Servitù

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Servo)
"I quattro servi alla corte dei Medici", olio su tela di Anton Domenico Gabbiani

Citazioni sulla servitù.

Citazioni[modifica]

  • Bella figlia dell'amore, schiavo son dei vezzi tuoi; con un detto sol tu puoi le mie pene consolar. (da Rigoletto di Giuseppe Verdi)
  • C'è chi nasconde i fatti perché è nato servo e, come diceva Victor Hugo, "c'è gente che pagherebbe per vendersi". (Marco Travaglio)
  • Chi intravede il mistero della natura, | non può essere ingannato da alcun tema del di là. | Kaaba e tempio significano servitù. Campane cristiane | suonano a servitù. Chiese e sacre bende e croci e rosari: tutte significano soltanto servitù. (Omar Khayyam)
  • È meglio abolire la servitù dall'alto che attendere che si abolisca da sé dal basso. (Alessandro II)
  • Fortunata la casa e felice il padrone quando ha un servo accorto, che ascolta sì le sue parole, ma non le segue e fa piuttosto a suo senno! (fratelli Grimm)
  • Fuggir con frode il danno | può dubitar se lice | quell'anima infelice | che nacque in servitù (Pietro Metastasio)
  • Gli uomini non sono mai servi di un uomo; sono servi, se loro stessi non sanno comandare a se stessi. (Luigi Russo)
  • I domestici sono i migliori giudici dei padroni, perché non giudicano dalle conversazioni dall'espressione dei sentimenti, ma dagli atti e dal tenore di vita. (Lev Tolstoj, Guerra e pace)
  • La servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni, ma una tentazione dei servi. (Indro Montanelli)
  • La servitù avvilisce gli uomini sino a farsene amare. (Luc De Vauvenargues)
  • Ma a possente signor scender non lice | dale stanze superne infin che al gelo | o al meriggio non abbia il cocchier stanco | durato un pezzo, onde l'uom servo intenda | per quanto immensa via natura il parta | dal suo signore. (Giuseppe Parini)
  • Nessun servo può servire a due padroni: od odierà uno ed amerà l'altro oppure si affezionerà ad uno e disprezzerà l'altro. Non potete servire a Dio ed a mammona (Gesù)
  • Per mille contrassegni che ho notati, questo mio padrone è già fin d'ora un pazzo da corda ed io sono forse più pazzo di lui perché lo servo e lo seguito [Sancio di don Chisciotte]. (Miguel de Cervantes)
  • Sappiate vivere indipendenti l'un dall'altro, e cancellate ed abborrite la parola di servo. E quando dico questo, non intendo già solo della servitù, che sul collo vi è tenuta dai dispotici governi, ma sibbene di quella che si contrae adorando il nome di un uomo, di un individuo; di quella servitù, che dà origine o ad una religione, o al dispotismo, o alle fazioni. Nella vostra condotta abbiate sempre dinanzi a voi la ragione, adorate un principio, sacrificate il vostro benessere e la vita pel trionfo di quello; ma non servite la persona, sotto pena di essere classificati tra coloro che portano un'insegna del monarca, una divisa o livrea del padrone, o un appellativo del caposetta o fazione che vi tiene in soldo. (Felice Orsini)

Proverbi italiani[modifica]

  • Assai domanda chi ben serve e tace.
  • Ben servire, acquista amici.
  • Bisogna rispettare il cane del padrone.
  • Cavolo riscaldato e garzone ritornato, non fu mai buono.
  • Cavolo riscaldato, prete spretato, serva ritornata, fan la vita avvelenata.
  • Chi ben serve è ben provvisto.
  • Chi non ha servitori non ha peccati.
  • Chi serve Dio ha buon padrone.
  • Chi si sposa per interesse diventa servo della moglie.
  • Chi s'innamora della serva, divien suo servo.
  • Dai servi si conoscono i padroni.
  • Di una serva non si fa mai una dama.
  • È duro servire a chi ha servito, e comandare a chi ha comandato.
  • È male avere un cattivo servo, ma è peggio esserne senza.
  • È meglio far la serva in casa tua, che la padrona in casa d'altri.
  • Felice colui, che non passa porta altrui.
  • Guai a chi è servo di padrone sciocco.
  • Il pane degli altri è troppo salato.
  • In casa non c'è che un servo, e si chiama padrone.
  • Molti servitori, molti rumori.
  • Non si può servire a due padroni.
  • O servi come servo, o fuggi come cervo.
  • Ogni servo gallonato, è un ozioso affaccendato.
  • Quando la serva si mangia l'arrosto, il gatto ne paga il fio.
  • Serva che risponde e padrona che parla latino, non valgono un lupino.
  • Servi a principi e a signore, e saprai cos'è dolore.
  • Un buon servitore val più d'un buon padrone.

Proverbi toscani[modifica]

  • Chi servo si fa, servi aspetta.
  • Dove va il padrone, può ire il servitore.
  • Serva tornata non fu mai buona.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]