Scioglilingua ercolani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Alcuni scioglilingua in dialetto ercolano; con queste frasi gli anziani del paese erano soliti chiudere le serate in bellezza, proponendone la declamazione ai presenti parenti ed amici, contribuendo, ogni qualvolta qualcuno li ripeteva, a dare momenti di gioia e di allegria.

  • Cippòni piccìnnu, cippòni ranni
Ceppo piccolo, ceppo grande
  • Fusci fuscennu miluni cujennu, scìa e vinìa miluni cujìa
Corri in fretta raccogliendo meloni, andavo e venivo raccogliendo meloni
  • La mula ti lu papa a cchiànca liscia pìscia, a pùzzu cupu caca
La mula del papa piscia sulla lastra di pietra liscia, e caca nel pozzo profondo
  • 'Ntra ttrìtici piatticièddi nci sctannu trìtici cicirièddi. Trìtici cicirièddi sctannu 'ntra ttrìtici piatticièddi
Dentro tredici piccoli piatti ci sono tredici piccoli ceci. Tredici piccoli ceci stanno dentro tredici piccoli piatti
  • Quannu scìscti a Llecci cce tti štizzàšti?
Quando andasti a Lecce ti arrabbiasti?
  • Retu a nna scpècchia nci sctai nna ècchia ca sctà cchiànta e scta' scanta la capu ti la menta
Dietro a una specchia c'è una vecchia che pianta e pota la cima della menta
  • Tre tazze stritte intra tre stritte tazze
Tre tazze strette in tre strette tazze

Voci correlate[modifica]