Samuele Bersani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Samuele Bersani

Samuele Bersani (1970 – vivente), cantautore italiano.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Samuele Bersani[modifica]

Etichetta: Pressing SRL, 1997.

  • Troppo cerebrale per capire | che si può star bene | senza complicare il pane. | Ci si spalma sopra un bel giretto di parole | vuote ma doppiate. | Mangiati le bolle di sapone intorno al mondo | e quando dormo taglia bene l'aquilone | Togli la ragione e lasciami sognare, | lasciami sognare in pace! (da Giudizi Universali, n.° 1)
  • Come Mastroianni anni fa | come la voce guida la pubblicità | ci sono stati dei momenti intensi | ma li ho persi già. (da Giudizi Universali, n.° 1)
  • Leviamo via il tappeto | e poi mettiamoci dei pattini | per scivolare meglio sopra l'odio | Torre di controllo, aiuto | sto finendo l'aria dentro al serbatoio. (da Giudizi Universali, n.° 1)
  • Potrei, ma non voglio fidarmi di te | io non ti conosco, e in fondo non c'è | in quello che dici qualcosa che pensi | sei solo la copia di mille riassunti. | Leggera leggera si bagna la fiamma | rimane la cera e non ci sei più... (da Giudizi Universali, n.° 1)
  • Vuoti di memoria, | non c'è posto per tenere insieme | tutte le puntate di una storia. | Piccolissimo particolare | ti ho perduto senza cattiveria. (da Giudizi Universali, n.° 1)
  • In America lo sai che i coccodrilli | vengon fuori dalla doccia? | E che le informazioni meteo | sono prese pari pari dalla Bibbia? (da Coccodrilli, n.° 2)

Che Vita! Il meglio di Samuele Bersani[modifica]

Etichetta: Ariola, 2002.

  • Però sul ponte fra Messina e Reggio | gli operai a gettoni sono progettati dalla Sony | Alla mafia han dato in cambio un Tamagochi | e il monopolio nazionale | del settore videogiochi! (da Che Vita!)
  • Le mie parole sono sassi, precisi e aguzzi pronti da scagliare su facce vulnerabili e indifese; sono nuvole sospese, gonfie di sottintesi che accendono negli occhi infinite attese; sono gocce preziose, indimenticate, a lungo spasimate, poi centellinate... (da Le mie parole)

L'Aldiquà[modifica]

Etichetta: Ricordi, 2006.

  • La solitudine no che non è un affare, ti fa credere di risparmiare e invece non è che uno sperpero, di stagioni inutili e anni andati via davanti al calendario... e la colpa è soltanto mia... (da Come due somari)
  • Lo scrutatore non votante, è indifferente alla politica, ci tiene assai a dire oh issa!, ma poi non scende dalla macchina; è come un ateo praticante, seduto in chiesa la domenica, si mette a posto un po' in disparte, per dissentire dalla predica...(da Lo scrutatore non votante)
  • Se vuoi ragione hai ragione a proseguire con il tuo istinto ma non cambiare direzione, vai avanti sempre dritto...(da Lascia stare)
  • Cambi sempre titolo per non decidere, non metti il punto per non finire, mentre avanzi a piedi scalzi nel disordine, io ti avviluppo con le mie spire. (da Una delirante poesia)

Manifesto Abusivo[modifica]

Etichetta: Fuori Classica Edizioni Musicali, 2009.

  • È sempre bellissima la cicatrice che mi ricorderà di essere stato felice. (da Pesce d'Aprile)
  • Mi auguro di aver davanti un momento in cui potrò ignorarti come una cartella sopra il monitor, lasciata senza titolo, cancellarti non mi viene in mente: me ne pentirei di sicuro all'infinito. (da Valzer nello spazio)

Psyco – 20 anni di canzoni[modifica]

Etichetta: Sony Music, 2012.

  • Ci vuole molto coraggio a rotolare giù | in un contesto vigliacco che non si muove più | e a mantenere la calma adesso | per non sentirsi un pallone perso. (da Un pallone)
  • A volte io ho paura di voi più che della solitudine. (da Psyco)

Altri progetti[modifica]