Stanisław Ignacy Witkiewicz

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Ritratto di Stanisław Ignacy Witkiewicz (Witkacy)

Stanisław Ignacy Witkiewicz Witkacy (1885 – 1939), drammaturgo, filosofo, scrittore e pittore polacco.

  • Voglio essere solo. Non desidero diventare membro di nessuna società, di nessuna banda di malfattori, non voglio neanche essere un artista, come ho voluto per tutta la mia miserabile vita. Voglio restare solo. Ecco tutto. (da Loro, 1920)
  • Il nostro orizzonte letterario è sovrastato dalla cialtroneria e dai bassi istinti adulatori verso la Megera-pubblico, viziata da incessanti carezze (da una lettera a Bruno Shulz, 1935)

Insaziabilità[modifica]

Incipit[modifica]

Genezyp Kapen non tollerava freni di nessun genere. Questa insofferenza si era manifestata prepotente in lui fin dalla più tenera infanzia. (Ciononostante, chissà per quale miracolo, per otto anni era riuscito a sopportare il tirocinio del suo dispotico padre. Ma questo era un po' come la carica di una molla: lui sapeva benissimo che prima o poi la molla sarebbe scattata e questa consapevolezza lo aiutava a tirare avanti). Appena quattrenne (già allora!), durante le passeggiate estive implorava la madre e la governante che gli permettessero almeno di fare una carezza al cagnaccio bastardo alla catena che si avventava minaccioso, o di dar qualcosa da mangiare al cucciolo che uggiolava timido sulla soglia del canile; almeno accarezzarli e nutrirli, visto che a scioglierli e metterli in libertà non c'era neanche da pensarci.

Citazioni[modifica]

  • La principessa girò su di lui i suoi occhi esperti in voluttà e dolore e lo leccò tutto col suo sguardo: era suo. «Ecco chi mi inizierà», pensò con spavento e improvvisamente si sentì accanto la madre, come una persona viva al suo fianco per proteggerlo da quella depravata, sfiorita superfemmina. (p. 33)
  • I piani dell'anima umana sono infiniti. Bisogna soltanto saper camminare intrepidi sull'abisso: o si conquista la propria cima, o si perisce. Non sarà in ogni caso la vita grigia di quelli del gregge, che si accorge a malapena di esistere. (p. 122)

Bibliografia[modifica]

  • Stanisław Ignacy Witkiewicz, Insaziabilità, traduzione di Giovanna Brogi, Pietro Marchesano, Giovanni Pampiglione, Vera Petrelli, Barbara Wojciechowska, Grandi Libri Garzanti, 1973-1978.

Altri progetti[modifica]