Sherlock Holmes - Gioco di ombre

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Sherlock Holmes - Gioco di ombre

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale Sherlock Holmes - A Game of Shadows
Paese Regno Unito, USA, Australia
Anno 2011
Genere azione, avventura
Regia Guy Ritchie
Soggetto Conan Doyle (personaggio)
Lionel Wigram (graphic novel)
Sceneggiatura Kieran Mulroney, Michele Mulroney
Produttore Susan Downey, Joel Silver, , Dan Lin
Attori
Doppiatori italiani

Sherlock Holmes – Gioco di ombre, film statunitense del 2011, scritto e diretto da Guy Ritchie.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Oh Cielo, le avevo detto di non muoverlo! Credo sia stata attivata una carica secondaria. Gioia, avrò bisogno del tuo aiuto per lo smaltimento del pacchetto! (Holmes a Irene)
  • Io non biasimo lei, io biasimo me stesso. (Moriarty, rivolto a Irene)
  • Oh-oh, temo che lei sia morto. (Holmes)
  • Mi vorrebbe suo complice nel crimine estetico di abbinare un raffinato abito militare a quella atroce sciarpa fatta a maglia, chiaramente uno dei primi sforzi della sua fidanzata. (Holmes, rivolto a Watson)
  • Oh come mi è mancato, Holmes! (Watson)
  • Dottore, deve portarlo in un sanatorio, la prego! (Mrs. Hudson, parlando a Watson riguardo a Holmes)
  • Meglio morire da soli che vivere la vita in un eterno pugatorio. (Holmes rivolto a Watson parlando del matrimonio)
  • Dovrà giacere con me, Watson! (Holmes)
  • Qualunque cosa succeda non accetti da bere da questi zingari. (Holmes, rivolto a Watson, poco prima di scolare una bottiglia offertagli da Madame Simza)
  • Io vedo tutto, questa è la mia condanna. (Holmes, rivolto a Madame Simza)
  • Mi piace la Svizzera. Rispettano la vita privata di un uomo, qui. Specialmente se ha un patrimonio. (Moriarty)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Watson: Beve un liquido [formaldeide] per l'imbalsamazione?
    Holmes: Sì! Ne vuole un bicchierino?
    Watson: Lei sembra alquanto...
    Holmes: Eccitato?
    Watson: Frenetico.
    Holmes: Lo sono!
    Watson: Direi quasi...
    Holmes: Estatico?
    Watson: Psicotico. Dovrei darle un sedativo.
  • Holmes: Si fida di me?
    Mary: No!
    Holmes: Be' allora dovrò... rimediare in qualche modo.
    [Holmes getta dal treno Mary]
  • Watson: Cosa ci facciamo qui sdraiati?
    Holmes: Noi aspettiamo. Io sto fumando.
  • [Holmes, per mettere in salvo Mary, la getta giù da un treno in corsa facendola precipitare in un fiume. Il fratello di lui, Mycroft, la recupera a bordo di una barca]
    Mycroft: Da questa parte, signora! E ritengo di dovermi congratulare con lei, signora Watson. Io sono l'altro Holmes.
    Mary: Ce n'è anche un altro!? Oh magnifico! La mia prima notte promette bene!
  • Watson: Dove stiamo andando?
    Holmes: Parigi: la destinazione più ragionevole per una luna di miele!
  • [Holmes e Watson si trovano in una tenda di un campo zingari]
    Holmes: Madame, questo gulasch di istrice è eccellente. Non ricordo in fede mia di averne mai mangiato uno migliore.
    Watson: E mi dica: quand'è l'ultima volta che ha mangiato questo gulasch?
    Holmes: Gliel'ho detto, non riesco a ricordarmelo!
    Watson [con sarcasmo]: Probabilmente l'ha rimosso!
    Holmes: Siamo diversi: al contrario di lei, io non rimuovo nulla.
    Watson: Ah ah ah... lei è normale...
    Holmes [sottovoce, rivolto a Watson]: Come osa offendere questa donna che ci ha invitati a mangiare nella sua tenda? Ci ha offerto il suo porcospino!
    Watson: Disse l'uomo che gettava le donne giù dai treni.

Altri progetti[modifica]