Suzanne Vega

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Suzanne Vega nel 2006

Suzanne Nadine Vega (1959 – vivente), cantautrice statunitense.

Citazioni di Suzanne Vega[modifica]

  • Non sei solo tu a scegliere la strada da percorrere, è anche il mondo che decide per te. Però meglio evitare gli eccessi della ribalta. Penso a Leonard Cohen: per tanto tempo si è negato allo show-business. Ora, a 75 anni, splende più di prima.[1]
  • Ho assaporato il successo: è stato bello, dà soddisfazione. Ma la fama arriva e scompare, l'arte rimane. E per me viene prima dei soldi.[2]
  • [nei quartieri di Spanish Harlem e dell'Upper West Side] ho imparato a osservare le persone, a cercare di indovinare quello che si nasconde dietro un volto anonimo. Prendo appunti ovunque e poi, spesso, si trasformano in canzoni. Amo passeggiare per New York, andare in autobus... fa parte del mio lavoro. Se girassi in limousine non mi accorgerei di nulla.[3]
  • La musica aiuta a cambiare il mondo, ma deve farlo con l' aiuto degli individui. Da qui parte ogni società che vuole definirsi civile.[4]
  • Urlare sul palco non è il mio stile.[5]

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

Suzanne Vega[modifica]

Etichetta: A&M Records, 1985.

  • Il soldato venne a bussare alla porta della regina | disse: "Non combatterò più per voi" | la regina sapeva di aver già visto il suo viso da qualche parte | e lentamente lei lo lasciò entrare. | Egli disse, "Ho guardato il vostro palazzo qui sulla collina | e mi sono chiesto chi sia la donna per cui tutti uccidiamo | ma domani partitò e voi potrete fare ciò che volete | prima vi domando solo il perché"
The soldier came knocking upon the queen's door | He said, "I am not fighting for you any more" | The queen knew she'd seen his face someplace before | And slowly she let him inside. | He said, "I've watched your palace up here on the hill | And I've wondered who's the woman for whom we all kill | But I am leaving tomorrow and you can do what you will | Only first I am asking you why." (da The Queen and the Soldier, n.° 8)
  • La giovane regina lo fissò con sguardo arrogante | e disse: "Voi non capirete e non potreste neanche provare" | ma la sua faccia era quella di una bambina, ed egli pensava che volesse piangere | ma lei si chiuse come un ventaglio. | E disse: "Ho inghiottito un segreto filo ardente | mi taglia dentro e ho sanguinato spesso"
The young queen, she fixed him with an arrogant eye | She said, "You won't understand, and you may as well not try" | But her face was a child's, and he thought she would cry | But she closed herself up like a fan. | And she said, "I've swallowed a secret burning thread | It cuts me inside, and often I've bled" (da The Queen and the Soldier, n.° 8)
  • Ma la corona cadde e lei pensava di averla spezzata | e rimase lì, vergognosa del modo in cui il suo cuore aveva sofferto | lo portò al gradino davanti alla porta e gli chiese di aspettare | lei sarebbe tornata dentro solo un momento. | Altrove il suo ordine era stato sentito | e il soldato venne ucciso, ancora aspettando la sua parola | e mentre la regina continuò a estraniarsi nella solitudine che lei aveva scelto | la battaglia proseguì
But the crown, it had fallen, and she thought she would break | And she stood there, ashamed of the way her heart ached | She took him to the doorstep and she asked him to wait | She would only be a moment inside. | Out in the distance her order was heard | And the soldier was killed, still waiting for her word | And while the queen went on strangeling in the solitude she preferred | The battle continued on. (da The Queen and the Soldier, n.° 8)

Solitude Standing[modifica]

Etichetta: A&M Records, 1987, prodotto da Steve Addabbo e Lenny Kaye.

  • Oh, questa pioggia | continuerà | tutto il giorno. | Mentre ascolto | le campane | della cattedrale, | ripenso | alla tua voce... | e al picnic a mezzanotte | tanto tempo fa | prima che iniziasse la pioggia… | Finisco il mio caffè, | è ora di prendere il treno.
Oh this rain | It will continue | Through the morning | As I'm listening | To the bells | of the cathedral | I am thinking | Of your voice... | And of the midnight picnic | Once upon a time | Before the rain began... | I finish up my coffee | It's time to catch the train. (da Tom's Diner, n.° 1)
  • Mi chiamo Luka | vivo al secondo piano | vivo sopra di te | sì, penso tu mi abbia già visto | se senti qualcosa a tarda notte | qualche tipo di rumore, qualche tipo di lotta | non chiedermi cos'era... | Penso che sia perché sono goffo | provo a non parlare troppo forte | forse è perché sono pazzo | provo anche a non essere troppo orgoglioso... | Loro picchiano finché piangi | e dopo di questo non chiedere perché | Solo non litigare mai più...
My name is Luka | I live on the second floor | I live upstairs from you | Yes, I think you've seen me before | If you hear something late at night | Some kind of trouble, some kind of fight | Just don't ask me what it was... | I think it's because I'm clumsy | I try not to talk too loud | Maybe it's because I'm crazy | I try not to act too proud... | They only hit until you cry | And after that you don't ask why | You just don't argue anymore... (da Luka, n.° 2)
  • Le travi e i ponti | tagliano la luce sul terreno | in piccoli triangoli | e le rotaie corrono intorno | oltre la ruggine e il calore | la luce e un dolce | caffè del colore della sua pelle. | Legato nel ferro e nei cavi e nel destino | guardandola farlo passeggiare fino al cancello | di fronte al cortile della scuola di Ironbound. | I ragazzi cresceranno come le erbacce in un recinto | lei dice che cercano la luce | loro provano a dare un senso | sono venuti fuori oltre le crepe | come l'erba sui sentieri | e lei si commuove al suo addio...
The beams and bridges | Cut the light on the ground | Into little triangles | And the rails run round | Through the rust and heat | The light and sweet | Coffee color of her skin. | Bound up in iron and wire and fate | Watching her walk him up to the gate | In front of the Ironbound schoolyard. | Kids will grow like weeds on a fence | She says they look for the light | They try to make sense | They come up through the cracks | Like grass on the tracks | And she touches him goodbye... (da Ironbound/Fancy Poultry, n.° 3)
  • Se stavi per uccidermi ora, | proprio qui, vorrei ancora | guardarti negli occhi | e brucerei | nella tua memoria | finché sei ancora vivo. | Non correrei | non svolterei | non mi nasconderei | vivrei dentro di te | ti farei indossare me | come una cicatrice.
If you were to kill me now | Right here I would still | Look you in the eye | And I would burn myself | Into your memory | As long as you were still alive | I would not run | I would not turn | I would not hide | I would live inside of you | I'd make you wear me | Like a scar. (da In the Eye, n.° 4)
  • Quando l'oscurità ti prende | con la sua mano sul viso | non arrenderti troppo presto | trova le cose che ha cancellato: | trova la linea, trova la forma | attraverso la venatura | trova il contorno, le cose | ti diranno il loro nome...
When the darkness takes you | With her hand across your face | Don't give in too quickly | Find the things she's erased | Find the line, find the shape | Through the grain | Find the outline, things will | Tell you their name... (da Night Vision, n.° 5)
  • Ora ti guardo cadere nel sonno | guardo il tuo pugno contrarsi contro il foglio | guardo le tue labbra schiudersi e i tuoi occhi offuscarsi | in cieca fede. | Ti proteggerei | ti terrei nella luce | ma posso solo insegnarti | la visione notturna.
Now I watch you fall into sleep | Watch your fist curl against the sheet | Watch your lips fall open and your eyes dim | In blind faith. | I would shelter you | Keep you in light | But I can only teach you | Night vision. (da Night Vision, n.° 5)
  • La solitudine sta vicino alla finestra | volta la testa quando entro nella stanza | posso vedere dai suoi occhi che stava aspettando | stando nell'inclinazione del tardo pomeriggio | e si volta verso di me con la mano tesa | il suo palmo è lacerato con un fiore con una fiamma.
Solitude stands by the window | She turns her head as I walk in the room | I can see by her eyes she's been waiting | Standing in the slant of a late afternoon | And she turns to me with her hand extended | Her palm is split with a flower with a flame. (da Solitude Standing, n.° 6)
  • E dice: "Sono venuta a raddrizzare una cosa storta" | E dice: "Sono venuta per rischiarare questo cuore oscuro" | E mi prende il polso, sento la sua impressione di paura | E dico: "Non avrei mai pensato di trovarti qui".
And she says "I've come to set a twisted thing straight" | And she says "I've come to lighten this dark heart" | And she takes my wrist, I feel her imprint of fear | And I say "I've never thought of finding you here". (da Solitude Standing, n.° 6)
  • Il mio nome è Calipso | e ho vissuto sola | vivo su un'isola | e mi sveglio all'alba | molto tempo fa | lo vidi combattere contro il mare | sapevo che stava affogando | e lo presi con me | e ora oggi | giunge la luce del giorno | lui naviga lontano | dopo un'ultima notte | l'ho lasciato andare.
My name is Calypso | And I have lived alone | I live on an island | And I waken to the dawn | A long time ago | I watched him struggle with the sea | I knew that he was drowning | And I brought him into me | Now today | Come morning light | He sails away | After one last night | I let him go. (da Calypso, n.° 7)
  • Se il linguaggio fosse liquido | sarebbe in corsa | invece siamo qui | in un silenzio più eloquente | di quanto nessuna parola possa essere. | Le parole sono troppo solide | non si muovono abbastanza veloci | per cogliere l'apparenza confusa nel cervello | che vola via ed è andata...
If language were liquid | It would be rushing in | Instead here we are | In a silence more eloquent | Than any word could ever be. | Words are too solid | They don't move fast enough | To catch the blur in the brain | That flies by and is gone... (da Language, n.° 8)
  • Sono venuta fuori dall'oscurità | trattenendo una cosa | un piccolo, bianco cavallo di legno | che avevo trattenuto all'interno. | E quando sarò morta | se puoi, di' loro che | ciò che era legno è diventato vivo. | Nella notte i muri sono scomparsi | nel giorno sono tornati | "Voglio essere un fantino come mio padre" | erano le uniche parole che potevo dire.
I came out of the darkness | Holding one thing | A small white wooden horse | I'd been holding inside. | And when I'm dead | If you could tell them this | That was wood became alive. | In the night the walls disappeared | In the day they returned | "I want to be a rider like my father" | Were the only words I could say. (da Wooden Horse (Caspar Houser's Song), n.° 10)

Days of Open Hand[modifica]

Etichetta: A&M Records, 1990, prodotto da Anton Sanko e Suzanne Vega

  • Oh, mamma | il vecchio mi sta dicendo qualcosa | i suoi occhi sono spalancati e la sua bocca è sottile | e non posso proprio udire quello che sta dicendo. | Oh, mamma | mi chiedo quando mi starò svegliando | è solo che c'è così tanto da fare | e sono stanca di dormire...
Oh mom | The old man is telling me something | His eyes wide and his mouth is thin | And I just can't hear what he's saying. | Oh mom | I wonder when I'll be waking | It's just that there's so much to do | And I'm tired of sleeping... (da Tired of Sleeping, n.° 1)
  • So com'è | quando qualcosa se n'è andato | un pezzo della tua vista | o forse la tua visione | un angolo di senso | diventa bianco sullo schermo | un pezzo di scansione | si riempie nella mia mano... | sai che è stato | e ora non è | quindi arrangiati solo con | qualunque cosa tu abbia.
I know how it is | When something is gone | A piece of your eyesight | Or maybe your vision | A corner of sense | Goes blank on the screen | A piece of the scan | Gets filled in my hand | You know that it was | And now it is not | So you just make do with | Whatever you've got. (da Men in a War, n.° 2)
  • Ora è giunto il tempo di parlare. | Non ero capace | e l'acqua attraverso un tubo arrugginito | potrebbe rendere il senso di ciò che faccio...
Now the time has come to speak. | I was not able | And water through a rusted pipe | Could make the sense that I do... (da Rusted Pipe, n.° 3)
  • Nel mio libro dei sogni | ho preso il tuo sussurro insistente | rubato l'arco di un'ala bianca | cavalcato come la spuma sul fiume del peccato | trasformato la sua ondata in forza | guarito il buco che ha strappato via la vita.
In my book of dreams | I took your urgent whisper | Stole the arc of a white wing | Rode like foam on the river of pity | Turned its tide to strenght | Healed the hole that ripped in living. (da Book of Dreams, n.° 4)
  • Nel mio libro dei sogni | numera ogni pagina in argento | sottolineala con un evidenziatore magico | prendi il nome di ogni prigioniero | lì è tua la mia parola d'onore...
In my book of dreams | Number every word in silver | Underline in magic marker | Take the name of every prisoner | Yours is there my word of honor... (da Book of Dreams, n.° 4)
  • Istituto Green | guardo il pavimento e conto le ore | nessuno incontrerà il mio sguardo | persone isolate in questo luogo pubblico | mi chiedo se daranno un'occhiata | troveranno il mio nome in quel libro? | Perso sulla pagina stampata | dove puntare la rabbia senza meta... | ho gettato il mio voto su questa Terra | preso il mio posto per ciò che è degno | fame di un paio d'occhi | per notare e riconoscere...
Institution Green | Watch the floor and count the hours | None will meet my eye | Private people in this public place | I wonder if they'll take a look | Find my name inside that book | Lose me on the printed page | Where to point the aimless rage... | I cast my vote upon the earth | Take my place for what it's worth | Hunger for a pair of eyes | To notice and to recognize... (da Institution Green, n.° 5)
  • Tra la penna e le scartoffie | ci dev'essere passione nella lingua | tra i muscoli e il lavoro mentale | ci dev'essere sentimento nella conduttura | oltre il dovere e la disciplina | so che c'è rabbia in un luogo freddo | tutti i sentimenti cadono in un grande spazio | spazzati via come rifiuti nel finesettimana.
Between the pen and the paperwork | There must be passion in the language | Between the muscle and the brain work | There must be feeling in the pipeline | Beyond the duty and the discipline | I know there's anger in a cold place | All feelings fall into the big space | Swept up like garbage on the week-end. (da Big Space, n.° 8)
  • Lascia che ti sveli il futuro | lascia che ti mostri come sarà fatto | dai numeri. Dagli specchi. Dall'acqua. | Dai punti fatti a caso sulla carta. | Dal sale. Dai dadi. | Dal pasto. Dai topi. | Dall'impasto per dolci. | Dal fuoco sacrificale. | Dalle fontane. Dai pesci. | Scritte nella cenere. | Uccelli. Erbe. | Fumo dall'altare.
Let's tell the future | Let's see how it's been done | by numbers. By mirrors. By water. | By dots made at random on paper. | By salt. By dice. | By meal. By mice. | By dough of cakes. | By sacrificial fire. | By fountains. By fishes. | Writings in ashes. | Birds. Herbs. | Smoke from the altar. (da Predictions, n.° 9)
  • Ti parlo | ti amo | canto per te | ti porto | qualsiasi cosa. | Il suo piccolo cuore | batte così velocemente | il suo corpo trema | nello sforzo per resistere. | Ti abbraccio | canticchio per te | sono venuto per te | ti sfioro... | [...] | Lei tornerà a casa | domani alle dieci | la domanda è: | tenterà ancora?
I tell you | I love you | I sing to you | I bring to you | Anything. | Her little heart | Beats so fast | Her body trembles | With the effort to last. | I hug you | I hum to you | I've come to you | I touch you... | [...] | She's going home | Tomorrow at ten | The question is | Will she try it again? (da Fifty-Fifty Chance, n.° 10)

Note[modifica]

  1. Corriere della sera, 25 giugno 2009 Suzanne Vega, l'antidiva: conta l'arte (ma senza urli)
  2. Corriere della sera, 25 giugno 2009 Suzanne Vega, l'antidiva: conta l'arte (ma senza urli)
  3. Corriere della sera, 25 giugno 2009 Suzanne Vega, l'antidiva: conta l'arte (ma senza urli)
  4. Corriere della sera, 25 giugno 2009 Suzanne Vega, l'antidiva: conta l'arte (ma senza urli)
  5. Corriere della sera, 25 giugno 2009 Suzanne Vega, l'antidiva: conta l'arte (ma senza urli)

Altri progetti[modifica]