Toni Negri

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Antonio Negri, detto Toni Negri (1933 – vivente), politico e filosofo italiano.

  • Ero a Parigi e Craxi, allora presidente del Consiglio, mi fece sapere che i servizi stavano architettando qualcosa su di me, consigliandomi di essere cauto. Per questo ancora gli sono grato. (dalla trasmissione L'infedele, LA7, 3 maggio 2003)
  • L'altermodernità ci indroduce alla distinzione tra socialismo e comunismo. Mentre il socialismo oscilla ambiguamente tra modernità e antimodernità, il comunismo deve rompere risolutamente con entrambe istituendo una relazione diretta con il comune come premessa per disegnare la traiettoria dell'antimodernità. (da Comune, p. 112)
  • L'antimodernità è interna ed inseparabile dalla modernità. (da Comune, p. 85)
  • L'amore è il cuore pulsante del programma che abbiamo sviluppato fino a questo punto, senza il quale il resto sarebbe un ammasso senza vita. (da Comune, p. 184)
  • Mantenendosi all'opposizione si rischia di rimanere incischiati. Occorre passare dalla resistenza all'alternativa e individuare se e come i movimenti possano conquistare autonomia e liberarsi dalle relazione di potere della modernità. (da Comune, p. 108)
  • Mi spiace per Berlusconi. Le persone che si dichiarano perseguitate mi sono simpatiche. (da Il Riformista, 27 luglio 2009)
  • Pur essendo Berlusconi un mio avversario politico, io sono solidale con lui e con chiunque venga condannato ad anni di carcere da una magistratura come quella italiana che si è di volta in volta alleata con la destra e con la sinistra. Le operazioni giudiziarie, condotte contro di me e contro l'Autonomia negli anni Settanta con la complicità della sinistra, sono state una premessa alle successive cospirazioni giudiziarie contro i socialisti ieri e contro i berlusconiani oggi. (citato in Marco Travaglio, Toni Negri strizza l'occhio a B., L'espresso, 29 aprile 2011)

Citazioni su Toni Negri[modifica]

  • Ah, quel maledetto Toni Negri, quel maledetto aizzatore dei sentimenti dei giovani che è vigliaccamente scappato dall'Italia per non affrontare il carcere. Per un Paese non c'è nulla di peggio che i cattivi maestri. Come punirli? Bisognerebbe impiccarli. Ripeto, impiccarli. (Indro Montanelli)
  • È un uomo che ho sempre giudicato un cretino per le sue elucubrazioni politiche e un imbecille come intellettuale. (Giorgio Bocca)
  • [Su Impero] Hanno scritto che è la teoria degli antiglobal, ma non è vero. Intanto Negri riconosce alla globalizzazione dei meriti, soprattutto quello di avere portato al superamento degli Stati nazionali. E poi, non crede che gli Stati Uniti siano il centro dell'impero, e nel suo testo non c'è traccia di pauperismo. Direi che Negri vede nel movimento antiglobal una specie di movimento comunista a-scientifico, cioè non hegeliano-marxista-leninista, che secondo lui servirà ad abbattere l'attuale impero, fatto dalle relazioni economiche internazionali. Dopo di che, questo comunismo utopico dovrà inverarsi in un nuovo comunismo scientifico. (Francesco Cossiga)
  • Sono andato a trovarlo in carcere, ed è stato un incontro commovente. Non ci vedevamo da quando, io giovane e lui giovanissimo, frequentavamo l'Azione cattolica. (Francesco Cossiga)

Altri progetti[modifica]