Salvadore Cammarano

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Salvatore Cammarano)
Al 2014, le opere di un autore italiano morto prima del 1944 sono di pubblico dominio in Italia PD
Salvadore Cammarano

Salvadore Cammarano (1801 – 1852), librettista, poeta e pittore italiano.

Citazioni di Salvadore Cammarano[modifica]

  • Andrem, raminghi e poveri, | Ove il destin ci porta... | Un pan chiedendo agli uomini | Andrem di porta in porta. (da Luisa Miller, III, 2)
  • Il suon dell'arpe angeliche | Intorno a me già sento! (dal Poliuto, III, 4 e 5)
  • Belisario e Alamiro: Sui campi della gloria | noi pugneremo a lato; | trema o sorrida il fato, | vicino a te starò... | La morte o la vittoria | con te dividerò. (da Belisario, I, 6)
  • Trema, Bisanzio! sterminatrice | Su te la guerra discenderà!. (da Belisario, II, 3)

Lucia di Lammermoor[modifica]

Incipit[modifica]

Giardino.
[Preludio e Coro d'Introduzione]
Normanno e Coro di abitanti del castello, in arnese da caccia

Normanno, Coro: Percorrete
Percorriamo le spiagge vicine,
Della torre le vaste rovine:
Cada il vel di sì turpe mistero,[1]
Lo domanda... lo impone l'onor.
Fia che splenda il terribile vero[2]
Come lampo fra nubi d'orror!

Citazioni[modifica]

  • Regnava nel silenzio | alta la notte e bruna... | colpìa la fonte un pallido | raggio di tetra luna... | quando sommesso gemito | fra l'aure udir si fe'. | Ed ecco su quel margine | l'ombra mostrarsi a me! || Qual di chi parla muoversi | il labbro suo vedea, | e con la mano esanime | chiamarmi a sé parea. | Stette un momento immobile, | poi rapida sgombrò, | e l'onda pria sì limpida | di sangue rosseggiò! (I. 4)
  • Spenta è l'ira nel mio petto. (II, 2)
  • T'amo, ingrata, t'amo ancor. (II, 6)
  • Hai tradito il cielo e amor!. (II, 6)
  • Maledetto sia l'istante | Che di te mi rese amante... | Stirpe iniqua... abominata... | Io dovea da te fuggir!. (II, 6)
  • Son tue cifre? a me rispondi. (II, 6)
  • O sole, più rapido a sorger t'appresta, | Ti cinga di sangue ghirlanda funesta! (III, 2)
  • Ultimo avanzo | D'una stirpe infelice. (III, 7)

Citazioni su Salvatore Cammarano[modifica]

Note[modifica]

  1. Il mistero, lo si vedrà poco oltre, riguarda un uomo misterioso che s'incontra con Lucia. Le varie allusioni del coro di cacciatori (il "turpe mistero", "l'onor", "il terribile vero") sono quanto mai oscure; ma il ruolo di questa pagina corale è quello di stendere una pennellata di mistero su tutta la vicenda.
  2. Nel canto un più incisivo "splenderà l'esecrabile vero".

Bibliografia[modifica]

  • Gaetano Donizetti, Lucia di Lammermoor, dramma tragico in due parti di Salvatore Cammarano, testi a cura di Eduardo Rescigno, Ricordi, 1988.

Opere[modifica]

Altri progetti[modifica]