libanese scatenando l'ira del Sardo.
  7. Bufalo ha sognato di uccidere il Dandi in carcere.
  8. Si riferisce a Bufalo, che il Freddo vuole scarcerare con una perizia psichiatrica.
  9. Dandi ha dato appuntamento al Freddo nel posto dove si trovava la roulotte del Libanese e dove, di fatto, la banda si era formata.
  10. Ricotta, proprio come Bufalo, è stato preso dalla polizia soprattutto per il comportamento del Dandi, che ha lasciato i due sulla scena del crimine, preferendo scappare.
  11. Frase con cui la serie è cominciata, pronunciata da Bufalo, ormai vecchio, nella Magliana dei giorni nostri.
  12. È stato il Dandi a fargli spezzare la gamba.
  13. Dandi vuole farsi seppellire nella basilica di Sant'Apollinare, dove si svolge il dialogo tra i due.
  14. Citato in Cosa resterà di questi anni Ottanta, Sky.it, 13 aprile 2010.
  15. Uno degli sceneggiatori della serie.

Altri progetti[modifica]

Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni 
Medaglia di Wikiquote
Questa è una voce in vetrina, il che significa che è stata identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 25 ottobre 2011.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni · Criteri · Elenco voci in vetrina