Stefano Sollima

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Stefano Sollima

Stefano Sollima (1966 – vivente), regista italiano.

Citazioni di Stefano Sollima[modifica]

  • È chiaro che l'empatia si può generare nello spettatore ma prima o poi entra in conflitto con quello che fanno. E a chi già nella prima serie mi chiedeva del fascino di criminali esaltati, rispondo "aspetta di vedere tutta la serie". Per noi infatti Romanzo Criminale 2 è il secondo tempo della prima serie: se prima erano simpatici, caciaroni e facevano cose bizzarre, ora mettono paura.[1]
  • [«Polemiche in vista per l'esaltazione di eroi negativi?»] Io racconterei solo i cattivi, ma in tv è difficile, le emittenti generaliste immaginano di rivolgersi ad un pubblico che in realtà non esiste.[1]
  • [Su Romanzo criminale] La serie arriva dopo soli tre anni dal film e nell'immaginario collettivo quei personaggi sono ancora ben impressi. Per questo ho dovuto ricostruirne i caratteri, cercando di renderli il più aderente possibile a quelli reali, e nel farlo sono stato aiutato dal fatto di non aver avuto vincoli di cast.[2]
  • [Su Romanzo criminale] Penso non ci sia nulla di male a provare empatia per dei ragazzi che sognano un riscatto sociale. Quando però i loro animi si incupiscono, tuo malgrado inizi a giudicarli e ad allontanarti pian piano, e credo sia molto interessante sociologicamente.[2]

Note[modifica]

  1. a b Citato in Cosa resterà di questi anni Ottanta, Sky.it, 13 aprile 2010.
  2. a b Dall'intervista Placido e Sollima: Romanzo Criminale, secondo noi, Sky.it, 19 novembre 2008.

Film[modifica]

Altri progetti[modifica]